Ansaldi, qualità e intelligenza tattica: sì, nel Torino può giocare a centrocampo

Ansaldi, qualità e intelligenza tattica: sì, nel Torino può giocare a centrocampo

Focus on / Giusta l’intuizione di Mazzarri: colloca l’argentino a metà campo e la prestazione è sopra le righe

di Roberto Bianco

Aveva ragione Mazzarri, quando a inizio stagione sosteneva che con la sua intelligenza tattica Ansaldi avrebbe potuto giocare ovunque. All’Olimpico è arrivata la prova del nove, complice l’emergenza vera a centrocampo, con Baselli out, Meitè squalificato e Lukic non pienamente recuperato. Giocatore d’esperienza, generoso e tecnico, il terzino ha lasciato la sua naturale posizione sull’esterno per andare a comporre la mediana granata in coppia con El General Rincon.

IN CAMPO – La prestazione offerta dal nazionale argentino è maiuscola. Crea superiorità numerica e vivaddio ecco qualcuno predisposto al puntuale lancio in verticale, disinnescato solo dall’efficace fuorigioco giallorosso. In mezzo difende e lotta con mestiere e la solita tenacia. A fine match saranno 5 le palle recuperate e 20 i passaggi riusciti.

Toro, attacco sotto accusa. Belotti, Falque e Zaza: 11 goal in tre sono una miseria

Nel secondo tempo, al 62′, spaventa Robin Olsen con una punizione secca che manca il giro giusto di un soffio. Appuntamento con il gol rimandato di appena cinque minuti, quando raccoglie la respinta corta della difesa di casa su cross di De Silvestri e con una botta al volo di destro gonfia la rete avversaria, pareggia momentaneamente i conti con la Roma e fa sperare nell’impresa granata.

Anche l’azione del primo gol del Toro porta la sua firma. Prima recupera a centrocampo su disattenzione di Cristante e dà il via all’azione. Poi si fa trovare pronto per raccogliere l’invito di Belotti sull’esterno dell’area di rigore, resiste al ritorno di Karsdorp e propone la palla dietro da cui scaturisce il tiro vincente di Rincon.

LA DICHIARAZIONE – Nel post partita, al netto del primo tempo regalato a Dzeko e compagni, agli errori e alle assenze, Ansaldi ha sottolineato quel che di buono ha da insegnare la sfortunata trasferta romana: “Il Toro ha dimostrato di essere una squadra di carattere”. Dote da mettere in campo subito, nella prossima sfida casalinga contro l’Inter, per tornare a macinare punti. Intanto la partita di Roma ha dato una conferma importante a Mazzarri: Cristian Ansaldi può allungare la coperta del Toro nel reparto centrale.

15 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. claudi_689 - 5 mesi fa

    Non so che partita avete visto, Ansaldi ha fatto un gran gol ed ha alzato il livello tecnico nel nostro CC tenebroso ma a livello tattico è stato disastroso, Rincon faceva la trottola anche per colpa sua.
    Non gasiamoci troppo, esempio De Silvestri che quando segna per voi diventa fortissimo poi se non segna è un bidone. Ansaldi deve fare l’esterno, punto.
    A CC serve qualcuno, che sia un metronomo o un giocatore offensivo, purchè sia tecnico, ma perchè non ci arrivano? Possibile non esiste un giocatore coi piedi buoni che vuole venire a Torino che non sia bollito?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. abatta68 - 5 mesi fa

    Ansaldi ha solo fatto vedere a Baselli (o all’ex Soriano) cosa dovrebbe fare in quel ruolo. Se non si alza il tasso tecnico non possiamo pensare di andare a giocare in Europa, anche perché non avrebbe nessun senso andarci.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Mario66 - 5 mesi fa

    Ansaldo rimane un esterno e dovrebbe giocare al posto di de silvestri che pur impegnandosi non mi sembra adatto al ruolo di esterno in una difesa a 3. Forse renderebbe di più in una difesa a 4.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Scott - 5 mesi fa

    Se dobbiamo sopravvivere alla rosa corta, viva Ansaldi.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. Simone - 5 mesi fa

    L’ansaldi di ieri è di gran lunga migliore del duo Meite/Baselli. Uno dei due può tranquillamente fargli spazio. Anzi, mi piacerebbe vedere il trio Ansaldi-Rincon-Lukic

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. WGranata76 - 5 mesi fa

    La verità come quasi sempre sta nel mezzo. Ansaldi è un buon giocatore di esperienza, ma attenti a esaltare la posizione a centrocampo lasciandosi abbagliare dalla pochezza del reparto alla quale siamo abituati.
    Sicuramente ha fatto un bel lancio per Belotti e sa giocare bene la palla coi piedi, qualità che ha da sempre. Ma la posizione e attitudine in campo resta quella da esterno e si è visto tante volte quando esagera col dribbling o temporeggiava perché poco abituato alla posizione. Da centrocampista oltre ai movimenti ed alla qualità serve la capacità di compiere buone scelte di gioco, come Ansaldi non ha fatto quando ha tirato alle stelle pur avendo 10 metri liberi davanti all’area.
    La prestazione è stata molto buona considerando che era fuori posizione, ma resta la mancanza di forti interpreti del ruolo poche scuse. Ansaldi può sopperire in situazioni straordinarie, ma il mercato deve fornire i titolari giusti in mediana altrimenti sta squadra non avrà mai un salto di qualità.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. robertozanabon_821 - 5 mesi fa

    Il merito della prestazione di Ansaldi non è di Mazzarri. Se Baselli non si fosse infortunato, ci saremmo “gustati” i suoi soliti retropassaggi “illuminanti” e il suo lento incedere caracollante, corredato da immancabile rantolio a bocca aperta. Mazzarri ha delle varianti interessanti in squadra ma dimostra poco coraggio e fantasia. Potrebbe dare un turno di riposo al Gallo, mettendo Zaza al suo posto con Falque esterno e Ansaldi al posto dello squalificato Meite’. Il Gallo potrebbe subentrare nel secondo tempo, magari più motivato e sicuramente più fresco. Falque non ha grande tenuta atletica e al suo posto potrebbe entrare un fresco Parigini con i suoi “strappi” veloci. Un cambio tenuto di riserva in caso di emergenza. Sono solo esempi, ma terrebbero sulla corda tutti i giocatori, facendoli sentire più importanti. È vero, non abbiamo fuoriclasse, ma abbiamo il dovere di far rendere al meglio i giocatori che ci sono. Mi scuso se sono stato severo con Baselli, ma se in quella zona del campo avessimo un giocatore “importante” più uno che la butta dentro, ci saremmo risparmiati molti “moccoli”.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Simone - 5 mesi fa

      Ultimamente il peggior tra Baselli e Meite è quest’ultimo.
      Il francese o si sveglia o è meglio che rifletta in panchina

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. spelli_446 - 5 mesi fa

    Certo che se Mazzarri scopre dopo un anno che Ansaldi è il migliore centrocampista che abbiamo, mi chiedo che razza di allenamenti faccia a porte chiuse. E per giunta non l’ha messo lì per scelta ma per necessità…mah..

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Simone - 5 mesi fa

      Ragionamento che non fa una grinza

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  9. ddavide69 - 5 mesi fa

    Bene Ansaldi, ma qui il problema è che comunque non si vince, quando va bene si pareggia. E ormai serve solo vincere.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  10. SiculoGranataSempre - 5 mesi fa

    Direi che sembra migliore come mezzala che esterno.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  11. studio.borgn_13569014 - 5 mesi fa

    Giocatore su cui puntare

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  12. user-14135508 - 5 mesi fa

    Ha fatto più verticalizzazioni Ansaldi che meite e baselli in tutto l’ anno…a parte gli scherzi,molto molto forte

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  13. user-14142375 - 5 mesi fa

    Il problema è che quando fu acquistato, in questo forum, c’era gente che sosteneva il fatto dell’essere un giocatore da terza categoria……che Zappacosta era più forte………averne di Ansaldi averne ! Per la cronaca : Darmian ha firmato per i gobbi………….che dolore

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy