Covid-19, gli aggiornamenti del 9 aprile / Verso il lockdown fino al 3 maggio

Diretta TN / Gli aggiornamenti di giornata, dallo sport e non solo, sulla grave emergenza sanitaria che sta affrontando il nostro Paese

di Redazione Toro News

21.16 – Il governo va verso il prolungamento del lockdown fino al 3 maggio. Stando a quanto riportato da Ansa, si valuta la possibilità di poche riaperture mirate nell’ambito dei codici Ateco delle attività essenziali. Nei prossimi giorni – si spiega – verrà istituito un gruppo di lavoro per prefigurare le condizioni per una riapertura progressiva.

20.53 – Il primo ministro inglese Boris Johnson è uscito dalla terapia intensiva, ha annunciato il portavoce di Downing Street. Ora sarà curato in reparto.

18.00 – Arriva il consueto bollettino della Protezione Civile:

Casi attuali: 96.877 (+1.615, +1,7%)
• Deceduti: 18.279 (+610, +3,5%)
• Dimessi/Guariti: 28.470 (+1.979 , +7,5%)
• Ricoverati in Terapia Intensiva: 3.605 (-88, -2,4%)

Totale casi: 143.626 (+4.204, +3,0%)

15.58 – Si va verso un prolungamento di 14 giorni delle attuali misure restrittive e di isolamento previste dal dpcm in scadenza il 13 aprile, con una probabile ulteriore proroga delle misure di isolamento a casa almeno fino al 2 maggio. Lo apprende l’ANSA da fonti qualificate. Sarebbe inoltre in discussione l’eventualità che dopo Pasqua possano riaprire alcune piccole attività legate alla filiera agroalimentare e sanitaria, previo il rispetto delle misure di distanziamento.

15.42 – Nonostante il forte aumento dei guariti (2099 nella giornata di ieri), stando a quanto riportato da Ansa l’Oms frena sull’inizio della ‘Fase 2’: “non c’è ancora una diminuzione netta” dei contagi “ma solo un rallentamento, riaprire ora è difficile”

14.00 – “La Mafia in Italia aspetta soldi Ue“. Queste le dichiarazioni del quotidiano tedesco di stampo conservatore Die Welt, che in queste ore ha scosso l’opinione pubblica in tutta Europa. Immediata la presa di posizione del ministro degli Esteri Di Maio, che ha affermato ai microfoni di Rai 1: “Unʼaffermazione vergognosa e inaccettabile, il governo tedesco prenda le distanze“.

13.45 – Sale a quota 100 il bilancio dei medici morti in Italia a causa dell’emergenza Coronavirus. A renderlo noto è la Federazione nazionale degli ordini dei medici (Fnomceo), che informa come altri 4 camici bianchi abbiano perso la vita quest’oggi.

13.30 – Anche Salvatore Sirigu ha deciso di dare il proprio contributo alla Protezione Civile, partecipando alla raccolta fondi di Sky Sport. Queste le dichiarazioni dell’estremo difensore del Torino (LEGGI QUI).

13.15 – L’appello dell’ex giocatore del Torino ed oggi in forza al West Ham Angelo Ogbonna ai microfoni di Sky Sport: “La vedo molto dura per la ripresa dei campionati, anche se la Premier League vorrebbe ricominciare presto“. Ogbonna si dice preoccupato: “Abbiamo programmato la ripresa degli allenamenti tra due settimane, ma la vedo dura. Tra poche settimane nascerà mio figlio e sono preoccupato…“.

13.00 – “Dobbiamo individuare alcuni settori che possono ricominciare la loro attività. Con l’assenso degli scienziati, potremmo allentare alcune misure già alla fine del mese“. Così il Premier Giuseppe Conte sull’emergenza Coronavirus.

12.15 – Il Southampton è il primo club di Premier League ad aver raggiunto un accordo con i suoi giocatori per il taglio degli stipendi. La riduzione salariale – ha fatto sapere la società inglese – verrà estesa anche al manager Ralph Hasenhuttl e al suo staff così come a tutti i dirigenti, e resterà in vigore fino a giugno.

11.45 – Anche Le Bron James cambia idea riguardo alle partite a porte chiuse. Queste le parole della stella dei Los Angeles Lakers riportate da La Gazzetta dello Sport: “Se l’unico modo per garantire la sicurezza di tutti è questo, va bene, ne parleremo tutti assieme”.

11.30 – Raggiunto un accordo per il taglio degli stipendi dei giocatori del Real Madrid. I giocatori dei Blancos rinunceranno a una cifra compresa tra il 10% e il 30% dei propri emolumenti. Una decisione che non ha però trovato d’accordo Toni Kroos. “È un regalo ai club” ha detto il tedesco.

10.30 – Primo caso di Coronavirus anche in Bundesliga. Mentre i grandi club spingono per far ripartire il campionato, quest’oggi si è verificato il primo contagio tra i calciatori. Si tratta di Luca Kilian, difensore del Paderborn.

10.00 – Coronavirus, parla Gianni Infantino: “Riprendere a giocare? Sì, ma una partita di calcio non vale una vita umana“.

Fifa, Infantino: “Tornare a giocare? Sì, ma una partita di calcio non vale una vita”

9.45 – Ciclismo amatoriale: saltano tutte le Gran Fondo più importanti. Secondo quanto riportato dalla Gazzetta dello Sport, infatti, sono già state cancellate la Nove Colli, la Stelvio Santini, la Sportful Dolomiti Race e la prova più conosciuta in tutto il mondo, la Maratona dles Dolomites.

9.30 – I giocatori della Premier League si uniscono. Nasce #PlayersTogether: la raccolta fondi portata avanti dai giocatori della Premier League in favore del Sistema Sanitario inglese. “Questo è un periodo critico per il nostro paese – si legge sul comunicato – e siamo pronti ad aiutare in tutti i modi possibili“.

9.00 – Il Governo è al lavoro sul nuovo Dpcm. Il Premier Conte deciderà entro sabato se il trend sarà abbastanza positivo da far cominciare una “Fase 2″ dopo il 13 aprile. Intanto specifica: “Dopo il 13 aprile non ci sarà nessun liberi tutti“.

8.30 – Il Premier Giuseppe Conte all’Europa: “Ammorbidire le regole UE, oppure faremo da soli. Non dobbiamo arretrare rispetto a Cina e Usa che mettono al momento a disposizione il 13% del Pil“.

Bentrovati amici di Toro News: in questo articolo troverete tutti gli aggiornamenti, minuto per minuto, sulla situazione Covid-19 e sulle sue ripercussioni per il mondo sportivo e non solo. Lo sport è stato fermato in tutta Europa, con svariati campionati di diverse discipline che negli scorsi giorni sono stati interrotti fino a data da destinarsi. Già rinviati anche Euro 2020 e le Olimpiadi di Tokyo 2020.

2 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. drino-san - 7 mesi fa

    Certo che dopo il dieselgate e le innumerevoli frodi alimentari ci vuole coraggio a parlare di mafia negli altri paesi

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. G.GRANATA - 7 mesi fa

    Rumenigge… È adesso? Vai a casa vai… Che è meglio

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy