Torino, è l’anno della rivoluzione societaria: l’unica certezza è Mazzarri

Torino, è l’anno della rivoluzione societaria: l’unica certezza è Mazzarri

La situazione / Dopo la partenza del ds Petrachi, anche Coppitelli ha deciso di lasciare il club granata

di Luca Sardo

È un anno de rivoluzione per il Torino di Urbano Cairo. Dopo l’addio del ds Gianluca Petrachi, ieri anche Federico Coppitelli, tramite un comunicato sul sito ufficiale del Torino, ha rescisso il proprio contratto con i granata per firmare con l’Imolese. Con Massimo Bava passato da responsabile del settore giovanile granata a nuovo ds, ricoprendo il posto lasciato scoperto da Petrachi, nei giorni scorsi è stato ufficializzato Andrea Fabbrini, nuovo responsabile del settore giovanile del Toro. Questa rivoluzione societaria ha portato dunque molte novità in casa Toro, che, però, ripartirà da un’unica grande certezza: Walter Mazzarri.

Torino, tutti gli uomini di Bava: il neo ds punta su uomini di fiducia

RIVOLUZIONE – Sulla panchina della Primavera granata, rimasta orfana di Coppitelli, ci sarà Marco Sesia, ufficializzato anche lui ieri con un comunicato sul sito del Toro. Lui che dal 2016 è stato l’allenatore dell’Under 17 granata. Con Massimo Bava ci dovrebbero essere anche tre coordinatori che si occuperanno dell’area scouting e riporteranno ogni informazione al ds: si tratta di Marco Rizzieri, Massimo Storgato e Omar Milanetto. Dunque l’unica grande conferma è la prima squadra e Walter Mazzarri, il tecnico granata che non dovrà ricominciare un progetto partendo da zero, ma ripartirà da una squadra già tutta unita con i giocatori che conoscono bene tutti i tatticismi del mister toscano. Non c’è tempo da perdere: il 25 luglio il Torino dovrà disputare l’andata del primo turno preliminare di Europa League e i giocatori dovranno dare il cento per cento, con mister Mazzarri pronto a trascinare i ragazzi nella fase a gironi della competizione.

7 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Paul67 - 5 mesi fa

    Abbiamo un’ altra grande certezza, il nostro pres. che a maggio promette 3 rinforzi, a giunio 2, a luglio solo 1, ad agosto abbiamo tenuto tutti i BIG, a settembre i rinforzi arrivati nn si potranno chiamare, rinforzi.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Ciccio Graziani - 5 mesi fa

    Ora i 3 rinforzi

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. dattero - 5 mesi fa

    tante promozioni interne non son rivoluzioni.
    il nome storgato è bestemmia pura.
    lo ribadisco,fino a ieri ci scherniva e derideva,ci sbeffeggiava ed insultava.
    ora lo si paga? che schifo

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Mimmo75 - 5 mesi fa

      Ma di cosa ti meravigli ancora? Certe cose contano solo per i tifosi. Le società di calcio muovono centinania di milioni di euro, a volte son quotate in borsa e si affidano a fior di professionisti come farebbe qualsiasi grande azienda. I professionisti badano al sodo e fan quel che conviene a chi li paga. Storgato, in scala, è paragonabile a Sarri, un altro che attaccava senza quartiere e peli sulla lingua i gobbi. Conte ha fatto lo stesso con l’Inter, Sinisa ha tradito gli interisti (io al Milan mai, piuttosto muoio di fame) e a momenti andava ad allenare gli acertimi nemici della sua squadra del cuore, cioè la Roma. Dai…

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Torello di Romagna - 5 mesi fa

        Il dinero non puzza !
        Però cazzarola con tutti i professionisti che sono sul mercato noi non arruoliamo quasi mai gente col nostro DNA !

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. oraepersempre - 5 mesi fa

          tanti di quelli col nostro DNA sono talmente delusi di questo calcio attuale che ne stanno più alla larga possibile

          Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. PrivilegioGranata - 5 mesi fa

    Speriamo di aver cambiato in meglio su tutti i fronti.

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy