Torino, la casa della Primavera è il Filadelfia: lì deve poter costruire i propri successi

Torino, la casa della Primavera è il Filadelfia: lì deve poter costruire i propri successi

Follow up / I ragazzi di Sesia all’esordio nello storico impianto granata hanno dimostrato di dare il meglio se supportati dal tifo e dalla storia

di Roberto Ugliono, @UglionoRoberto
L'esultanza del Torino Primavera contro il Bologna

Alla Primavera del Torino è bastato riassaporare l’aria di casa, quella quasi magica del Filadelfia, per mettere in mostra tutto quello che, dal ritiro a oggi, ha costruito sotto gli insegnamenti di Marco Sesia. Contro il Bologna si è visto il vero Torino, una squadra solida in difesa e sempre pronta a verticalizzare con velocità in attacco. Un cambiamento repentino se si pensa che una settimana fa contro la Sampdoria la Primavera era apparsa in difficoltà (nonostante nel primo tempo fossero stati giocati almeno trenta minuti di indubbia qualità). Per questo motivo non si può non attribuire parte del merito al fattore casa. Il Torino Primavera visto con il Bologna al Filadelfia è sembrato più sicuro e più tranquillo anche per la carica che può dare il giocare in un impianto così prestigioso.

Primavera, le pagelle di Torino-Bologna 5-1: Lucca-Rauti coppia implacabile

MAI SENZA FILA – Per questo viene scontato fare un ragionamento. Perché la Primavera non ha potuto giocare stabilmente al Filadelfia? Vero è che ci sono stati imprevisti (come la concomitanza tra l’allenamento della Prima squadra e la partita dei ragazzi di Sesia), ma su tutti uno si può aggirare in futuro: i lavori di rifacimento del manto erboso. Sicuramente ci sono stati dei motivi per cui non è stato possibile differirli ad altro periodo, ma l’auspicio è davvero che in futuro interventi di questo tipo possano essere programmati in modo tale che non coincidano con gli impegni della Primavera. Il “Fila” non è certo garanzia di imbattibilità, ovviamente, ma di certo aiuta i ragazzi a sentirsi a casa, è tradizione ed è per definizione il palcoscenico delle gare del Torino Primavera.

PIEDI PER TERRA – La squadra granata, comunque, (Sesia ieri ha parlato di quanto sia stata complicata la settimana), contro il Bologna ha dimostrato ancora una volta di avere carattere e orgoglio. Già contro la Sampdoria, nonostante il risultato e la partita non certo felice, non erano mancate voglia e determinazione. D’altronde questa è una peculiarità della squadra di Sesia (come più volte sottolineato) e, se accompagnata anche dal giusto equilibrio in campo, può diventare determinante. La vittoria contro il Bologna non deve però distogliere la Primavera del Torino dalla realtà: la strada è ancora lunga, e vanno fatti prima possibile i punti che garantiscono la salvezza. Con la speranza che il fattore casa possa essere sempre più importante.

1 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Quello che il Toro è il Fila, i Balon boys, il Grande Turin e Meroni - 2 settimane fa

    È magia tutto ciò che gira attorno alla Primavera quando gioca al Fila: i ragazzi comprendono di quale storia si vestono, è tornata una vittoria, netta, il bel gioco, un Rauti letale ed un Buongiorno maiuscolo. Dovrebbe essere, però, la casa del Toro: un proprietà torinista farebbe di tutto per aumentare la capienza per poter disputare la A (10mila posti sono assolutamente possibili da realizzare) e mettere a norma tutto il resto… Volere è potere! Forse in un altra vita… Un Toro al Fila con tanti giovani cresciuti in granata

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy