Toro, vincere contro il Lecce per compiere salto di maturità

Toro, vincere contro il Lecce per compiere salto di maturità

Occhi Sgranata / Torna la rubrica del nostro Vincenzo Chiarizia: “Dunque il Toro ha il dovere di affrontare il Lecce con la consapevolezza di avere i mezzi tecnici superiori, ma con l’atteggiamento mentale idoneo”

di Vincenzo Chiarizia

E’ già stato scritto che il Toro, giocando lunedì sera contro il Lecce, avrebbe l’opportunità di restare in testa alla classifica dopo tre giornate, cosa che non accade dal 1976. Sabato 3 ottobre 2015 il Toro andava a giocarsi le proprie chance di salire momentaneamente in testa alla classifica di Serie A in solitaria, se avesse vinto il match di Modena contro il Carpi. Anche questo non accadeva dal campionato 1976/1977 quando in panchina sedeva il compianto mister Radice. Quella partita in particolare rappresentava comunque un appuntamento con la storia perché, anche in caso di vittoria del Carpi, si sarebbe scritta un bella pagina calcistica per la matricola di allora che, proprio contro il Torino, avrebbe potuto ottenere i primi 3 punti della storia carpigiana nel massimo campionato italiano. Sappiamo tutti poi come è andata a finire.

Questo parallelismo tra il match di lunedì e la partita di allora contro il Carpi spinge ad una riflessione sulla maturità della squadra granata. Ritengo che dal punto di vista mentale il Toro sia cresciuto notevolmente, ma lunedì ne avremo finalmente la prova. Troppe volte è capitato che in partite come queste (non decisive al raggiungimento dell’obiettivo stagionale, essendo quella contro il Lecce solo la terza gara di campionato), il Toro abbia spesso deluso… proprio come a Modena contro il Carpi nel 2015. Le ragioni presumibilmente sono da ricercare in un’immaturità di squadra che possa portare la squadra a sottovalutare l’impegno che si sta per affrontare. Rispetto alla guida tecnica di Ventura, al quale va dato merito per averci riportato in A, va ricordato come il suo credo vertesse sul giocarsi il presente con uno sguardo sempre volto al passato (“Ricordiamoci chi siamo e da dove veniamo”). Mister Mazzarri vive il presente e anche lui non sottovaluta nessuno, nemmeno il potenziale del Lecce, ma ha con lo sguardo rivolto al futuro, per portare più in alto il Toro. Conoscendo il tecnico di San Vincenzo, prevedo infatti che alla conferenza di presentazione del match contro il Lecce, Mazzarri sottolineerà le caratteristiche della squadra di mister Liverani, ma non per creare alibi alla squadra, ma per tenere sulla corda i 14 giocatori che scenderanno in campo. Dunque mi aspetto che il salto dal punto di vista mentale il Toro lo compia già a partire da Lunedì, eguagliando finalmente il Toro di mister Radice, iniziando la stagione a punteggio pieno dopo tre gare.

Il Lecce di Liverani si presenta con gli ex granata Tachtsidis, Rossettini e Fiamozzi (quest’ultimo non ha mai vestito la maglia granata poiché arrivato in granata nel 2012 in comproprietà dal Varese dove giocò anche nella stagione 2012/2013 e 2013/2014 prima del definitivo riscatto dei biancorossi), con Lapadula che in passato è stato accostato al Toro in più di un’occasione, con due giocatori simbolo della stagione precedente come Mancosu e Falco, quest’ultimo ribattezzato il “Messi del Salento” e, infine, con Babacar e Farias. L’ex viola, quando vestiva la maglia gigliata, ha bucato la porta granata in tre occasioni, mentre l’ex Empoli e Cagliari non ha avuto un grande inizio di campionato in giallorosso rimediando l’espulsione a San Siro contro l’Inter. Sicuramente il Lecce, dopo l’imbarcata di Milano e il match perso al Via del Mare dove non ha segnato nemmeno un gol e ne ha incassati ben cinque, avrà voglia di riscatto. Soprattutto nel match contro il Verona, l’1 a 0 subito è un risultato piuttosto bugiardo per quanto creato dai giallorossi e anche per il rigore non concesso per fallo di mano (in virtù delle nuove regole) sullo 0 a 0. La coppia difensiva centrale Lucioni – Rossettini è esperta, ma non velocissima. Di questi due, in situazione di palla inattiva è da tenere d’occhio l’ex capitano del Benevento. Lapadula è una punta che i gol li ha sempre fatti. E’ dunque probabile che mister Liverani, per combattere la sterilità offensiva patita in queste due prime giornate, faccia partire dal primo minuto contro il Toro con il tandem Lapadula-Babacar o Farias-Babacar, entrambi ben assortiti per una squadra che mira a raggiungere la salvezza.

Dunque il Toro ha il dovere di affrontare il Lecce con la consapevolezza di avere i mezzi tecnici superiori, ma con l’atteggiamento mentale idoneo a non sottovalutare l’impegno per non farsi sorprendere dai giallorossi. Vincere lunedì, oltre alla logica importanza dei tre punti, sarebbe significativo sotto l’aspetto della maturità. Coraggio ragazzi, dimostrate di essere diventati grandi!

 


Vincenzo Chiarizia, giornalista di fede granata, collabora con diverse testate abruzzesi che trattano il calcio dilettantistico, per le quali scrive e svolge telecronache. Quinto di sei figli maschi (quasi tutti granata), lavora e vive a L’Aquila con una compagna per metà granata.

11 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Garra - 1 settimana fa

    Basta con “l prova di maturità”. Questa storia saltata fuori più vole l’anno passato e i ragazzi abbiano reagito bene, soprattutto nella seconda metà. Ricordo più volte che è stato scritto “..E adesso la prova di maturità”. Molte volte superata, soprattutto alla fine in cui dovevamo fare sempre 3 punti a partita per rimanere attaccati ai posti per l’Europa.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Garra - 1 settimana fa

      Mi son mangiato delle parole..scusate, ma il senso si capisce.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. enrico.santer_12964705 - 1 settimana fa

    la prova del 9: in queste partite l’anno scorso abbiamo perso punti fondamentali, a volte per mancanza di concentrazione, a volte perché non si riusciva ad avere il guizzo per scardinare difese arroccate. La mentalità adesso sembra quella giusta ed abbiamo l’uomo che può inventarsi la giocata giusta, dando imprevidibilità e qualità alla manovra offensiva. Lo so, ormai sembra un mantra…ma finalmente possiavo vedere di che pasta siamo fatti.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Tarzan annoni - 1 settimana fa

    Dai ragazzi guardate il toro sotto la curva.. Concentrati e date tutto.. Come una finale

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Tarzan annoni - 1 settimana fa

    Dai!!! Guardate il toro sotto la curva e giocate alla morte date tutto e concentrazione al massimo!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. Mario66 - 1 settimana fa

    La squadra deve dimostrare di aver fatto finalmente il salto in avanti definitivo dal punto di vista della mentalità. Questo infatti è determinante se si vogliono raggiungere certi traguardi. Purtroppo l’anno passato questo non è avvenuto e abbiamo perso malamente con parma empoli e bologna.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. GlennGould - 1 settimana fa

    Non basterà vincere.
    Serve una prova di forza. Serve dimostrare quanto il toro sia forte.
    Serve un risultato eclatante.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Marchese del Grillo - 1 settimana fa

      Mi hai fatto venire la bava alla bocca, come se mi avessi messo una Sacher sotto al naso!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. RFgranata - 1 settimana fa

    Vincere col Lecce così possono tutti salutare la capolista FVCG

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. user-14003131 - 1 settimana fa

    Se giocano concentrati non c’è storia.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  9. user-14287754 - 1 settimana fa

    grazie a dio lapadula sono state solo parole non mi piace come gioca!!! andiamo a prenderci i tre punti e manteniamo la vetta più possibile forza ragazzi FVCG

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy