Singo: il gol a Parma è da record. E ora c’è il Verona per confermarsi

Focus on / L’esterno classe 2000 continua a macinare record: è lui la sorpresa del campionato del Torino. E contro il Verona si candida dal primo minuto

di Nicolò Muggianu

È lui la sorpresa del campionato del Torino: Wilfried Singo continua a stupire. L’esterno ivoriano contro il Parma ha messo a segno il suo primo gol in campionato, il suo secondo in Serie A con la maglia del Torino (il primo lo aveva segnato lo scorso campionato contro la Roma, il 29 luglio 2020), e ora cerca conferme contro il Verona di Juric. Una stagione di alto livello quella disputata fino a questo momento dal classe 2000, con una sola macchia sul suo percorso: la prematura espulsione (seppur ingiusta) del 17 dicembre scorso contro la Roma.

PARMA, ITALY – JANUARY 03: Wilfried Singo of Torino celebrates after scoring their sides first goal during the Serie A match between Parma Calcio and Torino FC at Stadio Ennio Tardini on January 03, 2021 in Parma, Italy. Sporting stadiums around Italy remain under strict restrictions due to the Coronavirus Pandemic as Government social distancing laws prohibit fans inside venues resulting in games being played behind closed doors. (Photo by Alessandro Sabattini/Getty Images)

RECORD – Continua a macinare record il giovane Singo, che con il gol messo a segno contro il Parma è diventato il difensore più giovane ad aver trovato il gol nella Serie A in corso. Ma non è tutto. L’ivoriano classe 2000, infatti, è diventato anche il terzo difensore più giovane nei top-5 campionati europei ad aver segnato almeno un gol ed aver fornito almeno un assist nel corso della stagione 2020/2021. Gli altri due difensori – più giovani di lui – ad esserci riusciti sono Adrien Truffert (classe 2001 del Rennes) e Rayan Aït-Nouri (classe 2001 del Wolverhampton): giocatori tra i più promettenti del panorama europeo nei rispettivi ruoli.

NAPLES, ITALY – DECEMBER 23: Tiemoue Bakayoko of S.S.C. Napoli battles for possession with Wilfried Singo of Torino F.C. during the Serie A match between SSC Napoli and Torino FC at Stadio Diego Armando Maradona on December 23, 2020 in Naples, Italy. Sporting stadiums around Italy remain under strict restrictions due to the Coronavirus Pandemic as Government social distancing laws prohibit fans inside venues resulting in games being played behind closed doors. (Photo by Francesco Pecoraro/Getty Images)

VERONA – E ora, contro il Verona, l’obiettivo dell’esterno ivoriano è quello di confermare quanto di buono fatto vedere nelle ultime uscite. La sua intraprendenza e la sua straripante forza fisica sono diventati uno dei punti di forza del 3-5-2 di Marco Giampaolo che, salvo sorprese, non rinuncerà alle sue sgroppate anche quest’oggi contro la formazione di Juric. Per Singo però la strada è ancora lunga e l’obiettivo del classe 2000 è quello continuare a lavorare per diventare un punto di riferimento del Torino del presente ma soprattutto del futuro.

13 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. rolandinho9 - 1 settimana fa

    Stamattina nel mio presepe é caduto il Belotti che avevo comprato a San Gregorio armeno a Napoli, rigore netto, di bello dopo lo fischia

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. nikynik - 1 settimana fa

      Secondo me è anche espulsione!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. FORZA TORO - 1 settimana fa

    io nei pressi dell’area avversaria quando è uomo contro uomo lo vorrei anche più intraprendente,forza Wilfred

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. FORZA TORO - 1 settimana fa

      i

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Granata - 1 settimana fa

    Da quando Singo ha iniziato a far vedere di cosa è capace in serie A si sono sprecati lodi e complimenti. Interessantissimo è leggere i commenti di moltissimi “tifosi” quando è arrivato. Molti ironizzavano sul ritardo dell’acquisto in via ufficiale. Ricordo benissimo che risposi che ci sarebbe voluto tempo perchè trattare con federazioni africane non è mai facile. Adesso tutti ai suoi piedi… Singo ha testa e forza sia fisica che mentale. Non rompe le balle, come Millico o Edera e si è fatto spazio. Come Buongiorno, come farà Segre ,come farà Gojak e ,credo, Bonazzoli. Gente seria con testa sulle spalle.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Panthers - 1 settimana fa

    Non rendersi conto ad agosto di avere un campione comprando Vojvoda è stato un altro errore di mercato, si potevano investire quei soldi per laterale di sinistra capace di spingere sulle fasce…si perché Rodríguez per quanto utile e ordinato quando vede la linea del centro campo guarda indietro e passa la palla ai centrali.

    #singosaltaluomosempre

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Granata - 1 settimana fa

      Non sono affato d’accordo sul presunto errore di mercato. Dal punto di vista tecnico, forse non ricordi che , Singo, nasce centrale, viene impiegato come esterno in una difesa a 3 dietro quindi a tutta fascia. Detto che il salto primavera/serie A è difficile per chiunque, chi poteva avere certezze di impiego in una difesa a 4 quale era come idea di gioco iniziale ? Vojvoda è un bel prospetto. È stato frenato dal covid e gli serve ambientamento. Troppi lo hanno bollato come scarso frettolosamente. È molto diverso da Singo ma tecnicamente gli è almeno pari se non superiore. È stato provato in allenamento a dx con buoni risultati ma la gara è altra cosa. Gli errori/orrori di mercato sono altri.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. prussianblu_2420880 - 1 settimana fa

    Se questo Singo si confermerà ottimo giocatore, i top club ce lo porteranno via più veloce della luce.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. Messere Granata - 1 settimana fa

    Non “frastorniamo” Singo con troppe attenzioni e il peso di troppe responsabilità. Ha solo vent’anni e uno dei segreti delle sue prestazioni è proprio la freschezza mentale e l’incoscenza giovanile. A volte pensare troppo fa male.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Messere Granata - 1 settimana fa

      Chiedo scusa: “incoscienza”.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. altoro - 1 settimana fa

      Messere granata, la tua sintetica analisi è perfetta ! Personalmente valuto le eccellenti prestazioni del giovane terzino ivoriano con lo spirito del motto latino “Carpe Diem ” ossia “Goditi l’attimo ” oppure “Goditi intensamente il giorno che vivi finché dura”. Infatti assisto ammirato alla dirompente strapotenza fisica di Singo, peraltro a Parma egli ha effettuato una sgroppata di quaranta metri per raccogliere il perfetto assist in profondità del “Gallo” Belotti e battere Sepe con un magistrale diagonale, e alla sua eccellente tecnica individuale con la consapevole e assoluta rassegnazione che la Società TORINO F.c. si priverà nel futuro, naturalmente auspico il più lontano possibile, delle sue prestazioni nel momento in cui la stessa avrà l’opportunità di realizzare una importante plusvalenza economica tramite la sua cessione a titolo definitivo.
      Nell’eventualità l’esplosione in corso, sotto l’aspetto tecnico e agonistico, di Singo procede con questo ritmo temo che tale operazione sarà eventualmente fattibile in tempi brevi.
      Purtroppo la rassegnazione personale è causata dal dato assolutamente oggettivo che nella sua storia la Società TORINO F.c. ha sempre rivolto esclusivamente la propria attenzione all’aspetto economico del bilancio, assolutamente prioritario rispetto a quello dei risultati sportivi della squadra. Nel passato nell’orizzonte temporale di circa 2/3 stagioni è un dato oggettivo che i migliori prodotti sotto l’aspetto tecnico del florido Settore Giovanile, a questo proposito indicativamente dalla seconda metà degni Anni Ottanta cito in ordine cronologico i vari Crippa, Francini, Fuser, Vieri, Lentini, Cravero e Ogbonna sono stati sempre ceduti a titolo definitivo alle Società e quindi alle squadre concorrenti. Ritengo che anche per questa ragione l’animo di numerosi tifosi granata, quali il sottoscritto, si sono gradualmente “scazzati” nel tempo con l’inevitabile conseguenza di assumere la sofferta decisione personale per evidente frustrazione psicologica di non rinnovare più la tessera di abbonamento presso lo stadio in considerazione appunto dell’ assoluta consapevolezza che tale politica societaria si dimostra agli occhi dell’intero popolo di tifosi granata assolutamente priva di reale programmazione e quindi di concreta ambizione dei risultati sportivi della squadra del Vecchio Cuore Granata. Amen. Alè TORO !

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Doc.Falstaff - 1 settimana fa

        Altoro, sentimento condiviso.
        Non aggiungo altro per via che mi assale la malinconia più profonda.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. altoro - 1 settimana fa

          Doc.Falstaff , ti confesso che nel passato a causa del tipico e forte entusiasmo giovanile, di fronte alle sopracitate cessioni effettuate dalla Società TORINO F.c., quindi ricordate e segnalate nel precedente post personale, mi incazzavo tanto fortemente quanto inutilmente. Attualmente a circa 57 anni personalmente provo esclusivamente amara e consapevole rassegnazione … . Purtroppo anche questo profondo mutamento di spirito personale, peraltro condiviso da te e da chissà quanti altri fratelli granata del forum, costituisce l’oggettivo segnale che il tempo passa in modo assolutamente ineluttabile anche per il sottoscritto … . Amen. Alè TORO !

          Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy