Primavera, a Udine il terzo posto è realtà. Ora l’ultimo passo

Primavera, a Udine il terzo posto è realtà. Ora l’ultimo passo

Giovanili / La squadra di Coppitelli ad un passo da un ottimo traguardo, ma occhio alle distrazioni contro il Cittadella

di Nikhil Jha, @nikhiljha13

Un’amarezza che scompare di fronte alla consapevolezza del traguardo (quasi) raggiunto: è questo lo stato d’animo della Primavera di Coppitelli, che può smaltire in fretta la delusione derivante dal pareggio esterno contro l’Udinese e concentrarsi sul terzo posto raggiunto in concomitanza con Sassuolo ed Empoli, ma in vantaggio nella classifica avulsa degli scontri diretti.

Le pagelle di Udinese-Torino 1-1: buon esordio per Savatovic

IL PUNTO – Il trio, infatti, è accoppiato, ad una giornata dalla fine, a quota 49 punti. Imprendibile ormai il secondo posto, appannaggio del Chievo a 54. Per effetto degli scontri diretti incrociati, però, sono i granata a trovarsi al terzo posto in classifica, dietro appunto ai clivensi ed alla capolista Juventus. Un traguardo che non eviterebbe ai granata i playoff, ma che comunque dà la giusta dimensione alla stagione comunque positiva di Rivoira e compagni e permette, almeno sulla carta, di avere un avversario più favorevole nel primo turno degli spareggi che decreteranno le ultime due partecipanti alla fase finale.

Leggi le parole di Coppitelli: “Risultato? Conta la classifica”

Auriletto
Auriletto

IL MATCH – E dire che la sfida contro l’Udinese si era messa nel migliore dei modi dopo la rete di D’Alena su calcio di rigore. I friulani non sono affatto squadra banale – occupano il sesto posto in classifica – ed i granata sono riusciti a mantenere per lunghe fasi il pallino del gioco in mano, salvo chiudersi a protezione del pareggio negli ultimi, fatali minuti, quando una rete di Djoulou ha riacciuffato gli ospiti.

Rivivi il LIVE del match di Pordenone

ORA IL CITTADELLA – L’amarezza, si diceva, è sfumata in fretta, ma ora occhio all’ultima, decisiva sfida di campionato: al Don Mosso, infatti, arriva il Cittadella. Una squadra obiettivamente abbordabile, ma che non andrà affrontata sottogamba. Solo un successo, infatti, permetterebbe ai granata di mantenere il proprio destino nelle proprie mani. La priorità, naturalmente, è quella di mantenere la terza piazza a scapito di due squadre di grande valore, che giusto qualche settimana fa si giocavano la finale della Viareggio Cup, il più prestigioso torneo di categoria. Un grande risultato, dunque, che contro i veneti richiede l’ultimo passo formale.

1 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. al_aksa_67 - 3 anni fa

    Anche con la vittoria, il terzo posto non è sicuro.
    Perchè se l’Empoli vince e il Sassuolo no, i ragazzi di Coppitelli finirebbero quarti

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy