Lyanco, da esubero “di lusso” a prima alternativa: la sua particolare estate granata

Focus On / Il difensore del Toro doveva partire perché fuori dal progetto: ora Giampaolo l’ha rivalutato

di Gualtiero Lasala, @LasalaGualtiero

Il Torino, dopo la sessione di calciomercato, si è ritrovato molti giocatori che non sono andati via e che ora dovranno far parte della squadra: tra questi c’è il difensore brasiliano Lyanco, che ha vissuto una parabola estiva tutt’altro che facile, con pochissime certezze. Adesso è ancora del Toro e dovrà fare in modo di giocarsi le sue carte per non buttare via questa parte della sua carriera.

PARTENZA – Tutto è cominciato con la volontà di entrambe le parti di separarsi: Lyanco era dato ormai per partente, con richieste dal Bologna di Mihajlovic (che lo ha sempre stimato) e dallo Sporting Lisbona. Però il presidente del Torino Urbano Cairo ha imposto il prezzo minimo di 15 milioni, che ha spaventato le pretendenti e raffreddato la pista in uscita (QUI i dettagli), tanto da farle chiudere. Nell’ultimo giorno di mercato il Bologna ha anche provato a rifarsi sotto, ma a quel punto il presidente granata non ha voluto cedere perché non avrebbe avuto il tempo di trovare un sostituto (QUI i dettagli).

GIAMPAOLO – Ed ora si apre questa nuova parentesi con il Toro. In più, Giampaolo l’ha visto tornare in gruppo è lo ha rivalutato, considerandolo abile e arruolabile per la difesa a quattro. Quindi, di fatto, è diventato la prima alternativa a Nkoulou e Bremer che sono i due titolarissimi del tecnico. Dopo un’estate sulle montagne russe, Lyanco si prepara ad affrontare una stagione nella quale dovrà rilanciarsi dopo diverse ombre.

17 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. peter1 - 2 settimane fa

    Lyanco e Izzo sono due potenziali titolari (più il secondo del primo, molto sopravvalutato!). Toccherà a loro far ricredere Giampaolo nell’averli accantonati troppo presto.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. granatadellabassa - 2 settimane fa

    In realtà era lui che non voleva fare parte del progetto. O meglio: non voleva fare parte del Toro. Perché nella linea a quattro lui ci sta benissimo.
    Vediamo con atteggiamento si porrà. Immagino però che sia indietro con la condizione fisica.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. BiriLLo - 2 settimane fa

    Io sono stato bannato un anno e tu te ne vai?.. Noi abbiamo bisogno di litigare con te, di confrontarci.
    No no, tu rimani, altrimenti salvo Comi (!!!) e diventi il mio prossimo obiettivo..

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. BiriLLo - 2 settimane fa

    Ormai è domenica notte.
    Scrivo off topic.
    Granata, finché non ti leggo più, leggerò ma non scriverò neanche io.
    Non fare così.. Piuttosto non scrivo io ma tu lo devi al Toro, a noi. Che poi io sia un anti Cairo è palese.
    Ma tu non te ne puoi andare Granata!!!!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. byfolko - 2 settimane fa

    Di lusso? Andrà di lusso a noi quando ce ne sbarazzeremo

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. fabrizio75 - 2 settimane fa

    anche altri non facevano parte del “progetto” eppure le amichevoli precampionato le hanno fatte, se lui era fuori rosa significa che era lui che voleva andarsene

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. Emilianozapata - 2 settimane fa

    Un altro della banda “tutti mi vogliono ma nessuno ti prende”
    Vada a scuola da Bremer

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. BiriLLo - 2 settimane fa

      Bremer e Singo dei gioielli, in qualche modo si vedono gli input di Bava e dell’entourage. Tutto si può dire della società, ma chi si applica coi giocatori fino all’ultimo magazziniere, sono persone veramente encomiabili.
      Non cito nessun nome ma ho il figlio di un amico in primavera e.. Beh chi li circonda sono professionisti.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. byfolko - 2 settimane fa

        Veramente no, il figlio di un mio collega ha chiesto di andarsene per la disperazione..ed è stato convocato in Primavera, vedi tu…

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. martin76 - 2 settimane fa

          Il pronipote di miocugggino poteva diventare qualcuno ma poi ha avuto la pubalgia…

          Rispondi Mi piace Non mi piace
          1. BiriLLo - 2 settimane fa

            Martin.. Vieni all’ora giusta a moncalieri e tranquillo.. Io non sono nessuno, ma il ragazzo lo è.
            … Tranquillo. Lo vedi anche al fila talvolta.

            Mi piace Non mi piace
          2. byfolko - 2 settimane fa

            Che sfiga il pronipote di tuo cugggino, magari un viaggettino a Lourdes spoonsorizzato da te…

            Mi piace Non mi piace
        2. Toro Loco - 2 settimane fa

          Eh si.. Se si sentono già disperati a 17 anni, perché l’allenatore non capisce che sono più forti di messi, diventeranno sicuramente qualcuno..

          Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. byfolko - 2 settimane fa

      Chissà come mai nessuno lo prende

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. BiriLLo - 2 settimane fa

        Non so chi sono, ma da quello che mi dicono l’ambiente è ottimo. Poi ci sono i soliti genitori capricciosi e i figli che hanno un dribbling diverso e si sentono arrivati.
        Beh che sappia io qui mancano strutture ma chi li segue è ok.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. Il_Principe_della_Zolla - 2 settimane fa

    Credo 28 parite in tre stagioni, di cui almeno la metà insufficienti: è tutto detto.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  9. BiriLLo - 2 settimane fa

    Mi chiedo se Giampaolo e Moretti useranno la voce grossa con alcuni di loro, perché detto tra noi, in altri tempi senza scomodare Giagnoni Ferrini, Mondo, un Ventura qualsiasi, due calci nel c..o ne hanno sanati parecchi e bene.
    Altri tempi e altre situazioni, è vero, ma attenzione che tutto cambia e persino i loro procuratori iniziano a sentire il vento e sembrano dei sindacalisti stralunati.
    I giocatori fighetti e viziatini si sveglino in fretta oppure aria.

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy