Torino, Baselli è nelle mani del dottor Zaffagnini. Operò anche Fares

Approfondimento / Il mediano granata è alle prese con un infortunio che rischia di tenerlo fuori dal campo per diverso tempo: ad operarlo sarà Stefano Zaffagnini, che operò anche Fares al crociato

di Gualtiero Lasala, @LasalaGualtiero

Il futuro di Daniele Baselli è in salita. Il centrocampista granata, in questa ripresa degli allenamenti, si è parzialmente lesionato il legamento crociato: oltre ad essere una pessima notizia per il Torino, che si trova ad affrontare una situazione di piena emergenza in mezzo al campo, è molto triste anche per Baselli, che sarà costretto a rimanere fuori dal campo per diverso tempo. Ma, realisticamente, quanto potrebbe metterci a recuperare?

Infortunio Baselli, da Valdifiori a Rincon: sui social tanti messaggi d’affetto

DOTT. ZAFFAGNINI – Per rispondere a questa domanda, possiamo passare prima dal dottore che opererà Baselli. Sarà il Dottor Stefano Zaffagnini, esperto nel settore, che ha anche già operato calciatori. In particolare ha avuto Mohammed Fares sotto i ferri, dopo che il mediano della Spal si era rotto il crociato anteriore del ginocchio sinistro in un’amichevole pre-campionato contro il Cesena. Appare evidente che il nuovo responsabile dell’area tecnica Vagnati abbia spinto per far ricadere su Zaffagnini la scelta: lo stesso Vagnati si presume che riponga grande fiducia nel dottore. Quindi di sicuro Baselli non sarà in mane inesperte: servirà sicuramente un intervento perfetto per impedirgli di allungare il recupero.

UFFICIALE – Torino, Baselli si opera: stagione finita, circa sei mesi di stop

TEMPI – Ma quindi si arriva al concetto fondamentale: quando si rivedrà Baselli in campo? Cercando dele somiglianze con la situazione di Fares – anche se gli infortuni sono diversi, considerato che la lesione di Baselli è parziale, invece per Fares ci fu una rottura dell’intero legamento anteriore – si può capire già indicativamente quanto ci metterà. Considerato che il mediano della Spal si è infortunato ad inizio agosto, ed è tornato in campo ufficialmente il 22 febbraio, in totale sono passati ben 7 mesi. Per questo motivo, se Baselli si è fatto male ad inizio giugno, molto probabilmente prima di novembre non lo si vedrà sul terreno da gioco (salvo clamorosi, ma difficilissimi, recuperi lampo). Quindi serviranno almeno 6 mesi: sarà una lunga attesa, ma purtroppo non si può fare altrimenti.

4 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. loik55 - 6 mesi fa

    Grossi problemi per Vagnati e il toro, e mo come si fa a venderlo a lazio, milan, inter…? Peccato proprio adesso che avevano tutti pronti i milioni e le contropartite giuste, e invece brillerà ancora sotto la mole ,questo ragazzo destinato a diventar bandiera!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Paul67 - 6 mesi fa

    Pensavo che l’intervento chirurgico lo facesse Vagnati,
    ormai fa tutto lui…..

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. bertu62 - 6 mesi fa

    Beh, vero è che a Fares si ruppe completamente il crociato mentre a Baselli invece no, però per com’è fatto il legamento e per come avviene l’intervento non è che “parziale” sia meglio di “totale” in quanto si tratterà SEMPRE di un intervento invasivo (con tanto di strumenti che fisicamente incideranno carne legamenti tessuti ed ossa) che prevede “artificialmente” la ricostruzione di un “pezzo” importantissimo dell’articolazione del ginocchio di Baselli (in questo caso)… Certo che sarà il Dr. Zaffagnini ad effettuare l’intervento però di sicuro non si tratterà di “legare assieme” i due monconi del crociato rotto, non funziona così purtroppo: pertanto i tempi di recupero temo saranno quelli indicati, da 6 a 7 mesi…
    Ma ciò che importa è che quando “il Baso” tornerà potrà farlo contando sul 100% del suo ginocchio destro e che sia libero da qualsiasi “strascico” o “timore psicologico”: DAI DANIELE!! FV♥G!! SEMPRE!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. gianTORO - 6 mesi fa

      …è quasi come l’hai descritto 🙂 ma difficilmente sarà una ricostruzione “artificiale”…o almeno me lo auguro! normalmente si utilizzano tendini autologhi cioè prelevati dal paziente. legamenti artificiali o altre tipologie che evito di descrivere non hanno la stessa percentuale di risultato positivo. certo è che….di ottimi chirurghi ortopedici specialisti della ricostruzione dei crociati soprattuto per calciatori ce ne sono tanti……in bocca al lupo a Baselli e al TORO.
      FVCG

      Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy