RCS-Blackstone, parla Cairo: “Ecco perché la nostra azione è fondata”

Le parole / Il patron granata ha trattato la questione in un’intervista Il Foglio: “Noi non abbiamo mai pensato di riprenderci l’immobile di via Solferino”

di Redazione Toro News

Urbano Cairo torna a parlare della disputa tra RCS e Blackstone. Il 27 maggio scorso, la Camera Arbitrale di Milano si era espressa in favore di RCS dichiarando che “l’azione intentata nei confronti di Blackstone potrebbe dar luogo ad un risarcimento del danno nei confronti di RCS“. A distanza di una settimana della vicenda è stato proprio il presidente del Torino a commentare la situazione ai microfoni de Il Foglio: “Noi non abbiamo mai pensato di riprenderci l’immobile di via Solferino – ha detto Cairo -, di tornare a esserne proprietari. Quello che abbiamo sempre sostenuto è che le condizioni che hanno accompagnato la vendita a Blackstone nel 2013 fossero tali per cui il prezzo pagato non è stato quello giusto e che l’acquirente potrebbe essersi avvantaggiato dello stato di bisogno in cui versava Rcs in quel periodo. Il fatto stesso che il Collegio arbitrale del Tribunale di Milano abbia nominato due consulenti tecnici per verificare proprio questi punti dimostra che qualche dubbio esiste e che la nostra azione è fondata”.

Cairo carica il Torino: “Pronti per una guerra sportiva. No ai playout e all’algoritmo”

Nei prossimi mesi l’arbitrato continuerà con le perizie sul valore dell’immobile, sulle condizioni dell’operazione e sull’accertamento della situazione di RCS nel 2013. Intanto Cairo è certo che “il prezzo di vendita avrebbe dovuto essere intorno a 190-200 milioni e non 120 milioni com’è stato. Ecco perché una perizia indipendente potrebbe arrivare a definire una differenza di valore e quindi un risarcimento”.

LEGGI ANCHE: RCS-Blackstone, il primo round a Cairo: “Competenza in Italia e possibile risarcimento del danno”

14 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. dattero - 6 mesi fa

    che vinta di sicuro la causa è alquanto opinabinabile

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. maxxx - 6 mesi fa

    Non sono interessato alla faccenda perché il Toro non è interessato. Nemmeno in caso di sconfitta da parte di Cairo in quanto quest’ultimo sarebbe tutelato dalla manleva.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Nero77 - 6 mesi fa

    Altri soldini da nascondere nel barattolino!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Paul67 - 6 mesi fa

    Conta solo IL TORO, delle beghe del Ciarlatano frega niente, spero solo ci liberi al più presto ed al suo posto possa nascere una forma d’azionariato popolare, altrimenti saremo sempre in balia di imprenditori opportunisti che badano prevalentemente ai propri interessi.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. Innav (CAIRO VATTENE) - 6 mesi fa

    Intanto io mi siedo in riva al fiume con le patatine.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Bacigalupo1967 - 6 mesi fa

      Le patatine di buffon o di Rocco?

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. maxx72 - 6 mesi fa

      Vanni fai ridere I POLLI. Va bene questa volta? Dai che poi ti veniamo a prendere alla colonia e andiamo da Garfield per un bel panozzo.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Bacigalupo1967 - 6 mesi fa

        Angelo gli servirebbe con sdegno il panino schifezza.(prima di mettermi un unlike, per i non frequentatori della storica paninoteca Garfield di Loano in lista esiste proprio un panino chiamato schifezza)

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. maxx72 - 6 mesi fa

          Tutto vero.

          Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. CUORE GRANATA 44 - 6 mesi fa

    E’ una partita a scacchi mancante ancora di alcune mosse.Direi che al momento, da quanto si apprende, parrebbe essere in “situazione di stallo”.Da un lato la fondatezza dell’azione,dall’altro la conferma della validità della vendita senza rimborsi dei canoni si qui corrisposti a BS come richiesto da RCS:alla fine potrebbe uscirne una “patta”attraverso una compensazione delle relative richieste.La partita “vera”Cairo verosimilmente dovrà giocarla con Assemblea e CdA RCS dove……A mio parere Torino fc è un discorso a sè stante in merito al quale avrà già le Sue “belle gatte da pelare”.FVCG!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. christian85 - 6 mesi fa

    In ogni caso, qualunque sia la decisione finale, tutto cio’ non interessa e non riguarda il Torino Calcio, semmai.. se Cairo dovesse (di sicuro) vincere la causa, andrebbe a gonfiare il conto corrente personale di Urbanetto. Alla facciazza di tutti……..

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Granata - 6 mesi fa

      Sarebbe un reato penale appropriarsi arbitrariamente dei soldi di RCS. In caso di risarcimento, quei denari , saranno a bilancio RCS e non in tasca di Cairo.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. damescopet_13647902 - 6 mesi fa

    Cairo..magari lei fosse così solerte.. alacre e coscienzioso nell’adempimento di un compito, o meglio di un dovere con il Torino Calcio. Quello di riportarlo ad essere semplicemente una cosa. Il Toro.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. bertu62 - 6 mesi fa

      Già…

      Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy