Torino Primavera, a Volpiano è sfida al Milan: alla ricerca di continuità

Giovanili / I granata contro l’Inter hanno strappato un buon punto, ma contro i rossoneri si alzerà l’asticella

di Roberto Ugliono, @UglionoRoberto

Domani pomeriggio la Primavera del Torino torna in campo per sfidare il Milan, nel recupero della 4 giornata. La partita, che si giocherà a Volpiano e inizierà alle 15, si preannuncia complicata per i ragazzi di Marcello Cottafava. I rossoneri sono una squadra di ottimo livello e sicuramente una delle pretendenti al titolo, mentre i granata al momento devono innanzitutto pensare a salvare la categoria. Nei primi 4 incontri di campionato Siniega e compagni hanno conquistato appena 2 punti, ottenuti nelle trasferte di Ferrara contro la Spal e di Milano contro l’Inter.

MILAN, ITALY – JANUARY 23: Cesare Casadei of FC Internazionale competes for the ball during the Primavera 1 TIM match between FC Internazionale U19 and Torino FC U19 at Suning Youth Development Centre in memory of Giacinto Facchetti on January 23, 2021 in Milan, Italy. (Photo by Emilio Andreoli – Inter/Inter via Getty Images)

INTERROGATIVI – Il Toro arriva dunque da due risultati utili consecutivi ed entrambi su campi difficili. Per intenderci, la Spal ieri ha battuto 1-0 la Roma – squadra di gran lungo tra le migliori del campionato e domenica sarà avversaria del Torino – grazie al gol dell’ex Novara Pinotti. Contro l’Inter il pari è arrivato grazie a un primo tempo giocato con qualità nonostante un approccio alla partita totalmente sbagliato e un secondo di sofferenza. I segnali positivi ci sono, ma serve capire quale delle due squadre viste contro i nerazzurri sia il Toro di Cottafava. Quello del primo tempo è un Torino quadrato e che gioca bene palla a terra, quello del secondo tempo si è salvato grazie alla forza del gruppo, ma ha faticato troppo a uscire dalla metà campo difensiva.

LEGGI ANCHE: Torino primavera, la missione salvezza è ripartita: dopo la sosta c’è una squadra diversa

Torino Primavera

MILAN – Chiaramente dopo 3 mesi di stop la condizione fisica non è delle migliori e il calo visto nel secondo tempo contro l’Inter è accettabile. Rimane il fatto che i granata sono stati schiacciati da una squadra composta principalmente da 2003 e da seconde linee. Contro il Milan potrebbe non bastare. Federico Giunti, tecnico dei rossoneri, conta su una squadra qualitativamente di livello. Alla prima dalla ripresa hanno strapazzato la Lazio a Roma grazie a Di Gesù, Olzer e Roback. I primi due sono anche in orbita prima squadra e il secondo ha anche già esordito tra i professionisti, tra l’altro, proprio contro il Toro “dei grandi” in Coppa Italia. A proposito di giovani in orbita prima squadra, Pioli non ha neanche convocato Frigerio (altro 2002 ormai presenza fissa con Ibra e compagni) e quindi potrà essere a disposizione di Giunti. Dimostrazione che il Milan si preannuncia una squadra ben più complicata da affrontare rispetto all’Inter. Se il Torino saprà dare continuità al primo tempo giocato nell’ultima gara, allora ci saranno buone possibilità di fare punti.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy