L’ultimo posto condiziona l’appetibilità del Toro: così il mercato diventa più difficile

Focus on / Il Torino ha bisogno di un restyling sul mercato, ma con l’ultimo posto sarà più difficile convincere i giocatori

di Silvio Luciani, @Silvio_Luciani
Davide Vagnati Torino fc

Sarà un mese di gennaio particolarmente difficile per il Torino, che in campo sarà impegnato in una serie di partite decisive sin da domani e soprattutto dovrà essere attivo sul fronte del calciomercato. E non sarà una sessione semplice per i granata, che dovranno colmare le lacune della rosa in una situazione particolare come quella del calcio nell’era Covid. Come se non bastasse, poi, il Torino è anche all’ultimo posto in classifica e questo è un fattore che può incidere pesantemente sulla campagna acquisti.

LEGGI ANCHE: Torino, chi gioca a Parma? Pochi ballottaggi nel 3-5-2 di Giampaolo

DISPONIBILITÀ – A livello di classifica il Torino è tutt’altro che spacciato, ma la classifica può influire sulla disponibilità a vestire la maglia granata dei calciatori richiesti dal ds Vagnati. È un ostacolo in più per il lavoro dell’ex dirigente della SPAL, che – e questo è l’unico lato positivo – già nello scorso campionato si era trovato in queste condizioni. Sarà comunque più difficile convincere i profili ritenuti adatti, perché il pericolo retrocessione rischia di gravare pesantemente anche sul futuro dei giocatori che dovessero valutare un trasferimento all’ombra della Mole, soprattutto per quelli che militano in squadre importanti (ad esempio Lobotka del Napoli). Un ostacolo in più, in una strada già costellata da mille complicazioni, quella che porta alla salvezza del Torino.

57 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. fabrizio - 3 settimane fa

    E’ gia’ da diversi anni che il toro (la cairese) non e’ appetibile. Anzi…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Ardi - 3 settimane fa

    Diciamo che se negli scorsi mercati cairo avesse rinforzato la squadra non ci sarebbero questi problemi, probabilmente neanche quelli dei giocatori scontenti che non rendono e in più si svalutano. Chi semina vento raccoglie tempesta. A questo punto, l’unica possibilità perché quanto scritto nell’articolo non risulti l’ennesima scusa per non fare il mercato, ricordo ad esempio che il Cagliari, non il Real Madrid ha preso nainggolan e pure il genoa si sta rinforzando, sarebbe quella di aver già contattato e preso almeno tre giocatori di qualità nei ruoli utili, facendo sapere ad ognuno degli stessi che appunto non verrebbero da soli a rinforzare la squadra ma almeno con altri due di qualità. Così si convincerebbero che la squadra cambierebbe radicalmente marcia e accetterebbero, con magari la garanzia di ulteriori rinforzi in estate e la promessa del rinnovo al Gallo.Ma sappiamo tutti che non sarà così. Felice di essere smentito

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Mimmo75 - 3 settimane fa

    maccabee (giù non mi fa rispondere), non fallisci perchè non hai vinto la coppa Uefa. Quel Toro fallì perchè a guidare la società c’era uno scellerato (lo dice la sua storia personale) che spendeva soldi che non aveva, nè lui, nè la società. Ci divertimmo, godemmo, non vincemmo l’Uefa per la malasorte che sempre ci accompagna, ma non mi pare che ogni anno falliscano tutti quelli che non vincono qualcosa. Suvvia: un conto è il campo, altro la gestione societaria. Facile acquistare campioni con ingaggi faraonici e poi abbandonare la nave appena vengono a batter cassa… e dai…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. PotenzaGranata - 3 settimane fa

      Quindi dello “scellerato” Borsano ti piace citare solo quanto successe dopo la finale di Coppa Uefa (mai arrivati sino ad una finale, nè prima nè dopo la gestione Borsano).

      Non vincemmo la Coppa Uefa per malasorte ?

      Questa è la migliore della settimana…..!!

      Certo è che, se la partita di Amsterdam non fosse stata truccata dall’UEFA, sotto pressione continua dei Lloyd’s di Londra, per evitare che il Toro vincesse la Coppa e che Borsano incassase una valanga di miliardi dalla polizza fatta con gli stessi Lloyd’s di Londra (come avvenne l’anno prima, peraltro, quando lo stesso Borsano fece una polizza con i Lloyd’s di Londra la quale prevedeva il pagamento di un premio milardario se il Toro, appena promosso dalla serie B in serie A, si fosse qualificato per la Coppa Uefa, cosa che avvenne), forse oggi parleremo d’altro.

      Se non conosci la storia del Toro di Borsano, evita di farci leggere le tue solite minchiate.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. FVCG77 - 3 settimane fa

        Se Borsano ha fatto ciò, a maggior ragione scellerato.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
      2. oscarfc - 3 settimane fa

        Scusa ma come hanno fatto a truccare quella traversa di Sordo, che se era 3 cm più bassa la palla andava in porta, saremmo andati sullo 0-1 a 2 minuti dalla fine?

        Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Il_Principe_della_Zolla - 3 settimane fa

      Mimmo, di Borsano non sai niente da quel che vedo. Tutto era, fuorché uno scellerato, credimi. Meglio un anno da Borsano, che cento da Urbano.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Cuore granata 69 - 3 settimane fa

    Non ci si nasconda dietro a un dito..l’ultimo posto è un pagliativo..il problema è che anche quando stavi messo meglio non arrivava nessuno non perché sei ottavo o ultimo MA PERCHÉ CHI DEVE FARE MERCATO NON HA DENARI..E CHI LI DEVE DARE NON VUOLE SPENDERE.basta prese per il c..o,la verità è questa punto..esempio ne è il monza squadra di b quando era lusso..arrivano Berlusconi Galiani e guarda un po gente che pottebbe giocare in a magari per non retrocedere ma in a,preferisce la b PERCHÉ IL PROGETTO È AMBIZIOSO..INFATTI PROGETTO QUELLO CHE CAIRO NON HA E NON HA MAI AVUTO..

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Cuore granata 69 - 3 settimane fa

      E chi deve fare mercato non è Petrachi che avrà anche fatto delle caxxate ma con quello che passava Cairo ha fatto anche dei miracoli in senso sportivo..Zappacosta a 30 milioni è uno di quelli..Vagnati ho ha un buon scouting che visiona giocatori o lui in primis ha buone idee se no diventa purtroppo un mediocre perché se non puoi spendere quello che devi per un calciatore devi inventare altro e lui non mi pare Petrachi.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. FVCG77 - 3 settimane fa

    Non vedo il problema. Messi si svincola a giugno, non viene a gennaio!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. PotenzaGranata - 3 settimane fa

    Qualcuno si stupisce ancora del perchè, in una società di falliti, a partire dal mandrogno, nessuno voglia metterci il piede ?

    L’unico rimedio per mettersi una mano sugli occhi e con l’altra turarsi il naso per non sentire l’odore acre della cancrena è quello di aprire il portafoglio e scucire come si deve.

    Vi risulta che bracciamozze sia dell’idea di aprire il portafoglio, come avvenuto in ogni mercato di riparazione ?

    Sveglia ragazzi….!!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. Paul67 - 3 settimane fa

    Ammettiamo che arrivi qualcuno che serva alla causa, sarebbe già qualcosa, arriva a fine gennaio, Cairetto aspetta l’ultimo giorno per abbassare anche i centesimi, poi servono un paio di mesi d’ambientamento, se va bene I benefici arriveranno a Pasqua, a quel punto potrebbe essere troppo tardi, forse è meglio fare con quello che c’è già.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. ddavide69 - 3 settimane fa

      Con quello che c è già andiamo dritti in serie b

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Paul67 - 3 settimane fa

        É una concreta ipotesi, la classifica parla chiaro, ma io nei mercati di riparazione di cairetto nn ci credo.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. Daniele abbiamo perso l'anima - 3 settimane fa

    Come ha scritto gia qualche tifoso esiste anche la formula del prestito con diritto di riscatto in caso di permanenza in serie A.
    Sono sicuro che ci sono molti giocatori in circolazione adatti e che approverebbero.
    Se poi Cairo per regioni sue vuole farci scivolare tranquillamente in serie B (come già avvenuto in passato ) allora è un altro discorso ed è molto facile: basta dire “che succede ? Niente !
    E si va in B

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  9. maccabee - 3 settimane fa

    Acquistare in estate i giocatori adatti sarebbe stato più semplice, meno costoso, avrebbe consentito la creazione di un progetto e il raggiungimento di risultati apprezzabili, avrebbe valutato la società e tutti i suoi calciatori.
    Fare mercato in queste condizioni, invece…
    Ecco, in poche righe, sintetizzati lo spessore e la lungimiranza di certe scelte

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  10. Emilianozapata - 3 settimane fa

    Brutti, sporchi e cattivi, gente abituata a mordere campo pallone e caviglie. Forse non è ben chiaro, ma noi siamo in lotta per la salvezza e i giocatori che servono sono quelli, non i fantomatici Torreira & C, più le cessioni di quelli che non servono.
    Il problema è che non arriveranno neanche quelli. Cairo si muove (anzi sta fermo) come se anche per il mercato valesse la zona rossa.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  11. granatadellabassa - 3 settimane fa

    Come hanno scritto in molti esiste il prestito secco o con obbligo di riscatto in caso di salvezza. Il fatto che vi siano gli europei potrebbe aiutarci a prendere qualche big che giocando poco e niente rischia la convocazione.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Bischero - 3 settimane fa

      Esatto. Lobotka é uno di quelli. Una mediana con Lobotka in mezzo baselli a destra e linetty a sinistra(o viceversa) ha sicuramente più qualità di quella attuale. Rincon lukic gojak e ansaldi con magari segre in panchina. Kouame con il gallo punta. Verdi e bonazzoli riserve. Con ramirez rifinitore…

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  12. bordeauxgranata - 3 settimane fa

    Il pezzente non tirerà fuori un euro
    E sono costretto a vedere ancora crescere il numero dei suoi discepoli, degni della posizione di classifica in cui siamo

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. granata63 - 3 settimane fa

      Sono d’accordo con te

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  13. Toroperduto - 3 settimane fa

    Come prestiti non condiziona nessuno.
    Ovvio che dipende da chi vuoi prendere, in prestito prendi tutti quelli che non stanno giocando o stanno giocando poco.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  14. Contrabbasso Granata - 3 settimane fa

    Non credo che prestiti con dititto/obbligo in caso di salvezza siano troppo complicati per prendere giocatori che in squadre di livello più slto non giocano (vefi lobotka o meno realisticamente torreira). Certo c’è da beccare quelli giusti e anche piuttosto velocemente altrimenti è dura.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  15. natureboy - 3 settimane fa

    Mettiamo da parte per un attimo Cairo, tanto lo sappiamo tutti che è una sciagura, ci ha fatto a pezzi il cuore granata e ci ha ca.ato sopra in questi 15 anni.. vorrei parlare di Vagnati. La maggior parte dei giornalisti intervistati lo ha indicato come tra i più grandi flop di quest’annata, e come dargli torto. O meglio, io non lo considero nemmeno un flop, perchè non mi aspettavo nulla di buono già dall’inizio, non ha il curriculum se non quello di aver riportato la Spal in B l’anno scorso. A questi livelli e dopo una passata stagione disastrosa serviva ben altro al Torino. Io non ce l’ho con i giovani, ben vengano però devono aver già operato/giocato/avuto a che fare con società di livello, altrimenti non si rendono conto della dimensione e tendono a sopravvalutarsi e a sottovalutare i problemi.
    E qui torno al nostro amato presiniente.. Cairo ma come ti è venuto in mente di prendere Vagnati dopo una disastrosa annata come quella dello scorso anno? Avevamo bisogno di certezze, non di scommesse (che puntualmente sul piano calcistico perdi da 15 anni).
    Ora, se Cairo in questo mercato si comporterà come mai ha fatto e acquisterà 3 giocatori ottimo livello, allora ci salveremo tranquillamente.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  16. Gigiotto - 3 settimane fa

    Forse qualche occasione la potremmo trovare, più che altro per scelta di qualche buon giocatore che spera di poter far parte della rispettiva Nazionale per i prossimi Europei,ma al momento panchinari o con minutaggio relativo basso nel proprio club

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  17. Simone - 3 settimane fa

    Nainggolan è tornato (PRESTITO SECCO FINO A GIUGNO) a Cagliari xké lotta x la Champions o xké lo fanno giocare?!?!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Bilancio - 3 settimane fa

      Ciao Simone.
      Il Cagliari è da qualke anno che si muove bene sul mercato. Dopo la vendita di Barella sono cresciuti. Hanno reinvestito nel modo giusto. Questo è un indicatore di una società con le idee chiare e formata da gente competente. So che è più facile fare calcio li, la squadra più importante dell isola, riveste anche un aspetto sociale importante e non e’ un aspetto secondario. Il calcio non è solo il rettangolo di gioco. Ad esempio per una nazione come l’Italia, con un lockdown a singhiozzo, il calcio e’ un utile diversivo a livello politico. “Loro” lo sanno. Quindi se sul baratro si trovassero Cagliari e Torino e ovvio che avrebbero un okkio di riguardo più per loro che per noi. Ecco perché non bisognerebbe mai trovarsi in questa condizione ED AGIRE IN FRETTA. Ed un altro bel motivo sono le scommesse. Quando dal gregge il leone individua l elemento più debole..lo punta..ed il più delle volte è finita…ecco un altro motivo per AGIRE IN FRETTA. Se la scommessa sul toro out e’ ancora buona i leoni (quelli ke hanno grosse somme a disposizione) puntano li e quando questo succede il gallo comincia ad essere picchiato già nel parcheggio sotto gli okki dell arbitro.
      ECCO PERCHE NON C’E’ TANTO TEMPO!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Simone - 3 settimane fa

        Non c’è dubbio che il Cagliari si stia muovendo meglio di noi ma io facevo solo notare che c’è gente di un certo spessore disposta ad andare anche un piazze “minori” pur di giocare.
        L’anno scorso il Ninja con loro ha fatto sfracelli, gli hanno chiesto di rimanere ma lui ha detto di no, ed ora nn ha alcun problema a tornare proprio lì.
        La boutade che non siamo appetibili xké ultimi è l’ennesima puttanata filocairese x giustificare (nuovamente) l’immobilismo della proprietà

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. Bilancio - 3 settimane fa

          Si mi era chiaro il tuo intervento. Stavo solo facendo un discorso più generale per ribadire l urgenza.
          Comunque mi sembra che UC voglia sfilarsi via dal calcio (ricordiamoci che ha già 62 anni) e per realizzare il max, voglia il paracadute e soprattutto la vendita del del vendibile + il Gallo (il mancato rinnovo sarebbe un ulteriore indizio) visto che mancano 6 mesi alla Verita.

          Rispondi Mi piace Non mi piace
          1. Simone - 3 settimane fa

            Aveva il Gallo, Ljajic e Falque che era uno spettacolo vederli giocare ed invece di costruire una squadra intorno a loro l’ha disintegrata.
            Spiace x il Gallo xké x quello che fa sarebbe da santificare subito.
            Speriamo che UC, prima di alzare i tacchi, non faccia ulteriori danni…

            Mi piace Non mi piace
        2. Nenno - 3 settimane fa

          Non è assolutamente vero che il Ninja ha detto no quando il Cagliari gli ha chiesto di restare, anzi.
          Le sue parole furono: “Sapete che non dipende solo da me, se il presidente fa uno sforzo importante, perchè no?”
          Ricorda anche che ha lasciato “giocatore del cagliari calcio” nella sua bio di instagram fino alla fine del mercato estivo nella speranza di tornare nonostante i tifosi interisti lo invitassero più volte a cambiarla.
          E quando Giulini andò a trattare con Marotta, si mise pure in mezzo chiedendo a Marotta di lasciarlo andare.
          Le parole di Ausilio “Vedremo di accontentarlo”, non erano un caso, ecco perchè è tornato.
          Non sò per quale motivo ti stia inventando le cose, se perchè ti rode che un giocatore così sia al Cagliari o perchè davvero pensavi che il Torino avesse speranze di prenderlo o potesse permetterselo.

          Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Bilancio - 3 settimane fa

      Su Ljacic Belotti Iago sfondi una porta aperta. E non riscattare Immobile a 10 mio mettendo Adem (arrivato poco dopo) dietro a loro due?
      Incompetenza o peggio?

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. PotenzaGranata - 3 settimane fa

        Solo da questo si poteva capire che il mandrogno era ed è sempre stato un servo dei gobbi.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
    3. Nenno - 3 settimane fa

      Ti rispondo io, Nainggolan è tornato a Cagliari perchè ha il cuore cagliaritano.
      La prima volta che andò via dal Cagliari fece la promessa che sarebbe tornato e infatti l’anno scorso rifiutò qualsiasi altra offerta pur di tornare al Cagliari e dichiarò “Il mio agente mi aveva proposto altre offerte ma io avevo già preso la mia decisione, e quando decido io non ascolto nessuno, nemmeno lui.”
      Quando il Cagliari fece il giron
      e d’andata a ritmi Champions disse:
      “E’ facile dirlo ora che le cose vanno così bene, in realtà sarei stato felice della scelta di tornare anche se le cose non andassero così bene, è come tornare a casa, la gente mi ha accolto come se non fossi mai andato via”.
      Anche ai tempi della Roma e dell’Inter quando aveva un momento libero era SEMPRE a Cagliari, l’ultima volta durante l’ultima pausa per le nazionali era in giro per Cagliari assieme a Daniele Conti e Andrea Cossu, bandiere rossoblù.
      Quando Conte ha messo alla porta lui ed Icardi mise subito in chiaro che non avrebbe accettato altra destinazione se non il Cagliari.
      Perciò non parlate se non sapete le cose.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  18. AleC. - 3 settimane fa

    Inizia a togliere le mele marce ( Nkolou e Meite per Krunic e soldi ), con un pò di soldini prendi il regista ( Torreira 15 milioni, Lobotka in prestito con diritto/obbligo o qualsiasi altro nome che un direttore sportivo dovrebbe avere dopo 6 mesi ) , prendi Zaza e dallo in prestito con diritto/obbligo e prendi allo stesso modo una seconda punta .
    Davvero Bremer è ambito dal Real / Everton / Liverpool? Quindi una ventina di milioni li puoi alzare, compri un difensore di esperienza forte e un terzino sinistro sano . Murru lo restituisci impacchettato ai ciclisti . Difficile? Per uno che vuole iniziare il 4 Gennaio si

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  19. Bischero - 3 settimane fa

    No no redazione. 0 alibi a questa proprietà. I giocatori vengono basta volerli e pagarli.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Mimmo75 - 3 settimane fa

      Ma va… per fare quel che dici tu servirebbero 200 milioni tra cartellini e ingaggi. Perchè il giocatore forte viene se crede nel progetto. E un progetto credibile, per una squadra sul fondo della classifica e che da 18 mesi è in caduta libera, prevede l’acquisto massiccio e immediato di calciatori di livello superiore alla media, perchè restano si e no 5 mesi a disposizione per salvarsi e nessun margine d’errore. Il che vuol dire dover spendere tantissimo e benissimo, oltre le possibilità del Toro e di qualsiasi presidente di serie A. NOn sto giustificando Cairo, fotografo solo la squallida situazione nella quale ci ha ficcati.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Bischero - 3 settimane fa

        Mimmo secondo me non hai capito cosa volevo dire. Il club non può ambire a chissà che giocatori o obbiettivi. Ma lobotka kouame e ramirez per portarli a Torino non spendo chissà cosa.arriverebbero in prestito magari con diritto in caso di salvezza a parte ramirez che con 2 milioni lo porti via. Ma ci sono anche le partenze Mimmo se non tira sul prezzo 12 o 13 milioni da izzo ed nkoulou li porta a casa. Zaza in prestito si può muovere. Solo di ingaggi tagli 5 milioni e ripaghi i nuovi prestiti semestrali. Poi a giugno in base alla categoria si vedrà come fare. Le cose basta volerle. E se dovesse mettere 3 o 4 milioni a gennaio non muore il nano. Poi se vuole retrocedere é un altro discorso.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. Mimmo75 - 3 settimane fa

          Vero, non avevo capito in pieno.

          Rispondi Mi piace Non mi piace
  20. Il_Principe_della_Zolla - 3 settimane fa

    Il duo CaVagna in grande spolvero. Dal niente al nulla, e vai col liscio.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Bacigalupo1967 - 3 settimane fa

      CaVagna non ha prezzo principe. Anche se in piemontese significherebbe “che vinca” cosa ignota per il duo…speriamo sia almeno di buon auspicio.
      Fvcg

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Bischero - 3 settimane fa

        Cesto bacigalupo. Cavagna é un cesto.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. Il_Principe_della_Zolla - 3 settimane fa

          Propi parei, na cavagna ruta.

          Rispondi Mi piace Non mi piace
        2. Bacigalupo1967 - 3 settimane fa

          Bischero lu sai co mi’ ma…. dal vocabolario Piemontese/Italiano Vagna voce del verbo “vagnare” cioè guadagnare/ vincere…. Vagnati….guadagnati… (sempre al passato…)

          Rispondi Mi piace Non mi piace
  21. EraldoPecci - 3 settimane fa

    Il Torino ultimo non è appetibile? Quindi ancora una volta nessuna responsabilità della società…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  22. CUORE GRANATA 44 - 3 settimane fa

    “Le truppe cammellate filo Presidenziali” hanno iniziato le “grandi manovre mediatiche”per anticiparci “la lieta novella” già nota anche alle pietre.Ribadisco che,a mio parere non è questo “il cuore” della questione certo importante ma non dirimente….Il ns. Toro stà morendo lentamente tra i peana dei Suoi “laudatores”.Eh sì..meno male che “Cairo c’è”….Sempre FVCG!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  23. Mimmo75 - 3 settimane fa

    Questa è una delle conseguenze dell’aver cincischiato in estate per l’avidità di ricavare qualche milioncino in più dalle cessioni, restando col cerino in mano e non potendo così reinvestire. Che poi Giampaolo in carriera ha ampiamente dimostrato di non aver bisogno di calciatori fatti e finiti ma, anzi, di saper lanciare e valorizzare giovani di talento. Si sarebbe potuto investire su questi ultimi se proprio non si voleva/poteva spendere prima di aver incassato. I mesi trascorsi da agosto a oggi sarebbero stati utili per costruire, dando tempo ai nuovi giovani di integrarsi e assorbire i dettami tattici del mister. Oggi avremmo una prospettiva diversa per la seconda parte di torneo. Invece non sono arrivati ne i giocatori esperti, né quelli da lanciare, ci si è tenuta un sacco di gente demotivata e fuori ruolo e si è dovuto abbandonare il progetto del mister. Oggi siamo ultimi, per nulla appetibili, con un sacco di rogne da grattare e con molto meno tempo a disposizione per farlo. E Cairo dovrà vendere a prezzi ancora più bassi perché N’Koulou potrà già firmare a parametro zero con chi vorrà, attendendo comodamente giugno anche senza giocare, mentre è ormai di dominio pubblico che altri calciatori vogliono andarsene e che per il Toro rappresentano un problema non solo di natura tattica. Il che ci mette in una posizione di debolezza sul mercato. Ora che fare? O si prendono giocatori alla Lobotka, in prestito secco o con diritto di riscatto, già pronti, oppure giovani low cost da lanciare. La prima ipotesi non è semplice da percorrere perché a nessun calciatore di un certo livello fa piacere passare dalle zone alte della classifica e dalle competizioni europee alla lotta per non retrocedere, e siccome son giocatori forti un’alternativa la trovano facile. La seconda ipotesi comporterebbe la necessità di tempi medio/lunghi per l’inserimento dei giovani con tutte le incognite dell’età. Un rischio che non possiamo permetterci perché abbiamo già bruciato troppo tempo e poco ne rimane. Questa è la situazione che Cairo ci ha regalato e che fa iniziare il 2021 con una situazione ingarbugliatissima. La speranza è che Vagnati abbia la capacità,le risorse e soprattutto la credibilità di in progetto aziendale serio per convincere giocatori di immediata affidabilità a sposare la causa del Toro. Serviranno tanti, tanti soldi e velocità. A prescindere dalle cessioni. E qui casca l’asino!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  24. Bacigalupo1967 - 3 settimane fa

    Iniziamo a cercare scuse per l’ennesimo fallimentare mercato invernale?
    I calciatori sono professionisti li paghi e vengono a giocare per te, non li paghi e non vengono, non cerchiamo altre scuse.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Mimmo75 - 3 settimane fa

      Non è una scusa, è la tristissima realtà.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Bacigalupo1967 - 3 settimane fa

        Mimmo@ purtroppo non avremo mai la controprova perché l’amato presidente non farà mai un’offerta decente a qualcuno che vale veramente.
        Martin Vasquez venne dal Real dove giocava con Buyo Chendo Camacho, Hugo Sancez Butraguegno al Torino per amore dei colori granata?
        Fidati se fai vedere la grana correrrebero al nostro desco più velocemente di Quadrado quando si butta a terra per avere un rigore.
        Zero alibi al presidente da 7. Siamo ultimi con 8 punti il genoa ed il Cagliari si sono già mosse e noi??

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. Mimmo75 - 3 settimane fa

          A quei tempi c’era un progetto ambiziosissimo e MV nn fu l’unico a venire al Toro. Volavano miliardi oltre ogni dire e oltre le capacità del Toro. Infatti da li inizio la discesa verso il fallimento.

          Rispondi Mi piace Non mi piace
          1. Bacigalupo1967 - 3 settimane fa

            Con tutto il rispetto per il progetto Torino di quegli anni….ma non credi che il Real…… avesse qualche ambizione in più?

            Mi piace Non mi piace
          2. maccabee - 3 settimane fa

            ma quale discesa verso il fallimento!
            quello di Borsano e Mondonico è il terzo TORO più bello della storia, dopo gli invincibili e quello dello scudetto 76 di Pianelli e Radice.
            Marchegiani; Annoni, Bruno, Cravero, Policano; Fusi, Scifo, M.Vazquez; Lentini, Casagrande, Bresciani. Senza dimenticare Martina, Romano, Benedetti, D. Baggio, Fuser, Muller…
            Dalla B (con Fascetti) alla finale di coppa UEFA in 3 anni… un sogno, una cavalcata vincente: risultati e bellissimo gioco!
            Purtroppo arrivarono secondi (la sedia di Amsterdam) e persero sponsor e premi! L’investimento fatto non fu supportato dai ritorni in denaro e, non avendo le spalle coperte da giganti come FIAT o da Mediaset, o meglio facendo molto scomodo all’olimpo del calcio, cominciarono le necessarie cessioni…

            Mi piace Non mi piace
    2. Simone - 3 settimane fa

      Ci vogliono “i piccioli”.
      Il resto non conta visto che x salvarci serviranno giocatori che difficilmente potremo comprare ma che forse possiamo sperare di avere in prestito x 6 mesi. Finito il prestito torneranno (di corsa aggiungo io) nei loro club.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  25. Gigiotto - 3 settimane fa

    Cavolo, scoperta l’acqua calda.
    Chissà perché un impreditore che si dice capace, non si è reso conto dell’apple che si può perdere con pessimi risultati, strano perché capita in tutte le aziende.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. guidopernigott_484 - 3 settimane fa

      Facciamo pietà

      Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy