Porte chiuse, gli effetti sul Toro: niente pubblico in due gare decisive

Il tema – Parte 1 / Torino-Udinese e Torino-Parma: gare cruciali per la salvezza senza il sostegno del pubblico. Ma se ci fosse un risvolto positivo?

di Silvio Luciani, @silvioluciani_

L’epidemia da coronavirus sta cambiando le abitudini degli italiani e sta influenzando in maniera significativa anche il mondo dello sport. Dopo tutte le polemiche per i rinvii delle partite che si dovevano disputare nelle ultime due settimane, il nuovo decreto del Governo emanato per fronteggiare il virus ha stabilito che tutte le partite di Serie A si giocheranno a porte chiuse sino al 3 aprile. Ciò porta a conseguenze inevitabili, per il Torino come per le altre venti squadra. Ma approfondiamo il tema sotto una lente di ingrandimento a tinte granata.

SALVEZZA – Nel lasso di tempo stabilito dal decreto del governo, ci sarà solo una trasferta per il Torino, quella di Cagliari. Allo stadio Olimpico-Grande Torino si giocheranno invece a porte chiuse due partite: Torino-Udinese e Torino-Parma (che dovrebbero disputarsi, rispettivamente, il 14 e 18 marzo). Due match fondamentali per la corsa salvezza, con i granata che saranno costretti a fare risultato per non passare un finale di stagione da incubo. Ovviamente il fattore porte chiuse è solitamente uno svantaggio per chi gioca in casa: nella fattispecie, il Torino dovrà cercare di fare punti senza il supporto del proprio pubblico. Per le dinamiche della stagione attuale, tuttavia, non è da escludere che questo possa avere risvolti positivi.

RENDIMENTO CASALINGO – Walter Mazzarri, negli ultimi mesi della sua avventura in granata, ha sempre sostenuto di avere per le mani una squadra composta da diversi giocatori con il difetto di patire oltremodo la pressione di giocare davanti a un pubblico esigente come quello granata, esprimendosi più a briglia sciolta in trasferta. Uno sguardo ai numeri: in casa sono stati raccolti solo 14 punti in 12 partite (media di 1.16 punti a partita), mentre in trasferta il Torino 2019/2020 ha fin qui conquistato 13 punti in 13 partite (media 1 punto a partita). Sostanzialmente, il fattore casa quest’anno per i granata fin qui non si è fatto veramente sentire, per motivi non certo riconducibili solo all’atteggiamento del pubblico. Insomma, non c’è l’incontestabile certezza che le porte chiuse all’Olimpico-Grande Torino siano un fattore di svantaggio per il rendimento della squadra.

12 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. generazionenuova - 8 mesi fa

    Ma allora é proprio vero che questo Toro é inguardabile!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. lucabenzoni7_8317634 - 8 mesi fa

    Magari così i ns. calciatori sentiranno anche i suggerimenti degli altri allenatori e impareranno di più ed ascolteranno anche per metterci più garra ……. FT

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Daniele abbiamo perso l'anima - 8 mesi fa

    Situazione surreale.

    Sarebbe stato contento Mazzarri.
    Ad ogni modo non potranno lamentarsi dei fischi al primo errore …

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. rogozin - 8 mesi fa

      Scusi, cosa c’è di surreale? Questa è la realtà con cui fare i conti: malati, morti, quotidianità stravolta, paura. Beato lei che ha ancora lo spirito, forse dettato dall’incapacità di comprendere i fatti per come si manifestano ( per lei è surrealtà, per altri pandemia ), per scrivere qualche puerile sciocchezza.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Daniele abbiamo perso l'anima - 8 mesi fa

      @rogozin: lo accenda Lei il cervello prima di scrivere per il solo gusto di provocarmi. Mi riferivo solo al fatto che stiamo vivendo giorni strani, al limite del surreale. Bloccati da un virus sconosciuto che sta condizionando salute, tempo libero, economia e socialità.
      Non certo stavo polemizzando sulle porte chiuse.
      Lei è un provocatore e un idiota integrale e mi farebbe un gran piacere a non intervenire più a sproposito sotto i miei post

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. rogozin - 8 mesi fa

        Lei scrive due baggianate, che per essere capite richiedono la parafrasi in un post successivo e io sarei il provocatore e l’idiota. Coso, lei non scriva sciocchezze tanto per dare aria a non si sa cosa, così che non ci possano essere malintesi ( soprattutto con sé stesso ).

        Rispondi Mi piace Non mi piace
    3. Daniele abbiamo perso l'anima - 8 mesi fa

      Rogozin: ho questa brutta abitudine di rispondere anche alle mosche che ronzano se vengo interpellato e allora le rispondo per la seconda volta.
      Le mie baggianate come le definisce lei richiedono solo la comprensione dell’italiano.
      Ho scritto “situazione surreale “. Non ho scritto decisone indecente, sbagliata, allucinante, insensata … Perciò il suo intervento è stato decisamente fuori luogo e ha necessitato di un mio successivo post esclusivamente per tentare di fare capire anche a lei il significato che intendevo.
      Ma so già che potrei continuare all’infinito, lei avrebbe sempre qualcosa da reclamare. Perché è un mentecatto provocatore e si diverte così. Non escludo una successiva masturbazione (o tentata tale ) dopo ogni suo post critico nei miei confronti. La cosa mi fa piuttosto schifo ma d’altronde oggi funziona così. Anche le mosche come lei possono anche permettersi di salire in cattedra a bacchettare chiunque gli sia un po’ antipatico.
      Solo mi fa incazzare che un mentecatto come lei si metta a straparlare di sensibilità e di malati quando poi in pratica evidenza soltanto stupidità, cattiveria e aggressività gratuita verso un perfetto sconosciuto come me, che al contrario di lei non stava offendendo nessuno.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. user-13953968 - 8 mesi fa

    Speriamo abbiano già concordato il premio salvezza altri menti continueranno a fare schifo

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. TOROPERDUTO - 8 mesi fa

    Meno male così finalmente vedremo le goleade visto che l’unico impedimento erano gli starnuti del pubblico

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. TOROPERDUTO - 8 mesi fa

      Peraltro quando si danno i numeri si devono contestualizzare tutte le squadre hanno rendimento ormai paritario il fattore campo non è più determinante per nessuno.
      Ma capisco che ormai per giustificare tutto ci si deve appellare a tutto perché la verità sul fallimento fa male

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. Granatissimo1973 - 8 mesi fa

    Sempre meglio che giocare col pubblico che ti tifa contro come sistematicamente successo in quasi tutto il girone di andata.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. upi_14280152 - 8 mesi fa

      ben detto sono d’accordo!!

      Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy