Giampaolo studia la trequarti: Falque, Berenguer e Verdi possono adattarsi ma…

Giampaolo studia la trequarti: Falque, Berenguer e Verdi possono adattarsi ma…

Toro News / I granata non hanno in rosa un vero trequartista, difficile però ipotizzare un colpo in quel ruolo senza almeno un’uscita di spessore

di Nicolò Muggianu

Il nuovo Torino sta prendendo forma e, giorno dopo giorno, Giampaolo studia le migliori soluzioni per il nuovo modulo: quel 4-3-1-2 sul quale l’ex allenatore del Milan ha già iniziato a costruire il suo progetto tecnico. In attesa del regista – sono tante le trattative portate avanti da Vagnati in queste ore -, c’è però un altro ruolo che sta dando di che riflettere al tecnico ex Sampdoria: il trequartista. Una ruolo nel quale, ad oggi, il Torino non ha in rosa un vero e proprio interprete.

TRA ROSA… – La trequarti di Giampaolo ha un’unica costante: la qualità. Ecco perché gli interpreti provati dal tecnico in quel ruolo nel corso delle prime settimane di lavoro sono stati principalmente Verdi, Berenguer e Iago Falque. Tre giocatori che fanno della tecnica uno dei principali elementi del proprio gioco, ma che sarebbero adattati in quella zona di campo. Un problema con il quale ha già dovuto fare i conti Mazzarri nel corso della sua gestione. In particolare quando acquistò Verdi per schierarlo trequartista nel suo 3-4-1-2, salvo poi scontrarsi con un’indole più da esterno che da fantasista puro dell’ex Napoli. Discorsi che valgono anche per Berenguer e Falque che, al pari anche di Edera e Verdi, sono stati adattati in queste prime settimane di lavoro.

… E MERCATO – Riflessioni in corso da parte di Giampaolo, che è ben consapevole del fatto che sarà complicato acquistare un trequartista puro se non a fronte di una o due uscite importanti nello stesso ruolo. L’identikit dato dall’ex mister del Milan è quello di Praet: già allenato dal tecnico ai tempi della Sampdoria ed in grado di ricoprire tutti i ruoli del centrocampo. Il Torino però al momento ha altre priorità – il regista su tutti – e per questo Giampaolo sta valutando dapprima la soluzione interna. Una strada già percorsa al Milan, quando il tecnico nativo di Belinzona adattò (senza troppo successo) lo spagnolo Suso nel ruolo di trequartista.

64 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. peter1 - 4 settimane fa

    Le prossime amichevoli serviranno a districare l’ardua matassa. Meglio però avere problemi in eccedenza che in difetto, come la scorsa stagione ha insegnato.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Leojunior - 4 settimane fa

    Seeee, dai non hai messo Messi che come sappiamo ha chiesto di venire al Toro. Ma dai siate realistici, invece di tirare fuori le figurine.

    Secondo me:
    Portieri: siamo Ok, tra l’altro ha fatto giocare Milinkovic e mi ha stupito
    Difensori: dipende chi esce, se ne esce solo uno siamo a posto, se ne escono due si deve intervenire. Djidji per me è uno scandalo ma rimarrà.
    Centrocampisti: se prende un regista siamo a posto, ricordiamoci che abbiamo anche Baselli, mica ce ne servono 3 di giocatori (come leggo). Eventualmente una riserva se si riesce a prendere uno buono. Rincon via anche a regalarlo.
    Attaccanti: siamo a posto, anzi serve sfoltire.

    Io ritengo che il tanto bistrattato Zaza invece farà bene, come ha fatto bene con Longo. Uno o due tra Iago, Verdi, Edera, Millico e Barenguer è da dare via, eventualmente in prestito. E tra ‘altro Zaza anche se è un ex gobbo, è uno che seppure stesse in panchina non si è mai lamentato, e ha dimostrato anche un certo attaccamento alla maglia. Se proprio lo fanno fuori, potremo tenere gli altri, ma abbiamo 4 esterni d’attacco per un allenatore che non li usa. Il trequartista se si trova qualcuno di interessante è ok, altrimenti giusto provare con uno di questi.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. D66 - 4 settimane fa

    Via Zaza, Verdi, Rincon, Izzo, Edera.Nuovi Praet, Barak, Joao Pedro.
    Sirigu
    Vojvoda, Nkoulo, Bremer, Rodriguez, Praet, Meite,Linetty, Barak, Belotti, Joa Pedro. 4.4.1.2

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. renzo.br_11946323 - 4 settimane fa

      Ma qualche giovane Italiano in più…….no?

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Gallochecanta - 4 settimane fa

    Mia opinione personale. Zaza non gira e Iago è a fine corsa, per quanto può essere bravo un allenatore non cambia le sorti di due giocatori così. Piuttosto se è bravo, e ha un po’ di k. che serve sempre, gli si compri un giovane di prospettiva a poco disposto a stare dove dice l’allenatore e il Gallo, magari tenendo fino a gennaio Rauti per provarlo seconda punta.
    Per il fantasista idem, alla fine i predecessori hanno sempre fatto giocare Berenguer evidentemente perché è disponibile, fa più ruoli e s’incazza quando lo cambiano, ma poi torna zitto. Terrei solo lui di tutti quanti e anche qui scommetterei su un giovane. Darei via anche Verdi, ma con la Cina bloccata a quel prezzo non te lo prende nessuno, è già andata di fortuna con Niang.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. Bischero - 4 settimane fa

    Adattó suso… Infatti i risultati si sono visti. Non sta scritto da nessuna parte che si debbano spendere 15 milioni per un fantasista. Ma mettere uno fuori posizione non serve a nulla.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. commercial_9666663 - 4 settimane fa

      Però mettiamoci anche che il Milan che ha avuto lui era fatto con il culo! I due general manager litigavano, di chi voleva han preso Bennacer (ottimo prospetto) e poco altro POI quando l’hanno mandato via han preso Ibra e altri due e si sono decisi che anziché litigare tenevano UN manager cacciando Boban…. Mica la stessa cosa… Detto questo è un INTEGRALISTA, categoria che non amo, ma a Genova con una squadretta che ogni anno vendeva i 2 migliori ha fatto bene…

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. Jerry - 4 settimane fa

    Penso che il mister, ci sia quasi costretto a puntare su Verdi trequartista, visto che ha bilancio pesa la bellezza di 20 milioni di euro. La mia sensazione è che stia facendo il medesimo errore che fece al Milan con Suso. Lo scorso campionato Verdi ha dimostrato che quel ruolo non è il suo. Ma è anche vero che aveva intorno un centrocampo fatto di gente prettamente fisica e poco propensa al gioco. Vedremo se con gente più tecnica, ne trarrà benefici. Personalmente terrei Falque come alternativa. Ma non come trequartista, ma bensì come alternativa a un eventuale cambio di modulo in corso. Ideale per un 4-3-3 con unica punta Belotti e Verdi spostato sull’esterno. Secondo me ci vorrebbe un vero trequartista, anche come alternativa a Verdi. E sul mercato c’è ne per tutte le tasche. A partire da Saponara ad arrivare a Götze ( svincolato). Vedremo…..

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. miele - 4 settimane fa

      Ulteriore dimostrazione del macroscopico errore fatto lo scorso mercato: Verdi a 25 Milioni è stata una follia sia per il prezzo, sia per le caratteristiche e la qualità del giocatore.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. Leojunior - 4 settimane fa

    Siete fantastici, si sono radunati da 10 giorni, hanno fatto un’amichevole e già volete dare consigli calcistici all’allenatore su come mettere in campo la squadra a seconda di che giocatore vi è simpatico e/o vi piace.
    Io per non sbagliare proporrei una petizione su change.org per far cambiare modulo all’allenatore.
    Dai dai, che alla seconda partita persa esponiamo lo striscione “GIAMPAOLO VATTENE”al Filadelfia….
    In ogni caso i punti cruciali sono il regista e chi se ne va in difesa, perchè cari miei se se ne vanno Izzo e Lyanco qualcuno dovranno comprare. Lyanco lo terrei. Io darei via Izzo e Rincon sicuramente… su Iago non ho le idee chiare.
    Inoltre volevo segnalarvi che Cairo ha dichiarato di avere investito 60 milioni nel Toro, cifra che ci puo stare, ma magari sono 40 oppure 30. Li avete mai visti voi 30 milioni di euro? Chiedo per un amico.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. marione - 4 settimane fa

      Lui ne prende ogni anno il doppio dalla lega, se li danno a me li vedo pure io.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. Messere Granata - 4 settimane fa

    Il Torino che ho visto contro il Novara mi è piaciuto. Parlo da un punto di vista concettuale. Cose e idee diverse, che ci avvicinano a schemi più in linea con il Calcio moderno. Come sempre la differenza sarà data dalla qualità generale e il Toro non potrà mai competere con chi gli acquisti li va a fare in “boutique”. Il mercato non è finito e mi riterro’ soddisfatto se il Torino riuscirà ad ottenere ciò che è, ragionevolmente, nelle sue possibilità. Da una Squadra che dava l’impressione di poter perdere contro tutti, passare a qualcosa di più propositivo mi sembra già un bel passo in avanti. Sono fiducioso. Dai Toro.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  9. iugen - 4 settimane fa

    Mi unisco al coro del 433: Verdi da una parte, Berenguer o Iago dall’altra e un giovane come quarto esterno in rosa. Ciao Zaza e ne prendiamo uno che costi la metà come stipendio.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  10. Madama_granata - 4 settimane fa

    Non voglio essere tra i “maicuntent”, né fare la criticona o la disfattista.
    Ho detto decine di volte: per me piena fiducia a Giampaolo.
    Però ora incomincio a domandarmi se anche stavolta le scelte di Cairo siano state giuste o meno.
    Certo è che nella mia lunga vita non ho mai trovato un allenatore come dite voi “talebano” che vuole giocare “SOLO” con suoi ex-giocatori, e “SOLO” con il suo modulo preferito, senza elasticità né (suo) adattamento.
    Nessuno ha mai disfatto completamente una squadra, rifiutando gli “scarsi”, ma anche i giocatori di vaglia perché non sono stati suoi allievi, e perché non si adattano al “suo” modulo, alla “sua” visione di calcio.
    O sono tutte parole, esagerazioni di giornalisti e tifosi, e penso e spero che sia così, o io mi preoccupo alquanto.
    Il Toro dovrebbe solo più avere giocatori “ex-Sampdoria” ed “ex-Milan”, tra l’altro due squadre che non hanno brillato durante il periodo in cui lui ha allenato, e che lo hanmo poi esonerato.
    Mi ha stupita, e sembrava suonasse male quel commento sui nuovi, all’incirca così:
    “Due sono miei ex-calciatori, conoscono il mio gioco, non mi danno problemi e li ho voluti fortemente, il terzo è un profilo che la società seguiva da tempo”.
    Un po’ troppa freddezza sul “terzo”?
    Non suo “ex” = non voluto da lui?
    E poi “solo” suoi “ex” perché sono pronti prima?
    Va beh, usi i giocatori “buoni” che ha a disposizione e li “educhi” ai suoi “dictat”.
    Ci vorrà tempo e pazienza e tanto lavoro in più?
    Ma non è questo il dovere di un buon allenatore?
    Ha a disposizione due anni più eventuale prolungamento, e tutti, ma proprio tutti hanno detto che ci vuole pazienza, e che i risultati non si vedranno subito.
    Quindi, se gli viene dato il tempo necessario, dov’è il problema?
    Per un po’ si stenterà,ma poi si raccoglieranno buoni risultati, o sbaglio?
    Come si sono adattati i suoi “ex”, così si adatteranno gli altri giocatori, credo.
    Sbaglio tutto io?
    Lo spero!
    Che ne pensate?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. iugen - 4 settimane fa

      Ventura ha voluto Meggiorini e Barreto, Miha ha fatto comprare DeSilvestri e Niang, Mazzarri ha cacciato Ljajic per avere una squadra tutta muscoli come piace a lui e pur avendo la squadra anche lui imbottita di esterni ha sempre giocato col suo 352 senza mai cambiare modulo.
      Tutti gli allenatori hanno le proprie fisse in termini di giocatori e moduli (in tutti gli sport, agggiungerei), trovarne uno mentalmente elastico ormai è veramente difficile

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Bastone e Carota - 4 settimane fa

        E Lerda con Gabbioneta non vogliamo ricordarlo? 🙂

        Io sarei dell’idea di accontentare per quanto possibile questo allenatore, visto che i nomi della lista, e le loro alternative, non sono poi così male: Torreira, Praet, Andersen, Barak, Vera, ecc.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. iugen - 4 settimane fa

          L’ideale sarebbe una via di mezzo: qualche nome suggerito dall’allenatore, qualche giocatore individuato dalla società.

          Rispondi Mi piace Non mi piace
          1. framantic - 4 settimane fa

            L’ideale sarebbe puntare su giocatori conosciuti per ingranare bene all’inizio ed evitare contestazioni che potrebbero sfavorire il lavoro dell’allenatore e condizionare chi scende in campo. E poi, nel frattempo, introdurre profili meno conosciuti da valorizzare con calma. Io in un mondo ideale inserirei Andersen Torreira, Praet e Joao Pedro. In piú comprerei 4 o 5 giovani sconosciuti con potenziale da inserire gradualmente. Nel mondo reale ci dovremo accontentare di qualcosina in meno, immagino. Speriamo che basti.

            Mi piace Non mi piace
    2. marione - 4 settimane fa

      Madama, che non sia un genio si sapeva, è disoccupato da ottobre senza alcuna richiesta. I suoi trascorsi non testimoniano a suo favore, tuttavia lui deve anche dire quello che la società (ammesso che esistano le scoietà di uno) gli dicono di raccontare. Che si stenterà all’inizio lo dice lui stesso, che dopo si vedranno i risultati… lui li ha visti poche volte, in genere la società si stufa prima e gli da il benservito. Qui pèare che sia arrivato Guardiola e tre fuoriclasse, non è così, anche se per contrasto con i precedenti parrebbe tale

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    3. cos75 - 4 settimane fa

      Il problema è che il tempo non ce l’hai, quando ti trovi ultimo in classifica con 2 punti in 10 giornate e la squadra che non tira in porta ma fa solo possesso palla allora ti si sfascia tutto intorno

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  11. Rambo Policano - 1 mese fa

    Siccome le robe adattate non hanno una vita lunga né sono esteticamente belle,prepariamoci o a soffrire per l’ennesima stagione o a dover salutare un bel po di facce che in questo progetto tecnico non hanno collocazione,anche a rischio di dar via gente buona alla falque, o gente che per vari motivi ce ne faremo presto una buona ragione tipo Izzo,Rincon,Berenguer,Lukic,Edera.
    Per Verdi per esempio per esempio proporrei uno scambio alla pari al Cagliari per avere J.Pedro
    Loro giocheranno col 433 e si rilancerebbe da dio,mentre da noi Pedro farebbe una bella coppia col Gallo.
    Il trequartista a Giampaolo piace che sia il primo a disturbare il gioco avversario,per cui scordiamoci gente tutta fantasia ,ma immaginiamoci un onesto tuttocampista alla Barak,adattabile anche in altre posizioni e pure dotato di una bella struttura fisica,visto che Linetty alla fine è piuttosto esile,mentre il calcio moderno richiede anche e soprattutto fisicità.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Bastone e Carota - 1 mese fa

      Daccordo su tutto, ma non su Linetty. E’ fisicamente spesso, basta vedere le foto delle nuove divise.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  12. Rambo Policano - 1 mese fa

    Buongiorno a tutti cari fratelli di tifo
    Mi chiamo Claudio e scrivo per la prima volta sperando di poter fare qualche considerazione insieme a voi.
    Per quanto mi riguarda,a me Giampaolo non ha mai fatto impazzire come tecnico nè ho ricordo di sue squadre che giocassero in maniera spettacolare,ma su questo punto spero di essere presto smentito.Lo reputo però un “talebano”,un integralista, uno di quelli che non cambiano modulo neanche sotto tortura e questo in passato gli è già costato caro.È sotto gli occhi di tutti che ,senza adattare chicchessia in ruoli non suoi,i giocatori attuali in attacco,numericamente e caratteristicamente siano adatti per il 433

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. cos75 - 1 mese fa

      Eh sì, è uno che va dritto per la sua strada, se non ha gli uomini giusti sarà dura

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  13. marione - 1 mese fa

    Insomma si adattano i giocatori, così non si comprano quelli di ruolo. Poi bisogna avere pazienza e poi se ancora continuano a perdere la colpa è dei tifosi che non devono contestare. Ginapaolo <a Milano lo amnao perchè tra i tanti meriti che ha, per cui non volevano mai più che andasse via, ha trasformato Suso. Chi è quell'idiota che dicevqa cher sono caqzzate che quelli alti non ppossono giocare bene? P?erchè q

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. marione - 1 mese fa

      Insomma si adattano i giocatori, così non si comprano quelli di ruolo. Poi bisogna avere pazienza e poi se ancora continuano a perdere la colpa è dei tifosi che non devono contestare. Ginapaolo <a Milano lo amnao perchè tra i tanti meriti che ha, per cui non volevano mai più che andasse via, ha trasformato Suso. Ma voi pensate ai bilanci e a proteggere Cairo, ovviamente non vorrete mica vincere qualcosa? Per qjuello ci sono le altre squadre

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. cos75 - 1 mese fa

        Io mi ricordo una finale di coppa Uefa nel 1991-1992 e una coppa Italia vinta nel 1992-1993 e poi più niente, non mi pare che anche gli altri presidenti che abbiamo avuto abbiano fatto faville. Comunque se conosci qualcuno interessato al Torino che ha voglia di spendere un po’ di soldi puoi sempre presentarlo a Cairo.
        P.S. le altre squadre che vincono quali sono? Io sono 9 anni che vedo vincere una sola squadra con buona pace di tutte le altre e dei miliardi spesi

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. marione - 4 settimane fa

          Mi sa che non segui. Napoli e Lazio hanno vinto coppe Italia, una supercoppa (vado a memoria) L’Atalanta è arrivata in semifinale di EL, il Napoli ha fatto bene, l’Inter ha fatto la finale. Io ho visto uno scudetto e ho continuato a tifare Toro anche senza vincere, non è che si chieda uno squadrone. Se Cairo si vende i giocatori, al prezzo che lo ha preso lui lo prendo io. Purtroppo non ho amici coglioni disposti a pagare 2/3 volte il prezzo reale, ma per quello che fa Cairo, cioè prima incassare e poi spendere una parte, basta un ragioniere. E in tribunale di commercialisti consulenti ne trovi a bizzeffe, tutti con fedina penale immacolata

          Rispondi Mi piace Non mi piace
          1. cos75 - 4 settimane fa

            Non sono molto d’accordo perchè prima tra fallimenti e debiti eravamo sempre con l’acqua alla gola tutti gli anni, evidentemente quelli prima non sapevano fare nemmeno i conti. Cairo non è un imprenditore scarso, semplicemente gestisce il Torino come un’azienda che deve andare in positivo o per lo meno non in perdita e questo nel calcio non è affatto facile nonostante tu dica che lo sai fare pure tu, quasi tutte le squadre hanno i bilanci in rosso. Poi probabilmente così facendo non si vincerà mai niente, ma non mi pare che sia mai apparso un Abramovic o un Zhang disposto a comprare il Toro e lui non glielo abbia venduto. E squadre come Napoli, Lazio e Inter che vincono la coppa Italia secondo te sono soddisfatte? Noi o il Parma, o altre squadre di metà classifica gioiamo per la vittoria della coppa Italia, ma con tutti i soldi che spendono vincere la coppa Italia è acqua fresca. Erano squadre costruite per lottare per lo scudetto o per lo meno andare dirette in Champions.

            Mi piace Non mi piace
          2. cos75 - 4 settimane fa

            “Ma voi pensate ai bilanci e a proteggere Cairo, ovviamente non vorrete mica vincere qualcosa?”
            Lo hai scritto tu, che è ben diverso da quello che hai scritto nel post dopo:
            “non è che si chieda uno squadrone”
            Sul quale sono anche d’accordo.

            Mi piace Non mi piace
  14. Leojunior - 1 mese fa

    Condivido l’osservazione che sia il regista l’acquisto cruciale per la squadra, e non il trequartista. Una squadra con una buona difesa e un centrocampo che gira, considerando che le punte non ci mancano, sicuramente può fare un buon campionato. L’errore di Mazzarri, ma anche di Mihajlovic, è stato quello di non puntare sul controcampo. Quanto a Berenguer, Iago, Verdi, Edera e Millico qualcuno dovrà pur partire ed io punterei sulla prospettiva.
    In difesa Izzo via senza discussioni, se vendono anche Lyanco ci troviamo con il solo Djidji riserva e quell’uomo è un pericolo pubblico… si deve considerare un gol regalato agli avversari ogni volta che entra.
    In generale io credo che i nostri limiti passati fossero appunto un centrocampo scarso, ma soprattutto l’assenza di giocatori diciamo carismatici, il Gallo ad esempio secondo me lo è poco. Un Glik per dire, che suona la carica. Rincon per me se ne deve andare perchè, oltre ad essere un giocatore davvero scarso, è il classico giocatore senza palle. Tipo De Ascentis, quelli che fanno falli e prendono ammonizioni, ma quando la squadra è in difficoltà sono i primi ad affondare e a fare prestazioni ignobili.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. abatta68 - 4 settimane fa

      L errore è di cairo! È sempre suo l errore… mhjailovic aveva chiesto 4 giocatori e gli preso carlao e ajeti! Ha scto mazzarri perché si sarebbe fatto piacere ciò che aveva a disposizione, per cui “mazzarri è un maestro di calcio che inseguo da una vita!”. Ora il maestro di calcio e GP che chiede giocatori a differenza di mazzarri. Gli sono stati presi i 3 facili, ora servono i 3 più difficili, in mezzo al campo, per fare fuori tutte le ali di cui abbiamo fatto collezione negli ultimi 4 anni (berenguer, falque, edera) di cui non ce ne facciamo nulla.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. abatta68 - 4 settimane fa

      Poi vabbè… se rincon è uno senza palle, boh… mi pare che la grinta sia una delle sue caratteristiche principali che lo hanno fatto diventare capitano della sua nazionale! E me lo paragono a de ascentis!? Sei sereno mentre scrivi queste cose?

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  15. Pavl73 - 1 mese fa

    Non ci siamo
    Nn sono bastati gli anni di ventura mihajlovic e mazzarri?
    Giocatori adattati….
    I sopracitati possono ricoprire sufficientemente il ruolo ma al bisogno.
    Nn possiamo sperare che lo facciano tt il campionato.
    Chiediamo un consiglio a percassi o a pozzo per trovare un trequartista e spendere poco
    Ma che sia del ruolo

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  16. abatta68 - 1 mese fa

    Fino a ieri praet era il giocatore al quale GP aveva chiesto di fare il regista, oggi ci dicono che si, è un centrocampista, ma può fare molto bene anche il trequartista…insomma può fare tutto! Però non è la priorità, secondo chi scrive l articolo! Il fatto è che la priorità oggi sarebbe fare fuori almeno 7-8 giocatori di cui sappiamo tutti, GP per primo, che non ci servono a una mazza.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  17. iugen - 1 mese fa

    Tra i tre direi meglio Berenguer come trequartista, è l’unico a cui ho visto fare qualche passaggio smarcante decente per i compagni, anche se alla fine credo giocherà Verdi, anche se continuo a sperare che verrà schierato da seconda punta

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Kieft - 1 mese fa

      Hai visto la partita su toro channel?

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. iugen - 1 mese fa

        No, ma ho visto un sacco di partite l’anno scorso, e l’anno prima, e l’anno prima ancora, etc… E tra i tre Berenguer è stato l’unico cui abbia visto fare qualche passaggio in grado di mettere un compagno davanti alla porta, forse un paio Iago, Verdi proprio mai

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. Kieft - 1 mese fa

          Visto che Hai guardato tutte queste partite, dove giocava Verdi in Torino Brescia 3-1 ? la miglior partita di Verdi e non per il goal fortuito ma per La prestazione !

          Rispondi Mi piace Non mi piace
          1. iugen - 4 settimane fa

            Verdi ha giocato praticamente sempre come trequartista con Longo, e mi ha convinto poco. Col Brescia ha giocato bene ma è stato molto pericoloso in fase conlusiva, proprio per questo nel modulo di Giampaolo lo vedo più come seconda punta, visto che ha più l’istinto di calciare in porta che non quello di smarcare il compagno

            Mi piace Non mi piace
        2. Kieft - 1 mese fa

          Ti chiedo anche dove giocava edera in Torino Udinese 1-0? E chi ha fatto l’assist per belotti? Ti dico anche che se edera non fa quel assist per belotti non vincevamo …e sai dove saremmo adesso ?

          Rispondi Mi piace Non mi piace
          1. iugen - 4 settimane fa

            E capirai, un assist in tre contro due con Belotti completmente libero, non mi sembra una giocata de genio del calcio, lo facevo anche io quel passaggio

            Mi piace Non mi piace
          2. Kieft - 4 settimane fa

            Sapresti fare anche i 25 metri palla al piede con mandragora in recupero ? 🙂

            Mi piace Non mi piace
    2. Pau - 1 mese fa

      Per quello che si è visto in campionato sono d’accordo con te. Iago non è uno da ultimo passaggio, forse Verdi un po’ di più ma sarebbe comunque un ruolo non suo.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  18. maxxx - 1 mese fa

    È proprio difficile adattare lo schema ai giocatori? Se non hai il trequartista di ruolo perché intestardirsi a voler schierare un giocatore “dietro” a due punte? Non sarebbe meglio mettere due ali (che gia hai in rosa) dietro un’unica punta? Troppo difficile? Basterebbe una piccola variante allo schema e ti troveresti Iago e Verdi dietro Belotti a giocare per lui

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. LeoJunior - 4 settimane fa

      Puoi, ma cambia tutto.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  19. CUORE GRANATA 44 - 1 mese fa

    Che “qualcosa”vada ancora fatto in entrata ma soprattutto in uscita è ovvio ed ampiamente condivisibile.Però concentrare tutta l’attenzione sull’arrivo del “trequartista” che parrebbe essere la panacea dei ns. mali,a mio parere sarebbe un errore strategico.Che Berenguer,Iago e Verdi non lo siano(quindi 2 su 3 cedibili od in prestito),porta a sottovalutare che abbiamo già in casa un giocatore che potrebbe ricoprire quel ruolo.Mi riferisco a Segre,ragazzo con la testa sul collo ed entusiasta di giocare con la ns.maglia e che inoltre sà anche “tirare da fuori”merce rarissima in questo Torino fc.Mi auguro che il tecnico faccia le giuste valutazioni e non si faccia attrarre da soluzioni onerose ed incerte.Ma il problema vero,lo ribadisco per l’ennesima volta,consisterà nello stanare Cairo sul tema “infrastrutture” e Settore Giovanile.L’incipit non è incoraggiante infatti a quanto pare la Primavera,pressochè tutta da reinventare,giocherà alla SISPORT(corsi e ricorsi..)su un terreno che…Del Robaldo più nessuno parla e per l’intero Settore sono state ridotte le già scarse risorse cancellando anche la bella realtà della scuola calcio scippando un sogno a tanti ragazzini entusiasti di indossare la ns. maglia in un contesto di aggregazione ludico\sociale.Sul completamento del Fila trovino la soluzione scorporando magari il Museo come edificio a sè stante attraverso un diritto di superficie concesso dalla Fondazione.Situazione intricata tuttavia se è stato sciolto “il nodo di Gordio”….Su questo versante Cairo non ha alibi:non potrà nascondersi dietro la “foglia di fico”del fatturato in quanto le risorse necessarie per intervenire in modo diretto\indiretto sono reperibili nel fatturato stesso.Al limite “rinunci” al costoso regista.Credo che tutti noi tifosi apprezzeremmo una scelta duratura e non effimera.L’eventuale contestazione in merito ai risultati sportivi sarebbe solo acqua portata al Suo mulino.FVCG!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. LeoJunior - 1 mese fa

      Temo si faccia un pò di confusione tra trequartista e regista. Segre credo sia una mezz’ala con possibile adattamento e crescita come regista, non come trequartista.
      Sotto scrivo che ci vuole pazienza e quindi è giusto che anche noi ci adattiamo a qualche ruolo coperto con qualche invenzione del mister. Io ad esempio farei anche un folle tentativo con Meitè da trequartista. Ma sono valutazioni che sono il mister può fare.
      Sulle strutture invece spero che Vagnati possa essere un punto di svolta. Sembra persona sensibile e attenta a molti aspetti (non solo a procuratori e percentuali …) e già un paio di volte ha fatto riferimento alle strutture. Speriamo possa pungolare Cairo ogni giorno, dopo che avrà finito di costruire la squadra.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. iugen - 1 mese fa

      La panacea dei nostri mali non è il trequartista, ma il regista, che manca da questa squadra ormai da tempo immemore

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  20. Il_Principe_della_Zolla - 1 mese fa

    Fosse per me, che non sono nessuno, partirebbero tutti e tre, e ci metterei pure Edera su quel piatto della bilancia. Prendessimo il brasiliano del Cagliari di cui tanto si parlava qualche settimana fa…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  21. Kieft - 1 mese fa

    Edera con 23 anni ha l’età per poter provare qualsiasi ruolo …oltretutto quella posizione con Longo l’ha fatta…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. iugen - 1 mese fa

      L’ha fatta…. male!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Kieft - 1 mese fa

        A me è piaciuto ..

        Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Madama_granata - 1 mese fa

      Non c’è nulla da fare, Kieft!
      Rassegnamoci!
      Se per assurdo Edera diventasse il nostro Messi, tanto i nostri co-tifosi lo boccerebbero egualmente!
      Quando ricordo che Edera ha segnato nell’ultima partita, alla ripresa delcampionato e che hli sono stati

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Madama_granata - 4 settimane fa

        E che gli sono stati non riconosciuti 2 gol validi causa errori arbitrali, glissano e fanno finta di niente.
        Morale: dopo il Capitano è un dato di fatto che Edera,in proporzione al poco tempo giocato,nel Toro post-covid è il più prolifico in quanto a reti segnate.
        Ma no, non c’è niente da fare: Edera non piace comunque.
        Punto.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. Kieft - 4 settimane fa

          Dimentichi l’assist per belotti contro l’udinese ….se noi non vincevamo quella partita franavamo in serie B sicuramente

          Rispondi Mi piace Non mi piace
      2. iugen - 4 settimane fa

        Guarda che non è che siamo tutti fessi. Qualcuno lo sarà anche, ma penso che la maggior parte guardi le partite e si faccia un’opinione sui vari calciatori, indipendentemente da altri fattori.
        Se per te Edera è tanto forte buon per te, io spero che tu abbia ragione, ma al momento non sono assolutamente d’accordo. E a quanto pare non sono l’unico

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  22. Kieft - 1 mese fa

    Verdi a Bologna assieme a di Francesco palacio e destro ha giocato anche con il 4231 in posizione centrale con di Francesco a sinistra e palacio a destra dietro a destro …poi comunque per adattarsi a un nuovo ruolo ci vuole un periodo di tempo …..io ho visto Pirlo diventare un top player arretrando la posizione di 25 metri ! Verdi centrale, sfruttando il fatto di essere ambidestro e Considerato non essere velocissimo Potrebbe anche migliorare le sue performance…certo dovrà imparare a fare altre cose …però …

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  23. LeoJunior - 1 mese fa

    Di tre non ne fanno uno. Però quando parliamo di pazienza e di processo lento, significa anche accettare che la squadra non avrà tutte le pedine giuste. Impensabile cambiare tutti. Quindi qualche adattamento, qualche tentativo di riconversione e qualche giovane da provare dovremo metterlo in conto. Con la speranza che non partano le solite stucchevoli polemiche. Le squadre si formano negli anni

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Bastone e Carota - 1 mese fa

      Hai ragione però è un peccato rischiare contestazioni dannose solo perché non si è riusciti a creare l’ossatura completa della squadra. La difesa è sostanzialmente a posto, l’attacco possiamo farcelo piacere (il riferimento è a Zaza, Verdi, Berenguer, Edera, non certo a San Gallo Belotti), resta da sistemare il centrocampo in cui l’arrivo di Linetty e il rientro di Segre hanno già portato miglioramenti. Il metodista e il trequartista devono essere presi per non indebolire la manovra della squadra, sia in fase offensiva sia difensiva.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  24. Bastone e Carota - 1 mese fa

    Il mancato trequartista rischia di essere il collo di bottiglia in cui si strozzerà la manovra granata. Fosse per me farei partire Verdi, Edera e Falque, ma se non sarà possibile, dirotterei comunque i denari su un trequartista vero e di qualità, e come mediano arretrato prenderei Biglia e promuoverei Segre.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  25. Héctor Belascoarán - 1 mese fa

    C’è poco da fare, Iago e Verdi son più mezze punte, esterni d’attacco adattabili più come seconde punte, mentre Berenguer può essere un sostituto di uno veramente bravo in grado di giocare da titolare tutte le partite sulla trequarti.

    Il trequartista è il vero nodo su cui ci giochiamo la stagione.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. framantic - 4 settimane fa

      Non sono d’accordo. Senza il regista, la palla al trequartista non arriva. L’azione non inizia e gli avversari ci massacrerebbero con pressing alto, soprattutto nei primi 45 minuti. Il regista è fondamentale. Il trequartista sarebbe meglio di ruolo, ma in mancanza di risorse si possono sempre adattare Versi, Iago e Berenguer e, a seconda delle caratteristiche dell’avversario, qualcosa si puó generare, non è che i tre di cui sopra siano dei pipponi, sanno giocare a calcio eh? E’ tutta una questione di compiti e movimenti, non tanto di posizione in campo.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Héctor Belascoarán - 4 settimane fa

        Non sono d’accordo nemmeno io con te, il trequartista è questione di tecnica e di fantasia, i primi due hanno tecnica ma peccano di fantasia (Ljajic, che dir si voglia, in questo senso, a confronto, era un mostro) il terzo ha qualche colpo ma è leggerino e sicuramente non ti fa fare il salto di qualità (ma l’abbiamo ben visto). Pipponi quindi no ma li abbiamo visti tutti e tre in quella posizione per tutto lo scorso anno e nessuno ha veramente colpito.

        Chiaro che il play basso è fondamentale me è un giocatore di cui l’imminente arrivo io davo per scontato.

        Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy