L’allenatore Davide Nicola: la salvezza miracolosa a Crotone e l’esonero dal Genoa

La storia del nuovo tecnico granata – Parte 2 / La prima esperienza storica in Serie A, la delusione con l’Udinese e la cavalcata con i rossoblu

di Gualtiero Lasala, @LasalaGualtiero

Il nuovo allenatore del Torino sarà Davide Nicola, che ha avuto una carriera da tecnico già ricca di emozioni. Dopo la prima parte conclusa con l’esperienza al Bari (QUI i dettagli), l’ex giocatore granata è riuscito a sbarcare in Serie A. Andando a rivivere i momenti salienti della sua attività, si può notare come sia stato in grado di ottenere alcune salvezze davvero miracolose, dal Crotone al Genoa.

CROTONE – La sua prima avventura in Serie A cominciò con una squadra neopromossa, il Crotone, che decise di puntare tutto sul tecnico reduce dall’esperienza al Bari e da sei mesi di stop. I calabresi avevano una delle rose meno attrezzate per affrontare il massimo campionato: infatti nelle prime dieci partite totalizzarono solo due punti, sembrando la classica squadra da retrocessione. E l’andamento continuò ad essere pessimo, arrivando con soli 10 punti dopo 20 partite e una situazione pressoché critica. Nonostante questo il Crotone decise di dargli fiducia, non esonerandolo. Nelle ultime 12 partite Nicola arrivò a realizzare 21 punti, battendo squadre come Inter, Sampdoria ma soprattutto Lazio, all’ultima giornata, regalando una salvezza che è ancora considerata storica in quel di Crotone. In questo modo diventò l’eroe della città, compiendo anche un’impresa in bici l’estate stessa, che lo condusse proprio dalla Calabria fino al Filadelfia (QUI i dettagli).

UDINESE – L’esperienza con il Crotone terminò la stagione seguente dopo aver totalizzato 12 punti nelle prime 15 gare. Un risultato che venne considerato deludente tanto da motivare l’esonero dopo 3 sconfitte consecutive in campionato contro Juventus, Genoa e Udinese. Dopo un periodo di stop durato quasi un anno, il tecnico tornò ad allenare in Serie A, con proprio i bianconeri friulani che lo chiamarono a stagione iniziata per risollevare le sorti. L’avventura sulla panchina dell’Udinese non fu trionfale e durò appena 15 partite, nonostante i 16 punti realizzati che furono considerati insufficienti. In seguito arrivò Tudor che chiuse al dodicesimo posto con tre successi consecutivi nelle ultime tre giornate.

GENOA – Dopo un altro periodo di stop, venne chiamato a Genova per salvare il Genoa. La squadra rossoblù era in piena zona retrocessione, ultima con appena undici punti. Al suo arrivo Nicola trovò subito i tre punti, che furono vitali per la squadra genovese. Trovatosi addirittura ultimo in classifica dopo la sconfitta contro la Roma a gennaio, la società continuò a rinnovare la fiducia nell’allenatore, che fu poi ripagata. Dopo la sconfitta contro i giallorossi arrivarono i 14 punti che permisero al Grifone di salire a 39 punti, contro i 35 del Lecce terzultimo. Un’altra cavalcata per la salvezza, che non gli bastò per la conferma da parte di Preziosi, che ad agosto decise di puntare su Maran. Ed oggi Nicola è chiamato ad un’altra impresa: salvare il Torino, che rischia seriamente la Serie B.

6 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Leo - 1 mese fa

    Rimango del mio parere: avrei preferito Semplici. Le salvezze di Crotone e Genoa sono state più merito dei rispettivi Presidenti. Temo che siamo passati dal Filosofo al Predicatore. Un allenatore cioè che spera di trasmettere non concetti e schemi ma volontà e carattere. Spero di sbagliarmi.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Il Giaguaro - 1 mese fa

      Con la Spal abbiamo già dato… Non ti è bastato Vagnati?

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Leo - 1 mese fa

        Mi è bastato Giampaolo ed i suoi giocatori, inutile fare nomi. Non mi sembra che Vagnati abbia avuto molta voce in capitolo. Anzi, sono sicuro che se al posto di Giampaolo fosse arrivato Semplici, come si dice avesse suggerito Vagnati, le cose avrebbero preso un’altra piega. Chi vivrà vedrà. Io ho seguito un pò la salvezza di Nicola col Crotone e posso garantire che è stato un ottimo motivatore, si è sgolato come pochi, in allenamento e sul campo. Al Toro però la situazione è molto diversa, la crisi del Toro è più complessa, anche dal punto di vista tattico.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. EraldoPecci - 1 mese fa

    Capisco ci sia poco da scrivere…
    Il gol della serie A, la gavetta, le salvezze, i miracoli…
    è tutto chiaro! Ok! Si è capita la storia di Nicola!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Héctor Belascoarán - 1 mese fa

      Veramente non tutto… ad esempio perchè Preziosi non l’ha riconfermato dopo la meritata salvezza dello scorso anno? Ma mi incuriosisce di più sapere perchè quando ha esonerato Maran non ha affidato a lui il Genoa, che già conosceva la squadra, pur avendolo sotto contratto?
      Questi dovrebbero essere gli approfondimenti.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. ddavide69 - 1 mese fa

        Eh , anche tu però…per fare questo bisogna essere dei giornalisti che non si limitano a leggere le notizie sui giornali o su tuttomercatoweb

        Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy