Millico, errori e rimpianti: la sua stagione finisce con un’esclusione

Millico, errori e rimpianti: la sua stagione finisce con un’esclusione

Focus on / Scelte societarie errate e responsabilità oggettive del ragazzo: la stagione del talento classe 2000 finisce nel peggiore dei modi

di Nicolò Muggianu

Si conclude con un’esclusione per cause disciplinari la prima stagione da giocatore di Serie A di Vincenzo Millico. La seconda consecutiva, dopo quella già inflittagli da Moreno Longo mercoledì scorso prima del match contro la Roma. Una punizione esemplare, con la quale il tecnico del Torino ha voluto mandare un chiaro messaggio in primis al giocatore ed in secondo luogo anche alla stampa.

LE PAROLE – “La reazione di Millico – ha spiegato Longo nella conferenza stampa di presentazione a Bologna-Torino – è stata decisamente più grave di quella di Edera, per cui questo mi induce a lasciarlo fuori anche per questa partita“. Ma sono state le parole pronunciate precedentemente dal tecnico granata a mandare un messaggio chiarissimo nei confronti del ragazzo; nonostante il nome di Millico – di fatto – non sia mai stato espressamente pronunciato da Longo. “Questi ragazzi sono già pieni di visibilità da quando hanno 15 anni – ha ammonito il mister – in un momento della loro carriera in cui non hanno ancora fatto nulla. Questo non fa il loro bene e la stampa non deve enfatizzare poche presenze in Serie A di un ragazzo descrivendolo come la ‘nuova scoperta’ o il ‘nuovo talento’ di turno”.

LEGGI ANCHE: Longo pre Bologna-Torino: “Vorrei lanciare i giovani, ma Millico non ci sarà”

LEZIONE – Parole forti ma a fin di bene, come quelle pronunciate da un padre che vuole dare una lezione di vita al proprio figlio. Un figlio che, alla luce dei recenti sviluppi, ha dimostrato di non essere ancora mentalmente pronto per questo tipo di palcoscenico. Le qualità – sia chiaro – non mancano, ma come sottolineato da Longo dopo Torino-Roma: “per giocare a questi livelli non bastano le qualità tecniche, ma servono anche quelle umane“. Ed è proprio da questi insegnamenti che Millico dovrà ripartire la prossima stagione, cercando di far tesoro di un’annata sbagliata sotto tanti punti di vista.

ERRORI – Errori commessi già la scorsa estate da parte della società, quando durante l’ultimo giorno di mercato saltò il suo passaggio in prestito al Chievo Verona per mancanza di tempo. Poi il mercato di gennaio, con l’addio di Falque ed il sogno di trovare più spazio (o almeno così si pensava) fino al passaggio di consegne da Mazzarri a Longo. Poi lo stop al campionato e i primi errori individuali frutto di un carattere particolare, con una condizione fisica tutt’altro che perfetta nei primi allenamenti post-lockdown. Poi qualche spezzone di partita, le belle parole di San Siro dopo Inter-Torino (“questa maglia devo meritarmela“) e infine i comportamenti poco professionali – dentro e fuori dal campo – che hanno scaturito la dura lezione di Longo. Comportamenti che gli sono costati le due partite in cui avrebbe avuto più possibilità di mettersi in mostra, alle quali invece assisterà da spettatore. La speranza, a questo punto, è che il ragazzo faccia tesoro degli sbagli commessi e impari la lezione; perché gettare alle ortiche un talento così cristallino sarebbe un vero peccato.

54 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Athletic - 2 mesi fa

    A Millico, così come a qualsiasi altro calciatore, nulla è dovuto. Ma questo lo si dovrebbe imparare da ragazzini, quando si comincia a giocare a 11. Poi c’è qualcuno che ha abilità un po’ superiori agli altri e allora si monta la testa. E questi molto spesso sono quelli che prima o poi si perdono o che comunque non fanno la carriera che avrebbero potuto fare. E’ totalmente irrilevante il fatto che Millico non sia stato dato in prestito a settembre e nemmeno che Longo non lo abbia fatto giocare. Se lui fosse stato un professionista sarebbe stato zitto, avrebbe dimostrato in allenamento di meritare il posto e se davvero il posto lo merita, cosa tutta da dimostrare, avrebbe colto le seppur poche occasioni che gli ha concesso l’allenatore. Come ho detto qualche giorno fa, se vuole il posto garantito e se vuole vincere qualcosa, può andare a giocare in serie D, e probabilmente farà la differenza, anche se una fighetta montata, anche in serie D la troverebbe dura. Che poi la società abbia gestito male il suo trasferimento, siamo d’accordo, che l’allenatore lo abbia fatto giocare poco, non possiamo dire nulla, noi non siamo allenatori e non sappiamo come il ragazzo si sia comportato durante la settimana. Ma tutto ciò, non lo giustifica affatto, sarà uno dei tanti che si perdono perchè non hanno testa.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. geloofsgranaat - 2 mesi fa

      Si parlava di “pubblici ministeri saccenti”.

      Arrivano a frotte, come mosche sulla…………………

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Athletic - 2 mesi fa

        In effetti volevo rispondere sotto un tuo post, ma sembrava troppo offensivo, visto che le dici da solo però … ok 🙂

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. geloofsgranaat - 2 mesi fa

          Ottimo: adesso torna pure sopra il tuo “elemento”: il merdastadium.

          Ciao ciao.

          Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Messere Granata - 2 mesi fa

    Addio Millico. Non abbiamo bisogno di gambe corte e di deficit neuronali. Farai compagnia a Parigini ed Edera. Il vero Olimpo dei sopravvalutati. Senza umiltà e senza valori. La nostra Leggenda è un’altra cosa. E tu non ne farai mai parte. Sparisci gobbo. Solo Forza Toro.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. geloofsgranaat - 2 mesi fa

      Credevo che l’unico problema fosse il mandrogno, ma occorrerà anche far pulizia tra la tifoseria.

      Troppi infiltrati, di qualsiasi entità e natura, nonchè “pubblici ministeri saccenti” forieri di giudizi ridicoli e grotteschi.

      P.S.: lascia perdere la nostra Storia e la nostra Leggenda: non confondiamo il Toro con la cairese. Grazie.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Guevara2019 - 2 mesi fa

        @ geloofsgranaat

        Lascia perdere, ho capito che questa è una squadra che sta meritando l’inevitabile declino, meglio dedicarsi ad altro, però una tantum qualche stoccata va data.

        A rileggerci prossimamente!

        Rispondi Mi piace Non mi piace
      2. maxx72 - 2 mesi fa

        Posso chiedere cosa significa far “pulizia tra la tifoseria”?

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. Guevara2019 - 2 mesi fa

          @ Maxx72

          Fortunatamente questa realtà rimarrà con la tua presenza e intelligenza quotidiana.
          Anche perché molto gradita ai distruttori del Toro.
          Ciao bella gioia!

          Rispondi Mi piace Non mi piace
          1. maxx72 - 2 mesi fa

            “Bella gioia” dillo a tua sorella caro.E adesso aspetto la risposta del tuo alter ego.

            Mi piace Non mi piace
          2. Guevara2019 - 2 mesi fa

            @ Maxx72

            Nessuna sorrate bella gioia, potresti provare posteriormente mio fratello…

            Mi piace Non mi piace
          3. maxx72 - 2 mesi fa

            Da uno con un nickname come il tuo non mi aspetto di più. Ciao ciao BELLA GIOA.

            Mi piace Non mi piace
          4. Guevara2019 - 2 mesi fa

            @ Maxx72

            E bravo il Max oltre compiacere la cairese pure fascio, ti fai mancare niente eh!

            Mi piace Non mi piace
        2. geloofsgranaat - 2 mesi fa

          Puoi arrivarci da solo…e non sono necessarie le spiegazioni.

          Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Alelux77 - 2 mesi fa

    A mio parere finire la stagione in questo modo, credo che sia spiacevole per Millico, per Longo, per la società e per noi tifosi.
    Penso si potesse fare meglio..
    Personalmente purtroppo non ho possibilità di avere le idee chiare su come si sia comportato Millico durante tutto l’anno, io non c’ero.. ma rimanere fuori le ultime due partite, a giochi fatti,dove si forse avrebbe giocato, ma giusto per mettere una presenza negli almanacchi, se da una prima lettura sembra una grossa punizione, allargando il campo di osservazione, nei panni di Millico, è tutto l’anno che non gioco, anche se salto le ultime due, cambia poco.. Nulla..
    per cui mi chiedo, se è tutto l’anno che Millico la fa fuori dal vaso, come mai una punizione esemplare non è stata inflitta prima per raddrizzare i suoi comportamenti quando sarebbe stata realmente utile, per lui, per la squadra e non solo a fine stagione a giochi fatti, che finisce per sembrare più una ripicca personale tra i due che un reale insegnamento.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. ALESSANDRO 69 - 2 mesi fa

    C’è poco da discutere, il ragazzo ha fatto una cazzata e semplicemente ne paga le conseguenze.Izzo dopo gli errori di Milano è finito in panchina senza fiatare , non si capisce perchè non lo dovrebbe accettare un ragazzino che ha ancora tutto da dimostrare. Ora ,che la società abbia sbagliato a non mandarlo in prestito a farsi le ossa siamo tutti d’accordo ma questo non può assolutamente giustificare certi atteggiamenti nei confronti di chicchessia . A chi lo giustifica, legittimamente sia chiaro, vorrei far presente che la cosidetta “Cairese” è quella “Scalcinata società ” che lo ha scoperto ,lo ha portato a Torino e gli ha fatto il primo contratto da professionista, stesso discorso per Edera,o forse sto sbagliando..??? Inoltre, è vero che non è andato in prestito al Chievo dove avrebbe potuto maturare un esperienza importante ma è anche vero che è rimasto aggregato stabilmente in prima squadra ,quindi avendo l’opportunità di allenarsi con i professionisti tutti i giorni, mica è finito in terza categoria. Adesso,a questo punto, comincio anche a capire perchè fu escluso dalla nazionale giovanile…..Anche Lentini si prese da Fascetti una bella porta in faccia in seguito a un suo comportamento sbagliato, ma lui capì la lezione e il resto della storia lo conosciamo…Vediamo se il ragazzo farà tesoro della lezione che gli sta dando Longo ,che a proposito mi sembra tutto tranne uno che non ha le palle.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Guevara2019 - 2 mesi fa

      Non ha avuto le palle, dopo lo schifo contro la Spal e con due partite che non contavano più per la classifica, avrebbe dovuto inserire più giovani possibili, da qui lo sbrocco dopo una stagione in panca del giovanotto,solo per accettare il dictat del mandrogno di recuperare quel brocco con un contratto di cinque anni.

      Il ben servito che riceverà se lo merita, almeno avrebbe dimostrato del carattere.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. ALESSANDRO 69 - 2 mesi fa

        Tranquillo , Longo riceverà il benservito e Millico se ne andrà in giro a scaldare le panchine anche nelle serie minori, perchè se pensi che in serie B o anche più giù siano disposti a regalarti qualcosa solo in virtù di qualche perla tecnica che hai imparato alle giovanili credo che hai un’ottimismo fuori dall’usuale…Se il bambino va male a scuola smettiamola di dare colpa agli insegnanti e prendiamo atto che potrebbe essere semplicemente una testa di cazzo…Longo gli ha dato un’occasione per riflettere , il pargolo colga questa opportunità………

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. geloofsgranaat - 2 mesi fa

    Calciomercato: salta Millico al Chievo. E Cairo: “Forse soluzioni estere”

    Calciomercato

    Sembrava tutto fatto, ma invece c’è un colpo di scena: contratto depositato fuori tempo massimo

    Sembrava tutto fatto e invece no. Niente Chievo, Vincenzo Millico resta al Torino. L’ultimo capocannoniere del campionato Primavera 1, aveva trovato l’accordo per trasferirsi in prestito al Chievo Verona. Accordo depositato, ma saltato all’ultimo secondo perché depositato oltre tempo massimo (qualche minuto dopo le 22.00). Un dietrofront che ha un che di clamoroso: l’attaccante, secondo quanto dichiarato da Cairo nelle ultime ore, però potrebbe ugualmente trasferirsi in un campionato estero. “Millico – ha detto Cairo – Per ora è saltato, ma ci sono ancora aperte piste estere in campionati importanti, vedremo“.

    (Toro News)

    Hic Sunt Leones 61 (A.C. TORINO)® – 4 ore fa

    @Millico se mi leggi, vattene, corri più che puoi e non ti voltare. Vattene da questa gabbia di matti.

    P.S.: e comunque è sempre e solo colpa di Millico.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Guevara2019 - 2 mesi fa

      Preparati a una valanga di meno, tra lacchè societari e gobbi inconsapevoli, sono tutte cose irricevibili…

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. geloofsgranaat - 2 mesi fa

        “Molti nemici, molto onore”.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. palmiro - 2 mesi fa

    Un anno di vero Fila con Vatta e questa pietra usciva diamante…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. geloofsgranaat - 2 mesi fa

      …e invece c’erano il mandrogno e mazzarri….!!!

      Che culo…!!!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Guevara2019 - 2 mesi fa

      Vatta, povera buonanima, con la cairese non ci sarebbe rimasto un minuto di più.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. Graziano - 2 mesi fa

    Mazzarri a me piaceva perché difendeva sempre i calciatori pubblicamente e lavava i panni sporchi in famiglia. E poi non fare giocare Millico nelle ultime 2 insignificanti partite comporta più un danno alla società che una punizione per il giovane.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Guevara2019 - 2 mesi fa

      Ma è ciò che vogliono, il progetto per azzerare la società e fare un grande favore alla nota famiglia torinese, solo gli sprovveduti non lo vedono…

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Madama_granata - 2 mesi fa

      Infatti Mazzarri del caso Nkoulou ha solo detto che il giocatore era fuori forma, che si era lievemente infortunato, e che per quei motivi non sarebbe stato inserito in rosa per qualche turno…
      Ma per piacere!!
      Altro che lavare i panni sporchi in famiglia!
      Del “gran rifiuto” di Nkoulou, Mazzarri, peraltro giustamente indignato, si era molto offeso e lamentato, tanto che se ne parla ancor oggi!!
      L’ho scritto già altrove: i giovani al giorno d’oggi non sopportano la disciplina!
      Rifiutano controlli, o peggio sgridate, da genitori ed insegnanti: figuriamoci dall’allenatore di turno…

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Graziano - 2 mesi fa

        N’koulou si era rifiutato di scendere in campo e aveva chiesto la cessione, non era possibile tenerlo nascosto. Però poi Mazzarri ha fatto rientrare presto la situazione. Ma per semplici diverbi o altre cose da poco non ha mai fatto trapelare nulla.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. Granata69 - 2 mesi fa

    Qui scrive gente che sembra segua il calcio da poche partite. Sicuramente stare in panchina mentre gioca Zaza con prestazioni imbarazzanti è dura da accettare , ma è evidente che Zaza è stato un investimento importante della società ( investimento assurdo a mio avviso ) e che si tenta di valorizzarlo consci di una salvezza sicura al 99% anche prima della certezza matematica. Mi sembra una situazione ampiamente diffusa tra tutte le società.
    Detto questo , Longo forse è il primo, ma sicuramente non sarà l’ultimo allenatore di cui Millico non condividerà le scelte , quindi se ha voglia di giocare si morde la lingua,china la testa e continua a comportarsi da professionista ( quale non è per il momento) , se non farà così evidentemente non ha questa gran passione per il calcio e voglia di emergere. E questo non vale solo in ambito calcistico ,ma in tutti i lavori o situazioni di competizione. E chi arriva a difenderlo, specialmente se di una certa età, farebbe sicuramente meglio a eclissarsi per evitare ulteriori brutte figure.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Hic Sunt Leones 61 (A.C. TORINO)® - 2 mesi fa

      Leggo solo ora: “specialmente se di una certa età, farebbe sicuramente meglio a eclissarsi per evitare ulteriori brutte figure.”
      Se ti riferisci a me, ti consiglio di cercare di capire in modo chiaro che cosa l’altro intende prima di dare il via ai giudizi. Cosa io intendo si evince nella risposta a @Red qui sotto.
      Anche tu sei per nulla giovane e dovresti aver imparato che prima di parlare bisogna capire.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Granata69 - 2 mesi fa

        Non posso sapere l’età anagrafica delle persone. Mi limito a far osservare che l’età dovrebbe portare un po di saggezza e difendere un giovane che combina cose come quella di Firenze non mi sembra saggio. A Firenze ha visto perfettamente che arrivava Lukic in posizione nettamente più favorevole ,ma se ne è fregato e ha provato comunque una conclusione impossibile con il risultato che sappiamo. Questo perché il personaggio in questione pensa a sé stesso e non alla squadra. Già lì andava sbattuto in tribuna fine a fine campionato. Indifendibile li come negli atteggiamenti da divetto che chiunque ha visto una partita della primavera avrà sicuramente notato. Zucca vuota, poco da fare.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. Guevara2019 - 2 mesi fa

          Guarda, guarda come stronca un ragazzotto su un errore, sul gobbo pelato avrebbe dovuto scrivere un enciclopedia.

          Eh si, i pesi e le misure vanno per la maggiore in questi dintorni!

          Rispondi Mi piace Non mi piace
        2. geloofsgranaat - 2 mesi fa

          La tua è più vuota della sua: avresti dovuto vivere ai tempi dell’inquisizione.

          Come “cacciatore di streghe” al servizio di Bernardo Gui saresti stato perfetto.

          Rispondi Mi piace Non mi piace
          1. Granata69 - 2 mesi fa

            La sua zucca vuota, mettendo insieme le vostre due, non la riempite nemmeno per un quarto, coppia di sfigati . Tralasciando il patetico nickname con il nome di un criminale patentato che portava la democrazia a pistolettate nella nuca. Somaro ignorante .

            Mi piace Non mi piace
          2. geloofsgranaat - 2 mesi fa

            Caspita: il Che un criminale patentato.

            Vallo a dire a Cuba, o in giro per il mondo, che il Che era un criminale, castrato amigdale e idiota cairota e zebrato.

            Mi piace Non mi piace
          3. Guevara2019 - 2 mesi fa

            @ granata 69

            Baciami quello che non prende mai il sole.
            Fai schifo

            Mi piace Non mi piace
    2. iugen - 2 mesi fa

      Non credo c’entri la valorizzazione di Zaza. Gli allenatori, da che mondo e mondo e in qualsiasi sport, hanno le proprie fissazioni che risultano incomprensibili ai più. Quell di Longo era Zaza, probabilmente perché, non essendoci la salvezza assicurata, ha preferito puntare sull’esperienza, piuttoste che sull’esuberanza di un giovane. Io non ho mai visto le partite della primavera, ma a quanto leggo dai commenti di altri utenti qua sotto immagino che anche gli atteggiamenti in campo di Millico e il suo caratterepossano aver influito sul minutaggio.
      Zaza sarà scarso ma l’avversario in difesa lo rincorre sempre (anche troppo, a volte).

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  9. Mestregranata - 2 mesi fa

    2011 ci fu uno scambio di maglie kean dal Toro ai gobbi Millico viceversa. Purtroppo i cervelli gli stessi.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  10. Red - 2 mesi fa

    Ma! come si può difendere il ragazzo.
    ma nella primavera si segnava tanto (nella primavera eh!!) l’ho vista spesso la primavera è Vi posso garantire che si atteggiava parecchio Per non parlare di quando un suo compagno sbagliava il passaggio. tra lui e Vlahovic, o chiesa ( secondo me molto più forte millico ) o quelli della dea C’è un abisso gli altri voglia di arrivare e con atteggiamenti propositivi lui invece già una star
    Ripeto se è sveglio da questa punizione ne trae beneficio come hanno fatto in tanti in passato ( un esempio fascetti/ lentini ) ed inizia a darci dentro con tutte le sue forze

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Hic Sunt Leones 61 (A.C. TORINO)® - 2 mesi fa

      Capisco, ho visto le stesse cose anche io.
      Io, piu’ che altro mi riferivo alla possibilita’ che puo’ avere un ragazzo al suo posto qui in questa squadretta effeci’. Qui si deve far giocare il pelato perche’ deve essere venduto, alla pari o possibilmente con plusvalenza. Poi tutte le cose che dici sono anche vere.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  11. gm - 2 mesi fa

    Ricordate che Millico fu escluso dalla nazionale giovanile e reagì dicendo che era uno scandalo non convocare il capocannoniere… Longo disse di Millico che deve imparare a rincorrere l’avversario diretto, chi ha visto la Primavera campione d’Italia ricorderà che correvano in due per permettergli di attaccare la porta partendo da fermo..Persino Ibrahimovic a 38 anni quando occorre torna.. Millico sbuffa guarda i compagni con sufficienza, Edera si è permesso di mandare a quel paese Belotti su un cross in cui il capitano lo ha anticipato.. Millico ed Edera se capiscono dovranno ringraziare Longo e cambiare atteggiamento.. Balotelli non ha insegnato niente?comment_parent=0

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Il "Se" di Kipling - 2 mesi fa

      la convocazione in nazionale; dovevano convocare lo juventino, tutto li, me lo ricordo bene.
      Non lo difendo, dico solo quello che e’.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Guevara2019 - 2 mesi fa

        Embè, ormai di gobbi inconsapevoli ce ne sono a iosa anche da queste parti!

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. maxx72 - 2 mesi fa

          In pretesto è gobbo chi non la pensa come te?

          Rispondi Mi piace Non mi piace
          1. maxx72 - 2 mesi fa

            Pratica

            Mi piace Non mi piace
          2. Guevara2019 - 2 mesi fa

            Com’è? Hai un po’la coda di paglia…?

            Mi piace Non mi piace
          3. maxx72 - 2 mesi fa

            Grazie per la tua risposta MOLTO MOLTO intelligente.

            Mi piace Non mi piace
  12. iugen - 2 mesi fa

    Chissà che diavolo ha combinato, probabilmente non lo sapremo mai.

    Resta il rammarico del mancato prestito, un anno in B a prendere mazzate da gente più esperta gli avrebbe ftto bene, soprattutto alla luce di certi atteggiamenti.
    Succederà l’anno prossimo, ma significa cmq un anno buttato. Sarebbe meglio prestarlo in A, ma non credo che nessuna squadra di A sia disposta ad assicurargli minuti importanti

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  13. Madama_granata - 2 mesi fa

    Frasi ermetiche in questo articolo, che non ci aiutano sicuramente fare chiarezza.
    Copio e incollo:
    1) – “Stop al campionato e i primi errori individuali frutto di un carattere particolare”
    2) – “condizione fisica tutt’altro che perfetta nei primi allenamenti post-lockdown”
    3) – “comportamenti poco professionali – dentro e fuori dal campo”

    1) – quindi il problema comportamentale risale già al periodo di chiusura x covid
    2) – ma non era proprio Millico ad essersi ammalato?
    Così, leggendo i commenti, mi/ci era parso di capire.
    Se sì, ovvio che alla ripresa la condizione fisica non fosse al “top”
    3) – e qui “sacrosanta” la punizione

    Ora io credo che non sia opportuno sollevare altro “polverone”, o insinuare nuovi dubbi.
    “Parlar chiaro”, e scendere nei particolari, giustamente non si può.
    L’argomento lo abbiamo già affrontato e trattato in altro articolo fino alla noia, ora basta!
    L’abbiamo capito tutti: meritava una punizione esemplare e gli è stata comminata. Punto.
    Credo che andare oltre sia controproducente sia per il ragazzo, che per la Società.

    Salvo che tutto questo polverone sia sollevato “ad hoc” per aprire la strada ad un’eventuale cessione di Millico, dandone in anticipo le motivazioni.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Madama_granata - 2 mesi fa

      Non voglio assolutamente contestare i (-) dei co-tifosi, ma mi piacerebbe capire, se qualcuno ha voglia di rispondermi, cos’è che non condividete del mio pensiero.
      Capire dov’è che ho sbagliato
      ad interpretare il caso-Millico.
      Grazie.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  14. Hic Sunt Leones 61 (A.C. TORINO)® - 2 mesi fa

    @Millico se mi leggi, vattene, corri più che puoi e non ti voltare. Vattene da questa gabbia di matti.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Guevara2019 - 2 mesi fa

      Sante parole!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Red - 2 mesi fa

      Si, ma scegli bene perché se ti ritrovi in una società seria e non in una gabbia di matti rischi di finire la carriera prima di iniziarla

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  15. Guevara2019 - 2 mesi fa

    Longo su, non hai avuto le palle di togliere il brocco pelato manco nelle ultime due partite, ormai ininfluenti,anche un santo avrebbe sbroccato, nello stare sempre in panchina e vedere al suo posto uno strazio sponsorizzato dal mandrogno.

    Tanto il brocco ce lo teniamo altri tre anni, chi lo vuole uno così e il ragazzotto se ha i numeri li dimostrerà fuori da questo casino di società, per usare un eufemismo…

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy