Ansaldi, Verdi, Millico e Singo: Longo inserisce forze fresche e allarga le rotazioni

Ansaldi, Verdi, Millico e Singo: Longo inserisce forze fresche e allarga le rotazioni

Toro News / Torino a corto di fiato dopo tre partite in dieci giorni con gli stessi uomini, ora il tecnico si appella ai giovani e ai rientranti Verdi e Ansaldi

di Nicolò Muggianu

AAA cercasi alternative. Dopo tre partite con lo stesso undici titolare (eccezion’fatta per il cambio obbligato Zaza-Aina in occasione di Cagliari-Torino), Longo è pronto a cambiare qualcosa in vista delle prossime partite. Una decisione maturata in seguito alle difficoltà palesate dal Torino nel corso del match disputato sabato sera alla Sardegna Arena: una partita in cui i granata hanno sbagliato l’approccio e sono parsi evidentemente più scarichi e meno brillanti rispetto agli avversari.

Cagliari-Torino 4-2, Longo: “Di positivo c’è la reazione, ora non deprimiamoci”

RIENTRANTI – Non a caso i segnali più incoraggianti sono arrivati da Verdi e Ansaldi, da poco rientrati dai rispettivi infortuni ma subito in grado di fare la differenza nel secondo tempo contro il Cagliari. Proprio da loro Longo ripartirà per incrementare le chance offensive del Torino, parso lento e troppo prevedibile nel corso dell’ultima uscita. Due pedine fondamentali per l’ex tecnico del Frosinone, che potrà nuovamente disporre di due dei suoi giocatori tecnicamente più dotati proprio alla vigilia di un mini ciclo di fuoco che vedrà il Torino affrontare nel giro di due settimane Lazio, Juventus, Brescia e Inter (LEGGI QUI). Il tutto in attesa del ritorno di Zaza, che probabilmente tornerà a disposizione in occasione del derby della Mole del prossimo 4 luglio.

GIOVANI – Ma oltre agli ex-infortunati e ai soliti noti (Lukic, Aina e Lyanco), nelle prossime settimane Longo farà affidamento anche sui alcuni giovani che il Torino ha a disposizione. A partire da Millico e Singo: subentrati contro il Cagliari e capaci in un paio di occasioni di cambiare ritmo al Torino. Saranno probabilmente loro i due giovani ex Primavera a trovare più spazio da qui alla fine della stagione: un’onore e un’onere per i classe 2000, che hanno ancora dieci partite a disposizione per dimostrare di meritare una chance nel Torino anche il prossimo anno.

11 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. grammelot - 5 giorni fa

    Se qualcuno, oggi alle 16:00 circa, ha sentito l’intervento di Claudio Sala a Radio Sportiva con riferimento ai problemi del Toro, sa perfettamente chi sono i colpevoli di questo sfascio completo, anche se i nomi non sono stati direttamente pronunciati.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Gallochecanta - 5 giorni fa

    Ripetere come un mantra che è tutta colpa di Mazzarri non aiuterà a conquistare la salvezza. Non lo voglio difendere, ma i risultati del successore ante e post covid, sono sotto gli occhi di tutti.
    Nel frattempo noto che Mazzarri, astutamente, ha rescisso, evitandosi la grottesca richiamata, all’esonero del successore, tanto così si finisce dopo le prossime due sconfitte…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Innav (CAIRO VATTENE) - 6 giorni fa

    3-4-3 e fuori le mezze pippe:
    Sirigu
    Izzo-N´Kouolu-Bremer(Lyanco)
    Meite-Lukic-Rincon-Ansaldi (ai primi 3 vietato passare la linea di meta campo, tanto non serve a un tubo)
    Verdi-Belotti-Millico

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Pau - 5 giorni fa

      E’ un modulo con cui ci pigliano a pallonate.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Enrigab - 6 giorni fa

    è arrivato il momento di avere il cuore granata di tutti i giocatori.
    questo è importante per poter riparare i danni impietosi fatti da mazzarri.
    certo avere oggi un allenatore come Longo non è il massimo rispettando solo
    l’amore per i nostri colori.
    però dobbiamo stringersi intorno alla squadra e sperando con il nuovo
    Vagnati sappia riordinare i danni fatti da tutti.
    però è opportuno non incominciare a criticare le prossime mosse di mercato
    compreso il nuovo allenatore che peggio di quelli scelti che abbiamo avuto
    non ci sono in circolazione.
    anzi il Vagnati dovrebbe aiutare la panchina nelle scelte della partita .
    Poi fuori questi personaggi che non hanno dato prova dell’amore della squadra che rappresentano.
    non serve fare i nomi sono sotto gli occhi di tutti noi
    F.V.C.G. e restiamo sempre Ottimisti.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. Come un pugno chiuso - 6 giorni fa

    in questa settimana li vorrei vedere giocare tutti e quattro,
    dentro anche Lyanco e Lukic

    fuori De Silvestri e Rincon, hanno bisogno di rifiatare, sabato sono stati penosi

    fuori anche Edera, francamente non mi sembra ancora un giocatore pronto per certi livelli e gioca solo per se stesso, Millico, se in forma, gli è nettamente superiore dal punto di vista tecnico

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. Il Vittoria - 6 giorni fa

    Longo non può fare altro.
    Per me sta gestendo la situazione meglio che può.
    Per le prossime 2 partite sono assolutamente necessarie le rotazioni (Lyanco titolare in entrambe, magari?) per arrivare bene non solo ala partita con il Brescia, ma a tutte quelle che ci saranno da qui a fine campionato.
    L’ultimo turno di campionato, visti i risultati delle altre squadre invischiate nella lotta per non retrocedere, ci è andata più che bene…
    Confido che anche con Lazio e Juventus si possa fare qualcosa. Non mi sembrano al 100%… non sia mai…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. scifo66 - 6 giorni fa

    D’accordo, dobbiamo essere al 100% delle nostre possibilità contro il Brescia e valutare anche la situazione dei diffidati

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. Alex70 - 6 giorni fa

    Io fossi in Longo metterei dentro Millico dal primo minuto cosi’ come Singo, devono fare minuti e forse hanno molta piu’ voglia loro che altri come Aina, Zaza, …bisogna dare fiducia a chi vuole correre ed impegnarsi.
    Ansaldi va usato con attenzione se non ha i 90 minuti ma va’ usato eccome , e’ di un altro livello.
    Rincon inguradabile, cosi come Aina e Zaza…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  9. valex - 6 giorni fa

    Al posto di Longo spariglierei del tutto. Con Lazio e gibbosi metterei riserve e giocatori in scarsa condizione, tanto le perdiamo comunque. Per le partite più abbordabili terrei pronti i migliori, riposati e motivati. Tanto, che batti la Lazio o che batti il Brescia, sono sempre tre punti.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. NEss - 6 giorni fa

      Concordo.
      Mi sembra che molti, anche in campo, non abbiano ancora ben presente cosa voglia dire giocare ogni tre giorni per un paio di mesi di fila

      Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy