Heysel, i tifosi della Juve al Torino: “Grazie per il vostro grande cuore: uniti nel ricordo”

Heysel, i tifosi della Juve al Torino: “Grazie per il vostro grande cuore: uniti nel ricordo”

Social / Le reazioni social dei tifosi bianconeri al tweet della società granata in ricordo della tragedia dell’Heysel

di Andrea Calderoni

Le tragedie non hanno colori. Non hanno colori politici (troppo spesso nei palazzi romani molti nostri deputati e senatori se ne dimenticano) e non hanno colori di tifo. Il 4 maggio 1949 e il 29 maggio 1985 rappresentano e rappresenteranno per sempre due date tristi e drammatiche nella storia dello sport e nello specifico nella storia di Torino. Da una parte il mito leggendario del Grande Torino, dall’altra la scomparsa di ben 39 tifosi, di cui 32 italiani, nella finale di Coppa dei Campioni di Bruxelles tra Juventus e Liverpool. Il 4 maggio la Juventus ha ricordato gli Invincibili, oggi il Torino celebra la memoria di chi ha perso la vita per una semplice partita di calcio all’Heysel. Il cinguettio del Torino Football Club su Twitter è stato commentato e condiviso da centinaia di tifosi bianconeri, che hanno ringraziato i “cugini” granata. Lo sfotto e la rivalità tra Torino e Juventus, tra granata e bianconeri, non moriranno mai, ma sempre nel segno del rispetto, quello dimostrato il 4 maggio dai tifosi della Juventus e quello dimostrato oggi dai tifosi del Torino (ieri dal colle di Superga è stato anche lanciato un messaggio molto significativo).

Il Torino ricorda le vittime dell’Heysel: “Uniti nella preghiera e nel ricordo”

3 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. user-13658761 - 1 mese fa

    I morti nn hanno maglia il dolore unisce nn deve dividere ed il destino li accomunati entrambi a maggio onore al Grande Torino ed ai 39 caduti per l’amore che avevano verso i loro colori due grandi società con un grande cuore bianconerogranata

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Dr Bobetti - 1 mese fa

    L’odio per i gobbi e ciò che li rappresenta è facente parte del ns DNA. Ma i morti son morti a prescindere dal calcio e dal colore della maglia (la ns con la Maiuscola).
    Quindi una preghiera è solo il minimo.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. AppianoGranata - 1 mese fa

    Sono un cattolico praticante ed oggi una preghiera l’ho recitata anche io.

    Ma da domani si torna al “pane e tifo” di ogni giorno eh…?!

    Quindi: forza Toro e juve mer*a.

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy