Giampaolo, la psicanalisi al Toro: obiettivo non subire più nei minuti finali

Approfondimento / Dopo Sassuolo e Lazio, il Torino torna a subire gol negli ultimi minuti anche contro il Genoa: la gestione emotiva dei finali di partita è un problema per Giampaolo

di Nicolò Muggianu

Minuto 93 a Marassi: Scamacca batte Sirigu ed il Torino si fa di nuovo risucchiare nello spirale della paura di perdere. Un film già visto per la squadra di Giampaolo, che nei minuti finali contro il Genoa è tornata a vedere i fantasmi di Sassuolo e Lazio, con i granata protagonisti in negativo di due rimonte subite in maniera clamorosa proprio negli istanti finali di partita. Una problematica che ormai è ricorrente e che rischia di diventare una brutta abitudine per Belotti e compagni.

GENOA, ITALY – NOVEMBER 04: Marco Giampaolo head coach of Torino FC before the Serie A match between Genoa CFC and Torino FC at Stadio Luigi Ferraris on November 4, 2020 in Genoa, Italy. (Photo by Paolo Rattini/Getty Images)

LE SCELTE – Emblematiche, in questo senso, le scelte fatte dal Torino nell’ultimo minuto di recupero dopo il gol subito da Scamacca. Prima il calcio d’inizio battuto all’indietro e poi lancio lunghissimo di Rincon, che invece di “rischiare” la giocata all’indietro per i compagni al fine di mantenere il possesso ha preferito spazzare il pallone il più lontano possibile regalando però, di fatto, il possesso della sfera a Perin. Una scelta poco lucida da parte di uno dei senatori della squadra, resosi protagonista pochi secondi più tardi anche del fallo su Parigini che ha poi permesso al Grifone di provare a sfruttare una pericolosa punizione dal limite dell’area, terminata per fortuna del Torino con un colpo di testa alto di Scamacca.

GIAMPAOLO – Un aspetto importante su cui lavorare per Giampaolo, che si gode la prima vittoria della sua gestione pur consapevole dei tanti limiti psicologici della sua squadra. Una squadra che, parafrasando proprio le parole del tecnico nel post partita, è ancora sott’acqua e che per emergere ha bisogno ancora di altre iniezioni di fiducia. “Domenica scorsa al 90′ vincevamo 3-2 – ha spiegato Giampaolo – e poi abbiamo perso, con il Sassuolo vincevamo e abbiamo pareggiato. Poi arrivi a Genova e vinci 0-2 e nel finale subisci l’1-2: è ovvio che la testa ti dice: ‘Adesso che succede?’. Superare le barriere psicologiche nei casi come il nostro è necessario“.

PROGRESSI – E spetterà proprio al tecnico abruzzese il compito di ‘psicanalizzare’ la sua squadra, una squadra che ha fatto vedere enormi progressi dal punto di vista tecnico-tattico ma ancora a caccia di quella fiducia nei propri mezzi che ad oggi rappresenta il prossimo step di crescita. Ci sarà tempo e modo per lavorare in questo senso, ma intanto col Crotone domenica serviranno punti. Nel frattempo un primo piccolo-grande passo è già stato compiuto: perché se è vero che “vincere aiuta a vincere”, per Belotti e compagni quella di Genova è stata un’iniezione di fiducia necessaria per continuare a lavorare con la stessa “fede”.

23 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Spliff - 3 settimane fa

    Se devo essere sincero, quello che non mi va giù è l’aver preso un altro gol sul palo del portiere. Al netto dell’errore della difesa, Rodriguez che si perde Scamacca, Sirigu può e deve assolutamente fare di più.
    Speriamo si riprenda presto del tutto.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. loik55 - 3 settimane fa

      attenzione perchè nell’azione Bremer non c’è, era salito verso il centrocampo, Rodriguez chiude il buco al centro…e lascia campo a Scamacca, poi il gol sul palo difeso dal portiere, l’unico alibi è che il tiro è forte e teso, ma poteva prenderlo

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. unasolafede - 3 settimane fa

        Esatto, Rodriguez deve chiudere sul taglio alle spalle di Lyanco. Sull’esterno doveva piuttosto scalare il centrocampista esterno.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. leggendagranata - 3 settimane fa

    Non sono un psicologo e quindi non affronto questo aspetto, nè discuto di tattica: mi limito a parlare di coloro che devono interpretare il gioco di Giampaolo. Le partite fin qui disputate ci hanno detto chiaramente che c’ è un problema di tenuta difensiva. Più di noi hanno subito gol solo il Benevento e il Crotone. Non è sol colpa della difesa, ma anche di un centrocampo che fatica a fare da filtro. E allora bisogna trovare qualche rimedio Giampaolo che è stato bravo a escogitare la nuova posizione tattica di Lukic (sostanzialmente da centravanti arretrato in mezzo alle due punte), si decida a cambiare ulteriormente (lo ha già fatto mercoledì mandando in campo Singo e Gojac, con discreti risultati), abbia meno ritrosie a mandare in panchina qualcuno degli ex sampdoriani da lui comprensibilmente difesi. C’ è un Singo che ha dato buona prova di sè, così come Vojvoda e allora bisogna che provi a farli giocare entrambi (metterne uno a sinistra non sarebbe un’ eresia, visti i moltissimi esempi di terzini destri dirottati anche a sinistra o viceversa, a cominciare da D’Ambrosio e Ansaldi); c’ è un Segre che ha credenziali di prim’ ordine e che potrebbe giocare al posto di Lynetti (discreto, ma nulla più). Insomma, Giampaolo prenda atto che alcuni elementi da lui fortemente voluti non sembrano in grado di far fare quel salto di qualità al Toro per raggiungere la parte sinistra della classifica. Uno di questi mi pare essere anche Bonazzoli, un giovane fisicamente prestante, ma ancora da sgrossare. Un acquisto abbastanza incomprensibile, visto che di attaccanti ce n’ erano già 5 (Belotti, Zaza, Verdi, Millico ed Edera) e che la priorità era un regista. Spero di sbagliarmi anche perchè su Bonazzoli c’è un obbligo di riscatto non proprio regalato (8 milioni di euro) e perchè vorrei diventasse una risorsa per il Toro e non una minusvalenza (calcisticamente ed economicamente parlando).

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. abatta68 - 3 settimane fa

      Io credo che incida ancora molto la condizione atletica, non ancora uniforme per tutta la rosa disponibile, più che il reale valore del singolo e queste cose si superano solo giocando. In tal senso mi pare che GP stia facendo giocare un po tutti, chi dall inizio, chi mezzora a partita in corso.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Messere Granata - 3 settimane fa

    Oltre a molte ragionevoli considerazioni, penso che se ne possano aggiungere un paio. Per esempio. Il Torino arriva a fine partita piuttosto stanco, perdendo in reattività fisica e lucidità mentale. Non a caso gli inserimenti di Boga nel Sassuolo e di Caicedo nella Lazio, tutti e due a circa un quarto d’ora dalla fine, ci hanno creato problemi tali da costringere Giampaolo ad inserire un terzo centrale, generando scompiglio in difesa e panico a centrocampo. Tua? Mia? Chi lo sa? I cambi. Mi piacerebbe che verso la fine della partita venissero utilizzati uomini di “gamba”. A Genova Rincon era sofferente, e Giampaolo ha inserito Ansaldi. Con tutto la stima, mi sarei aspettato Segre, molto più “pugnace”. Dobbiamo badare al sodo. Se il Genoa avesse pareggiato, Giampaolo sarebbe passato da Maestro a Maestrino fino a Maestronzo. Per finire. Occhio al Crotone. L’ho visto contro l’Atalanta e corrono come indemoniati giocando bene. Sarà dura. Se qualcuno pensa di fare una passeggiata sbaglia. Forza ragazzi!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Bastone e Carota - 3 settimane fa

    Gli allenamenti specifici che sta facendo fare Giampaolo sui movimenti con o senza palla, in fase di possesso o di difesa, dovrebbero comprendere OGNI GIORNO la fase intitolata “FAR SPARIRE IL PALLONE – Cento modi per perdere tempo e non far più capitare il pallone nei piedi avversari” 🙂

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. FORZA TORO - 3 settimane fa

    qualcuno sa dirmi perchè con Chrome non posso più commentare,mentre lo posso fare con Firefox?a dire il vero mi era già capitato ma per poche ore,mi appare una finestra con scritto “Con l’adesione a Toro News avrai la possibilità di partecipare alla community e riceverai la Newsletter di Toro News con le notizie principali della tua squadra del cuore.” ma se clicco accetta non capita nulla,SFT PS magri questa volta dovrò aspettare più tempo e andrà di nuovo a posto

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. TOROPERDUTO - 3 settimane fa

      Perché non hai pagato 😀

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Boss Granata - 3 settimane fa

      Piccolo spazio pubblicità…

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. lucabenzoni7_8317634 - 3 settimane fa

    Secondo me è solo una questione di tempo perchè i giocatori imparino bene tutti i movimenti sia in fase di non possesso che in quella di possesso palla e poi con la ns. rosa (di buon/alto livello) governeremo il gioco contro la maggior parte degli avversari ……. per i lsalto di qualità servirebbe solo un GRANDE centrocampista ma non so la spesa se sia fattible, a meno che a Gennaio si riesca a vendere ed incassare bene quei 2/3 giocatori che non hanno più voglia ….. FT

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. tric - 3 settimane fa

      Chi potrebbe essere il GRANDE centrocampista, che sia disponibile? Hai qualche nome?

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. lucabenzoni7_8317634 - 3 settimane fa

        Ovvio che punterei su un giovane di talento (costo comunque 20/25 mln) quasi pronto se gli si dà fiducia per farlo crescere bene ………… mi piacciono : Guendouzi (Arsenal) o Beltran (C Vigo) o Palacios (River P) o Morlanes (Villareal) o Capaldo (Boca J) o Moreno (Newells OB) ……. FT

        Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Boss Granata - 3 settimane fa

      Certo, ad esempio il GRANDE ed assopito Godfred Donsah

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. ALELUX777 - 3 settimane fa

    Giampaolo ha analizzato bene il problema che affliggeva(e che ancora non si può definire risolto, servono controprove) la squadra e in modo pragmatico ha spostato l’attenzione dei suoi uomini dalla “paura di prenderle” alla “fede nel lavoro che fai nella settimana”. Ciò significa anche che i giocatori stanno diventando consapevoli che negli allenamenti lavorano sodo.
    Un bravo a Giampaolo per questo lavoro e sono certo che oltre alle “fede nel lavoro” cercherà di instillare nella mente dei suoi giocatori “l’ intenzione” di rubare palle, l’intenzione di fare il passaggio il dribbling, l intenzione di fare gol.
    L’intenzione di Vincere.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. OldBull - 3 settimane fa

    E’ normale che una squadra se sta perdendo, negli ultimi minuti dia tutto quello che ha per cercare di recuperare, è anche questo un aspetto psicologico come quello di chi è in vantaggio abbia poi paura di non riuscire a mantenerlo. Per sopperire a questo problema ci vogliono gli uomini giusti che noi non abbiamo, inutile parlare di psicologi, in realtà ci va gente che sappia trattare il pallone e abbia l’intelligenza sufficiente per gestire la situazione. Se si continua ad insistere con Rincon che è a tutti gli effetti il maggior responsabile delle incredibili rimonte, siamo fritti. Falli evitabilissimi che hanno portato a gol avversari altrettanto evitabili, gestione della palla a dir poco scellerata, che potrebbe essere “accettabile” per un giovane, ma non nel caso di un giocatore assai maturo…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  9. paulinStantun - 3 settimane fa

    La tremarella, anche se per fortuna solo per un paio di minuti, c’è stata, però il fatto di aver preso i tre punti dovrebbe migliorare la situazione. Vincere aiuta a vincere.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  10. tric - 3 settimane fa

    Non solo a fine partita. Non riesco a togliermi da davanti il primo gol delle Lazio con quattro, dico quattro, giocatori completamente smarcati nella nostra area!! Scamacca idem! Attenzione: Rodriguez ci mette del suo. Facciamo giocare di più Segre, per favore. Non aspettiamo tre anni per scoprirne le qualità (vedi Lukic).

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. paulinStantun - 3 settimane fa

      Prova a guardare i commenti di un anno fa su questo blog: insulti a pioggia a Lukic, che ancora ad agosto la maggior parte dei commenti diceva che andava fatto assolutamente fuori.
      Quanti “non voglio più vedere Lukic con questa maglia”!!!!!
      E uguale Meitè (che ammetto io stravedo per le sue potenzialità) che adesso piano piano sta venendo fuori che alla fine non è quel brocco con l’ananas in testa che si dice da quasi un paio di anni.
      Bisognerebbe andare molto piano a giudicare bidoni dei giocatori, che poi si rischia di fare figure di m…

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. tric - 3 settimane fa

        Meité è molto migliorato, dopo la ripresa delle pertite. Continua ad essere lento, ma sopperisce con il fisico. Il passaggio (ora) spesso è buono. Prima della sosta e per lungo tempo era stato insopportabile: dieri come Verdi…

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  11. renatoponzzo - 3 settimane fa

    Se ne è accorto dopo solo una ventina di partite…. complimenti!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. abatta68 - 3 settimane fa

      Ma chi? E di cosa? Quali sono ste 20 partite?

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. gianTORO - 3 settimane fa

        incluse quelle delle nazionali……eheheh

        Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy