Torino, a Bormio il focus è sui tiri. Primo comandamento, centrare la porta

Torino, a Bormio il focus è sui tiri. Primo comandamento, centrare la porta

Dal ritiro / Allenamento mattutino tra parte atletica per l’esplosività, partitella e conclusioni nello specchio

di Marco De Rito, @marcoderito

nostro inviato a Bormio (SO)

Una costante dal ritiro di Bormio del Torino in questi nove giorni di lavoro sono stati i tiri in porta. Walter Mazzarri sembra tenere molto alla precisione nelle conclusioni e in quasi tutti gli allenamenti mette alla prova i suoi su questo fondamentale. Non è un caso se si pensa che il Torino nella scorsa Serie A è stata una delle squadre che ha segnato più gol su tiri da fuori area. I buoni tiratori non mancano, da Falque a Baselli a Meité. E questa è un’arma che Mazzarri vuol continuare a sfruttare.

TIRI IN TUTTE LE SALSE – L’allenamento del martedì mattina inizia con esercizi fisici su esplosività e brillantezza. Poi ecco il pallone. Tutti gli esercizi si concludono con tiri in porta, dall’uno contro uno alle prove tattiche. Si tentano conclusioni da tutte le posizioni: angolate, dalla distanza e anche ravvicinate. In particolare nell’allenamento mattutino odierno era richiesto a centrocampisti e attaccanti di dribblare un difensore e poi superare il portiere con una conclusione, compito non facile per chi attaccava, visto il valore dei difensori granata. Poi, verso la fine dell’allenamento, lavoro su stop e conclusioni. I piedi dei giocatori del Toro appaiono “caldi”, le conclusioni sono di pregevole fattura. Non solo gli attaccanti, tutta la squadra si allena: da Armando Izzo a Soualiho Meitè passando per Daniele Baselli.

BASELLI SPECIALISTA – Proprio quest’ultimo si è spesso contraddistinto per la sua precisione nei tiri in porta. Durante le esercitazioni sui tiri è sempre presente e prima di lasciare il campo, al termine della seduta, spesso si diletta con conclusioni da posizioni sfiziose. La sua specialità è il tiro dalla distanza sotto il sette, dove spesso i portieri fanno fatica ad arrivare. La società di Via dell’Arcivescovado sta cercando un giocatore che sia uno specialista nelle punizioni per accontentare mister Mazzarri e Verdi sembra rispondere all’identikit (leggi qui), ma il centrocampista classe 1992 è al momento il prescelto per i calci piazzati a favore.

3 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Mimmo75 - 3 mesi fa

    Nel pomeriggio Mosè svelerà il secondo comandamento ai portieri: parare la palla!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Bischero - 3 mesi fa

      Accidenti. Chi lo avrebbe mai detto che l imput deve essere centrare la porta….

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Il_Principe_della_Zolla - 3 mesi fa

    Titolo che passerà alla storia.

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy