Calzetta (Realtà genoana): “A Genova tutti innamorati di Nicola, lui lo è del Toro”

Intervista / Il collega che segue da vicino la realtà rossoblù ci introduce alla gara

di Andrea Calderoni

Nella marcia di avvicinamento a Torino-Genoa ci affidiamo a Luca Calzetta, collega di “Realtà genoana”, che ci offre il punto di vista di un cronista al seguito dei liguri verso il match di sabato alle 15 tra i granata di Davide Nicola (ex di giornata) e il Genoa di Davide Ballardini.

Buongiorno Luca, Davide Ballardini ha rivitalizzato il Genoa. È lo stesso Grifone delle precedenti gestioni del tecnico?

“Le esperienze di Ballardini sulla panchina del Genoa sono l’una diversa dall’altra. Questa squadra ha più qualità rispetto alle precedenti. Questo Genoa sa fare perfettamente la fase difensiva e lo ha dimostrato, pur soffrendo contro un Napoli sotto di due gol, nell’ultimo turno. Però, oltre a difendere bene, il Genoa di Ballardini aggredisce alto. In effetti, molti gol realizzati dopo l’arrivo di Ballardini sono nati da palloni recuperati in zona d’attacco. Chiunque gioca con il Genoa nell’ultimo periodo si trova in difficoltà a causa della carica agonistica e dell’ordine del Grifone”.

Ci tolga una curiosità: che tipo di rapporto esiste tra Ballardini e Preziosi?

“Il rapporto tra i due non è dei migliori. L’ultimo esonero era finito male. Preziosi aveva definito Ballardini un allenatore scarso e non in grado di gestire un gruppo, eppure l’ha richiamato per la quarta volta. La prima volta ha concluso addirittura al decimo posto con 51 punti, il secondo anno il Genoa era in difficoltà ed è riuscito a salvare la squadra. Anche la terza esperienza è andata più o meno nella stessa direzione della seconda. L’ultima volta che era stato esonerato Ballardini aveva comunque conquistato 12 punti in 7 partite. Non esiste grande alchimia tra Ballardini e Preziosi, però il direttore Marroccu sta facendo bene da cuscinetto tra presidente e allenatore. Allenatore e presidente non si incontrano quasi mai e non parlano quasi mai assieme. L’intermediario del tecnico è Marroccu che conosceva già dai tempi di Cagliari. Il fatto di non avere rapporto paradossalmente rafforza il rapporto tra i due”.

GENOA, ITALY FEBRUARY 6: Davide Ballardini head coach of Genoa CFC during the Serie A match between Genoa CFC and SSC Napoli- Serie A at Stadio Luigi Ferraris on February 6, 2021 in Genoa, Italy. (Photo by Paolo Rattini/Getty Images)

Che impatto ha avuto Strootman sul Genoa?

“È arrivato con un’umiltà straordinaria. Vuole fare bene. Ha il pregio di far giocare bene anche gli altri. Ha alzato il livello negli allenamenti e di tutta la mediana del Grifone. D’altronde il rendimento di Zajc e di Badelj è cresciuto esponenzialmente nelle ultime settimane. L’assenza a Torino di Badelj davanti alla difesa preoccupa parecchio il mondo genoano. È un perno imprescindibile nel Genoa attuale e nelle ultime otto partite è quello che, insieme a Strootman e Destro, si sta esprimendo meglio. Non averlo a Torino sarà un grave guaio per il Genoa, perché è un centrocampista strutturato fisicamente e molto intelligente”.

LEGGI ANCHE: Torino, Lukic dal Genoa al Genoa: festeggia 100 presenze ma ora c’è concorrenza

Senza Badelj, assente per squalifica, che Genoa dovremo attenderci?

“Nell’unica gara senza Badelj è stato schierato Rovella. Io personalmente ho il dubbio che possa schierare Behrami con Strootman e Zajc. In tanti, però, sostengono che partirà Rovella perché è il sostituto naturale di Badelj. Per il resto credo che non ci saranno cambi rispetto al Napoli. Anche se Zapata è tornato in gruppo, così come saranno a disposizione Masiello, Pjaca e Shomurodov che hanno saltato il Napoli”.

CROTONE, ITALY – JANUARY 31: Milan Badelj of Genoa during the Serie A match between FC Crotone and Genoa CFC at Stadio Comunale Ezio Scida on January 31, 2021 in Crotone, Italy. (Photo by Maurizio Lagana/Getty Images)

Un’ultima domanda sul grande ex di giornata: Davide Nicola. Che ricordo ha lasciato a Genova?

“A Genova sono tutti innamorati della persona. Davide è cresciuto al Genoa dai 12 ai 27 anni. Ci ricordiamo tutti la scena di quando portò il proprio bambino sotto la gradinata. Anche dal punto di vista tecnico il Genoa non può che ringraziare Nicola: ha preso la squadra alla diciottesima giornata con 14 punti e l’ha salvata con 38 punti. Prima del lockdown era riuscito anche a far esprimere un buon calcio al Genoa. Noto che anche il Torino di Nicola sta prendendo forma e assomiglia molto al Genoa pre-lockdown. Poi, la lunga sosta non favorì il Genoa che pagò lo scotto fisico e non fu molto brillante tra giugno e luglio. Tutti ci aspettavamo la riconferma di Nicola: sarebbe stata una grande gioia per la piazza. Ora, sono contento che Davide si sia trasferito al Torino perché è innamorato dei colori granata”.

2 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. christian85 - 2 settimane fa

    Le similitudini tra Nicola e Ballardini possono essere abbastanza analoghe, al di là del fatto che mister Ballardini ha ovviamente più esperienza di Nicola.

    Ballardini ha avuto secondo me, solo la sfortuna di aver avuto a che fare con presidenti come Zamparini e appunto Preziosi.

    L’articolo è scritto in maniera molto chiara e veritiera, poichè credo che appunto molti non sanno di questo aneddoto tra Ballardini e Preziosi.. ma è una cosa che succede all’80% nelle società di calcio, sin anche da quelle dilettantistiche.

    Detto questo comunque, il Genoa ha sempre avuto una rosa abbastanza buona e giocatori importanti; la campagna acquisti del Genoa tra l’altro non è stata nemmeno male, ma come sempre e come dicevo negli articoli precedenti, sono le MOTIVAZIONI a fare da protagoniste..

    Fa specie comunque che Ballardini dopo essere stato cacciato 4 volte da Preziosi abbia accettato di allenare il Genoa.. sapendo comunque con chi hai a che fare, però appunto spesso e quasi sempre allenatore e presidente nemmeno si vedono tra di loro.

    Badelj e Strootman sono due grandi calciatori, ma lo sono anche Perin, Zappacosta, Destro, Shomurodov.. senza contare poi che hanno il loro Ibrahimovic, che è Pandev.

    Onore e tanto rispetto per Ballardini, che mi piace come persona e tecnico, sarà molto dura e difficile, ma spero in una bellissima partita di calcio e che vinca il migliore.

    Squadre di calcio, storiche e importanti come il Toro e il Genoa dovrebbero essere sempre al posto di Atalanta, che al contrario non ha una storia come loro..
    Non voglio offendere nessuno per carità, ma un abisso in classifica del genere non può esser vero e non può essere che ogni anno, Toro e Genoa debbano scontrarsi per la salvezza…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Granata - 2 settimane fa

    Già… mancherà Badelj, il perno della squadra. Per loro sarà difficile sostituirlo. Buon per noi.

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy