FIGC, Gravina: “Non assegnazione titolo sarebbe una mortificazione”

Le voci / Il presidente della federcalcio ha commentato così quanto emerso dal Consiglio federale straordinario tenutosi quest’oggi

di Redazione Toro News
seconde squadre

Nel pomeriggio di oggi, 10 marzo, ha avuto luogo il Consiglio federale straordinario convocato nei giorni scorsi da Gabriele Gravina. Il numero uno della federcalcio ha così commentato quanto emerso dalla riunione: “Il tema legato alla competizione sportiva, quello più delicato, ha riguardato l’esigenza che possa essere recuperata la competizione sportiva. L’auspicio è, una volta terminata l’emergenza che ci sta colpendo, che si possa riprendere il campionato e sono state fissate alcune finestre per il recupero di queste giornate sempre seguendo il rispetto della competizione sportiva facendo ricorso allo slittamento del calendario”.

Riguardo poi ad una possibile sospensione a tempo indeterminato del campionato, il presidente Gravina ha precisato, : “Abbiamo anche affrontato l’ipotesi secondo la quale il campionato potrebbe avere problemi di ripartenza: ci sono diverse ipotesi sul tavolo e nel prossimo consiglio federale adotterà un principio mai previsto nelle nostre norme, che si potrà ispirare alla non assegnazione, la consolidazione delle posizioni in classifica di quel momento, oppure una proposta che mi sono permesso di lanciare, l’introduzione dei playoff e dei playout, tenuto conto dell’esigenza di comunicare le squadre che hanno diritto a partecipare alle competizioni internazionali. È un consiglio federale che si è svolto con grande amarezza per quello che è stato deciso, pur doveroso, ma le decisioni sono andate nella direzione del rispetto di quanto emanato dalle nostre autorità”.

Ovviamente, un campionato senza un vincitore è ciò che tutti i rappresentanti del calcio italiano vorrebbero evitare, il presidente Gravina ha quindi commentato: “Non assegnare il titolo sarebbe un atto di grande mortificazione sportiva. Nel caso ci fossero problemi alla ripartenza del campionato saremmo chiamati ad adottare un principio mai previsto”.

 

4 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. TOROPERDUTO - 8 mesi fa

    Veramente la mortificazione dello sport sono il doping, le scommesse, la Juve.
    Non dovesse essere assegnato per causa di forza maggiore come un virus che sta combinando quello che sta combinando non parlerei di mortificazione dello sport ma semplicemente di buon senso, capisco che il buon senso sia un concetto distante anni luce dalla FGC e per dall’ UEFA che ad oggi sta continuando a fare pasticci.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Madama_granata - 8 mesi fa

    Ma davvero i vertici del calcio nostrano, e questo Sig. Gravina loro portavoce, credono che tra le attuali EMERGENZE nazionali, e mondiali, ci sia il “gioco del pallone” ed il portare in qualche modo a termine l’attuale campionato di calcio??

    Cito:
    “Il tema legato alla competizione sportiva, quello più delicato, ha riguardato l’esigenza che possa essere recuperata la competizione sportiva. L’auspicio è, una volta terminata l’emergenza che ci sta colpendo, che si possa riprendere il campionato e sono state fissate alcune finestre per il recupero di queste giornate sempre seguendo il rispetto della competizione sportiva facendo ricorso allo slittamento del calendario”.

    “Terminata l’emergenza che ci sta colpendo”???
    Ma davvero i vertici del calcio “nostrano”, e questo signor Gravina loro portavoce, credono che tra qualche settimana terminerà l’emergenza coronavirus?
    Che tutto sarà risanato e che una delle maggiori preoccupazioni italiane sarà quella di ripristinare il campionato di calcio 2019/20??
    Ma i signori del “consiglio federale” (minuscolo) hanno mai ascoltato in TV l’allarme sanitario lanciato da Medici, Ricercatori e Scienziati (maiuscolo) a livello nazionale e mondiale??
    Ma allora costoro pensano che le restrizioni imposte dal governo e dalla politica (maggioranza+opposizione) siano eccessive ed allarmistiche, e che fra qualche settimana tutto sarà risolto, e che il “coronavirus” sarà un brutto ricordo??
    “La non assegnazione del titolo sarebbe una MORTIFICAZIONE”??
    Credo che la MORTIFICAZIONE più grande sia quella dei Medici quando non riescono a salvare una vita umana, e quella di Scienziati e Ricercatori fino a quando non riusciranno ad ottenere un vaccino per debellare questo virus-killer!!!
    Altro che ripresa del campionato di calcio!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. granatadellabassa - 8 mesi fa

    Sarebbe una mortificazione anche assegnarlo a tavolino.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. nonnogranata - 8 mesi fa

      Penso che Gravina, che ha detto una grande scemenza, sia a libro paga di Agnelli

      Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy