Berenguer: bene l’esordio con il Debrecen, nel ritorno lo attendono maggiori responsabilità

Berenguer: bene l’esordio con il Debrecen, nel ritorno lo attendono maggiori responsabilità

Tra voci di calciomercato e la probabile assenza di Iago Falque, il classe 1995 dovrà dimostrare che anche in questa stagione il suo contributo sarà importante

di Marco De Rito, @marcoderito
Berenguer

Quest’anno mi vedo ancora più forte dell’anno scorso”, così Alex Berenguer aveva premesso a Bormio. I primi segnali emersi dalla gara con il Debrecen sono positivi. Ha sfruttato l’occasione che Walter Mazzarri gli ha concesso, facendolo partire titolare all’esordio in Europa League nel tridente offensivo insieme a Andrea Belotti e Iago Falque.

LA PRESTAZIONE – Tatticamente Berenguer ha interpretato al meglio il ruolo, che in base alle situazioni di gioco può diventare esterno offensivo o trequartista dietro alle due punte. Vista la sua velocità l’allenatore gli chiede anche di ritornare in difesa, e forse è in fase d’interdizione dove ci si aspetta una maggiore crescita. Non solo tattica, il giocatore da un contributo concreto alla vittoria dei granata. E’ suo l’assist con il contagiri per Belotti da cui poi scaturisce il rigore, che permette ai granata di sbloccare il match. Peccato per i gol mancati nella ripresa: prima con un destro a giro, poi ne sbaglia uno decisamente più facile, cogliendo il palo a tu per tu con Nagy.

IL RITORNO – Adesso è atteso a un’altra prova che potrebbe essere ancor più complicata. Iago Falque potrebbe non esserci nel ritorno con in Ungheria con il Debrecen – l’attaccante ha un problema alla caviglia – e le responsabilità per il classe 1995 potrebbero essere maggiori. Inoltre ci sono diverse voci di calciomercato che accostano ai granata un altro attaccante come Simone Verdi, che potrebbe insediare proprio il posto di Berenguer. Quest’ultimo però è carico in vista della prossima sfida, sente la fiducia dell’ambiente dopo il buon finale di campionato che ha collezionato la scorsa stagione e adesso vuole sfondare anche in campo internazionale.

3 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Cerutti_Gino - 3 mesi fa

    A dire il vero Berenguer non mi ha mai convinto molto, anche se sul finale di stagione dello scorso anno ha fatto intravedere alcune buone cose. Lo trovo parecchio leggerino.. tuttavia mi sembra di capire che sia la società che soprattutto WM lo vedano molto bene e vogliano puntare su di lui. Speriamo sia la stagione della consacrazione!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. loik55 - 3 mesi fa

      spero che tutto questo teatrino sul Beregeu sia dettato dal cercare di piazzarlo al meglio lontano dal toro, che avrebbe bisogno di gente con più cazzimma.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. PrivilegioGranata - 3 mesi fa

    Il posto si INSIDIA non si insedia.
    Per come hanno giocato al Moccagatta ha più da preoccuparsi Iago che non Berenguer.
    Ultima cosa, Nagy ha sfiorato il pallone col piede quel tanto che è bastato per mandarlo sul palo esterno.

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy