Sospensione Serie A, ipotesi playoff e playout: ecco come funzionerebbero

Tre le ipotesi sul tavolo, quella dei playoff e dei playout è stata rilanciata in prima persona da Gravina: ecco quante squadre potrebbero essere coinvolte

di Nicolò Muggianu

C’è anche l’ipotesi playoff e playout sul tavolo della FIGC per l’assegnazione dello Scudetto e delle retrocessioni del campionato di Serie A 2019/2020. Un’ipotesi rilanciata in prima persona dal Presidente Federale Gabriele Gravina (LEGGI QUI), che al termine del Consiglio Federale svoltosi ieri a Roma ha dichiarato: “L’auspicio è che si possa riprendere il campionato e sono state fissate alcune finestre per il recupero di queste giornate. Abbiamo però anche affrontato l’ipotesi secondo la quale il campionato potrebbe avere problemi di ripartenza: ci sono diverse ipotesi sul tavolo e nel prossimo consiglio federale – in programma il prossimo 23 marzo – si adotterà un principio mai previsto nelle nostre norme, che si potrà ispirare alla non assegnazione, la consolidazione delle posizioni in classifica di quel momento, oppure una proposta che mi sono permesso di lanciare, l’introduzione dei playoff e dei playout“.

MODALITÀ – Ma cosa succederebbe se alla fine si decidesse di optare per quest’ultima opzione, quella facente riferimento all’introduzione dei playoff e dei playout? Secondo alcune ipotesi, l’idea preliminare sarebbe quella di coinvolgere le prime quattro e le ultime quattro squadre della classifica attuale al netto dei risultati della 25° giornata. A giocarsi il titolo tramite gli spareggi sarebbero dunque Juventus, Lazio, Inter e Atalanta. Genoa, Lecce, Spal e Brescia sarebbero invece le squadre invischiate nella lotta salvezza. Ancora da decidere la modalità di accoppiamento, ma la sensazione è che in caso di attuazione il metodo potrà essere il seguente: prima contro quarta e seconda contro terza.

DETTAGLI – Al momento però, è doveroso sottolinearlo, si tratta soltanto di una bozza e in quanto tale potrebbe essere soggetta a variazioni. Mancano infatti all’appello alcuni dettagli fondamentali: come la natura delle partite (se solo andata o andata-ritorno) o l’eventuale luogo di svolgimento (se in casa della squadra meglio posizionata in classifica o su campo neutro). Ogni decisione definitiva è rimandata al prossimo consiglio federale del 23 marzo, quando le forze coinvolte saranno chiamate a prendere una posizione definitiva.

14 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. renato (quello vero) - 8 mesi fa

    Sinceramente mi sembra un’ipotesi totalmente irrealizzabile. Innanzitutto bisognerebbe cambiare in corsa i regolamenti, cosa che è sempre vietato fare in qualsiasi competizione, in secondo luogo le varie squadre hanno disputato partite con avversari diversi su campi diversi. La classifica quindi rispeccha una situazione assolutamente parziale e profondamente ingiusta, sia per quanto riguarda la testa che la coda. Un minimo di equità sarebbe raggiunto considerando la sola classifica del girone di andata, ma anche qui ci sarebbero discussioni infinite sul fatto di aver disputato partite in casa oppure fuori. Penso proprio che sia la peggiore di tutte le proposte possibili, la più logica secondo me è la cancellazione dell’intero campionato e la ripartenza l’anno prossimo con 0 punti in classifica per tutti, non vedo altre possibilità ragionevoli.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. vasquez11 - 8 mesi fa

    Cari fratelli a noi andrebbe comunque di lusso un finale così perchè non ne saremmo coinvolti. Immaginate la faccia degli zebrati a perdere lo scudetto ai playoff? Sarebbe per un verso il loro prezo. Quello che conta però ora è uscire fuori da questo incubo. Il calcio può aspettare o addirittura andare a quel paese.
    Prima la salute. In bocca al lupo a tutti e speriamo di poter presto tornare ad arrovellarci il fegato per il nostro Toro. Tutto andrà BENE!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. lucapecc_908 - 8 mesi fa

    E’ una assurdità anche perchè al momento attuale, che non sappiamo ancora per quanto resterà tale, le classifiche non sono complete, alcune squadre, compresa la nostra, hanno giocato una partita in meno…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Giaguaro 66 - 8 mesi fa

    Pensando in primis alla salute di tutti, augurandomi che la situazione si risolva il prima possibile e che nessuno si ammali più ritornando alla vita normale con sentimenti diversi dico che: se fossero giocati playout e palyoff, nella condizione attuale della nostra squadra del cuore da ricostruire sotto tutti gli aspetti per noi sarebbe manna dal cielo.
    Un abbraccio a tutti i tifosi granata e un augurio di pronta guarigione a quelli che purtroppo in questo momento stanno lottando contro il corona virus. Non mollate! FVCG

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. Rock y Toro - 8 mesi fa

    Io invece propongo un’altra soluzione: congelare i campionati e riprendere dopo l’estate con un nuovo campionato con le partite CH restano da giocare. In pratica un campionato 2019-20-21. Tanto un anno andrebbe perso comunque. Anche perché non sarà possibile disputare i play off e play out che vuole gravina perché l’emergenza virus non finirà certo fra due mesi, e secondo me nmeno tra quattro.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. Madama_granata - 8 mesi fa

    Riporto:
    “Mancano infatti all’appello alcuni dettagli fondamentali: come la natura delle partite (se solo andata o andata-ritorno) o l’eventuale luogo di svolgimento (se in casa della squadra meglio posizionata in classifica o su campo neutro). Ogni decisione definitiva è rimandata al prossimo consiglio federale del 23 marzo, quando le forze coinvolte saranno chiamate a prendere una posizione definitiva”.

    Assurdo!!
    Dettagli da definire:
    – natura delle partite
    – luogo dello svolgimento delle gare.

    Omesso un “piccolo dettaglio”:
    QUANDO sarà possibile giocare?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. marco-coll_747 - 8 mesi fa

    lunica cosa positiva?siamo salvi

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. loik55 - 8 mesi fa

    si ma la classifica andrebbe considerata alla fine del girone di andata, altrimenti sarebbe ancora più falsata….

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  9. LeoJunior - 8 mesi fa

    Comunque decidano ci saranno contenti e scontenti. Chi sarebbe venuto in A e non ci viene, chi aveva speranze e non le avrà più, chi vincerà senza aver vinto, etc. Anche non assegnando nulla si faranno scontenti.
    Non c’è soluzione

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Bela Bartok - 8 mesi fa

      Però forse non assegnare nulla sarebbe il metodo migliore per fare il minor numero di scontenti. Sarebbero scontenti la juve (che fa sempre piacere) ed il benevento. Gli altri non credo si dannerebbero l’anima. Sarebbero molto scontenti gli sponsor e le tv.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  10. fabio.tesei6_13657766 - 8 mesi fa

    Credo che non si giocherà per i prossimi due mesi, e penso che ancora non abbiamo visto nulla siamo ancora alla fase iniziale. In bocca al lupo a tutti

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  11. Quello che il Toro è il Fila, i Balon boys, il Grande Turin e Meroni - 8 mesi fa

    In realtà la cosa più semplice è dichiarare finiti i campionati e utilizzare le classifiche attuali per stabilire promozioni e retrocessioni: pensate al Benevento in B virtualmente già promosso che invece perde il play off o al Monza in C…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  12. ALESSANDRO 69 - 8 mesi fa

    Io non vorrei peccare di pessimismo ma forse ai piani alti sfugge qualcosa.Il virus non solo si sta espandendo in Italia ma si sta spostando in Europa e non c’è ragione di pensare che in Francia, Germania Inghilterra ecc. Colpirà meno che da noi. Se ciò dovesse succedere salteranno addirittura gli Europei , motivo per cui stare a ragionare di play off o play out , che ricordo a lor signori si gioca in campo e non da casa alla play station, mi sembra veramente surreale.
    Questo ovviamente considerando lo stato attuale e le proiezioni future, per nulla tranquille. Poi magari fra 10 giorni finisce tutto e allora sarà tutto risolto, per carità è il mio massimo desiderio come quello di tutti immagino, ma al momento le prospettive non sono affatto ottimistiche….

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Dr Bobetti - 8 mesi fa

      Condivido pienamente. Pur comprendendo le logiche di marketing e di vendita che ci sono dietro al calcio penso sarebbe ora di prendere l’unica decisione seria, ovvero la sospensione definitiva dei campionati senza attribuzione di titoli, promozioni e retrocessioni.
      Dolorosa in diversi casi, da gestire correttamente per le società medio piccole (ovvero percepimento di quote che permettano loro di non fallire) ma l’unico vero scenario applicabile secondo me.
      La salute viene prima dello sport agonistico, anche se esso è un business.

      Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy