Kosovo-Moldavia 1-0: novanta minuti in chiaroscuro per Vojvoda. Si rivede Ujkani

Nazionali / I due granata sono partiti titolari e hanno disputato tutta la sfida contro i moldavi

di Lorenzo Chiariello, @lorechiariello
Vojvoda

Termina con una vittoria l’avventura del Kosovo in Nations League. La selezione allenata da Bernard Challandes si è imposta per 1-0 sulla Moldavia – retrocessa in Lega D – grazie alla rete firmata da Lirim Kastrati. Con questo successo, i kosovari chiudono al terzo posto del Gruppo 3 di Lega C alle spalle di Slovenia – qualificata in Lega B – e Grecia. Anche i granata Mergim Vojvoda e Samir Ujkani hanno avuto l’opportunità di partecipare al successo di ieri sera della propria Nazionale e alla conseguente salvezza del Kosovo, che rimane così in Lega C.

LEGGI ANCHE: Nazionali, Bosnia-Italia 0-2: Belotti scatenato, incoraggiante Gojak

TRA I PALI – Ujkani è tornato a giocare con la maglia della Nazionale kosovara, di cui è uno dei giocatori più rappresentativi pur rivestendo i panni del secondo portiere. Il granata è stato all’altezza della situazione. I moldavi sono andati al tiro 11 volte, ma soltanto una di queste conclusioni è stata indirizzata nello specchio e Ujkani è riuscito a rispondere in maniera adeguata. La Nazionale rappresenta per Samir un modo per mantenere il feeling con il campo, visto che in granata è attualmente il terzo portiere dietro Sirigu e Milinkovic-Savic.

LEGGI ANCHE: Gian Piero Ventura: “Date tempo a Giampaolo. Io al suo posto? Fake news”

SULLA DESTRA – Vojvoda è partito titolare per la quinta volta su sei sfide giocate in questa Nations League dal Kosovo ed è stato schierato come terzino destro nel reparto difensivo a quattro davanti a Ujkani. La gara del terzino granata però non è stata particolarmente soddisfacente, forse a causa dell’ingente impegno e dispiego di energie richiestogli da Challandes durante la competizione. Oltre a qualche errore in fase di impostazione, da parte di Vojvoda, poca spinta sulla fascia di competenza e due conclusioni da palla inattiva, ma nulla di veramente pericoloso.

1 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Madama_granata - 6 giorni fa

    Vojvoda:
    “La gara del terzino granata però non è stata particolarmente soddisfacente”,
    ci racconta l’articolo.
    Lo stesso giudizio, se non addirittura peggiore, l’abbiamo letto (e visto) riguardo a Linetty, e nessuno dei tanti “nazionali” granata sparsi per il mondo pare aver brillato particolarmente.
    L’unica luce, l’unica stella a brillare, come al solito, Capitan Belotti.
    A fronte di questi risultati si può capire perché il Toro trovi così tante difficoltà in campionato: a quanto pare l’apporto dei nuovi arrivati è insoffisfacente.
    Al di fuori dei “nazionali”, anche Bonazzoli, Murru, Rodriguez non hanno fino ad ora offerto prestazioni pienamente convincenti.
    Concludendo pare che la “qualità” dei giocatori arrivati questo anno per migliorare la squadra sia uniforme a quella di tanti giocatori che militano nel Toro da anni: deludente.
    – Belotti e Sirigu superiori anni-luce a tutto il resto del gruppo.
    – Bremer, Lukic e Singo in continuo miglioramento.
    – Baselli da attendere a braccia aperte, sperando nella sua qualità.
    – gli Ex-Primavera: alcuni giovani “incompiuti”, altri per ora non utilizzati
    – mediocre e deludente il resto della squadra: “vecchie glorie” e nuovi arrivati.
    Cambiano gli allenatori e i direttori sportivi, Cairo continua a spendere quattrini, ma i risultati non arrivano!

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy