Torino-Cagliari 2-3: occasioni da gol e baricentro, i dati rincuorano Giampaolo

I dati del match / Le statistiche di Torino-Cagliari non evidenziano un dominio della squadra rossoblù

di Marco De Rito, @marcoderito
torino-cagliari

Le statistiche di Torino-Cagliari non evidenziano un dominio della squadra rossoblù, nonostante il risultato finale abbia sorriso alla squadra di Di Francesco. Sicuramente gli isolani sono stati più precisi e cinici. Entrambe le formazioni hanno effettuato 10 tiri totali: ma il Cagliari ne ha prodotti 7 centrando la porta, di cui 3 gol, mentre il Toro 6 segnandone 2. Ben 4 i tiri fuori dei granata, contro i 2 dei rossoblù che si sono visti anche respingere una conclusione da Sirigu. Secondo i dati riportati dalla Lega Serie A il Cagliari ha avuto 7 occasioni da gol, mentre il Torino 6. Insomma, i numeri parlano di un equilibrio nella produzione offensiva ma di una maggior precisione di Simeone e compagni (viene in mente, soprattutto, l’occasione divorata da Verdi nel finale del match).

Leggi anche: Torino-Cagliari 2-3, Giampaolo: “Meritavamo di più. Avanti con questo sistema di gioco”

ATTEGGIAMENTO – I numeri del possesso palla sono a favore dei granata. Il Toro ha tenuto la palla per il 54% del tempo contro il 46% del Cagliari ed ha dimostrato anche un atteggiamento leggermente più aggressivo dei rossoblù. Nel Torino il 51% del possesso è infatti avvenuto nella propria metà campo, mentre per il Cagliari il dato sale al 58%. La conferma dei diversi atteggiamenti arriva anche dal dato del baricentro medio. Nel primo tempo i granata avevano il baricentro alto 52,7 m, mentre gli isolani – che spesso si sono difesi nella propria metà campo per poi ripartire – hanno presidiato, in media, l’altezza di 47,84 m. Nella ripresa il dato è salito a 54,9 m per il Toro ed è sceso a 46,09 m per i sardi. Un dato che può rincuorare Giampaolo, che come noto chiede alla squadra di difendere alta e di provare a rubare palla nella metà campo avversaria.

Leggi anche: La moviola di Torino-Cagliari 2-3: Rog da rosso, La Penna lo grazia

CONDIZIONE FISICA – Ma oltre che con la maggior precisione, la vittoria della squadra di Eusebio Di Francesco si può anche spiegare con la migliore condizione atletica. Il Cagliari ha percorso 107.843 m, contro i 102.268 m del Toro. La velocità media è di 6.5 km/h per il club rossoblù mentre è di 6.2 km/h per la squadra di Marco Giampaolo. Andiamo nel dettaglio. I sardi hanno prevalso dal punto di vista dello sprint (7.158 m contro 7.989 m) e sulla corsa (67.29 m contro 71.882 m) ma anche sulla camminata (27.82 m contro 27.979). Insomma, lo staff tecnico ha molto da lavorare anche sulla condizione fisica dei giocatori, molti dei quali sono stati lontani da Torino nella settimana precedente per gli impegni internazionali.

Statistiche: Lega Serie A

25 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. PignaL - 2 mesi fa

    I sardi hanno prevalso […] anche sulla camminata (27.82 m contro 27.979).”
    E che unità di misura sarebbero quelle della camminata? Metri? Allora 27820m contro 27979m? Ma allora dove avrebbero prevalso se il toro ha fatto 179m in più (in pratica la stessa identica strada…). Articolo come al solito buttato lì senza alcuna cura né rispetto per il lettore. Cifre nemmenbo controllate e prive di contesto.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. byfolko - 2 mesi fa

    Ma cosa cazzo ti devi rincuorare? Devono correre, chiaro? Devono sputare sangue. Ok, sono scarsi, ma devono mangiare con gli occhi l’avversario, devono uscire dal campo con i polmoni collassati prima di perdere un’altra partita questi 4 infami. Facciano vedere di meritarsi almeno 1 ventesimo dei milioni di euro che si beccano per prestazioni indecenti.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. rolandinho9 - 2 mesi fa

    Onestamente io penso che il Cagliari di quest anno sia assolutamente da metà destra della classifica, leggasi scarso, quindi é una sconfitta molto brutta. Il lato positivo é che le sconfitte brutte possono e devono darti gli occhi della tigre. A Sassuolo facciamo risultato.
    FORZA TORO. Dai Mister!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Rimbaud - 2 mesi fa

    Io ho visto ben poco di confortante…speriamo che le cose comincino a ingranare, ma c’è tanto da fare

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. pieffe6_12241756 - 2 mesi fa

    Forza Vecchio Cuore Granata! Ma il mio Toro era tutta un’altra cosa (solo Belotti e Sirigu, errore di ieri a parte, ne sarebbero degni)

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. pieffe6_12241756 - 2 mesi fa

    Facciamo la corsa su Spezia, Crotone, Genoa e Parma. Anche il Cagliari è alla nostra portata ma purtroppo gli abbiamo già dato un vantaggio! Forza e coraggio, tanto anche questa sarà un’annata di tribolazioni e poche soddisfazioni

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. abatta68 - 2 mesi fa

    Nella camminata non ci batterà mai nessuno finché ci sarà meitè! Ahah!! Mamma mia ragazzi… speriamo che cresca almeno il livello atletico generale, a me sembra ci sia molta differenza tra atleta e atleta… eppure dovrebbero aver fatto la stessa preparazione. Oltretutto siamo quasi a novembre, gli altri corrono e noi? Non lo so, ma in tutti gli sport la testa cresce col crescere della condizione fisica. La determinazione che ci si mette per allenarsi ti ritorna sotto forma di atteggiamento mentale, nel volersi imporre all’avversario …boh!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. Cristiano.123 - 2 mesi fa

    Per completare i dati direi che manca la considerazione del monte stipendi. Sottolineando che il Capitano guadagna la meta’ di quel che merita, direi Master Giampoalo puo’ stare sereno come Jachini a Firenze.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  9. gianni bui - 2 mesi fa

    Non voglio cadere nel luogo comune di parlare di sfiga perché le squadre “vere” sono superiori alla sfiga, ma è anche vero che il calcio è fatto si episodi e questi ci stanno girando tutti contro. Io aspetto ancora 2/3 partite prima di esplodere

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  10. Daniele abbiamo perso l'anima - 2 mesi fa

    I dati dicono anche e soprattutto che siamo molli e lenti. Abbiamo meno intensità degli avversari, facciamo meno scatti in avanti e tiriamo molto poco in porta.
    Gianpaolo dovrebbe (ma non lo farà ) notare che il meglio lo abbiamo dato negli ultimi minuti quando di fatto gli esterni erano alti e crossavano dal fondo. Cosa che nelle precedenti partite con il suo schema di gioco non si è mai vista.
    In brutale sintesi: I giocatori che ha NON sono adatti al suo gioco e ai suoi schemi.
    Urgono cambiamenti.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  11. Guevara2019 - 2 mesi fa

    C’è un articolo su repubblica.it che conferma chi da settimane ha criticato la scelta di Gp in panca al Toro e che punta il dito sul nostro presiniente.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  12. Nero77 - 2 mesi fa

    Dati confortanti!Dalle mie parti si dice:”I maccheroni riempiono la pancia”,le parole no!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  13. BiriLLo - 2 mesi fa

    Mio nonno mi diceva che il suo asino lo aveva abituato a non mangiare, e quando era ad un millimetro da perdere questo vizio, purtroppo ha dato il giro.
    Era una metafora chiaramente.
    Il riferimento allo stolto che ci governa e che non nutre la grande bellezza che possiede è puramente reale.
    Scegliere Giampaolo e non dargli i profili giusti è stata una minchiata galattica.
    Persino Cimminelli era un babbione, ma Urbano di calcio ne capisce meno di mia suocera.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  14. Opi - 2 mesi fa

    Nereo rocco, Uno che ne capiva sicuramente di più di chi fa queste analisi astruse che capiscono solo tra di loro, diceva che il calcio è un gioco semplice, ci va uno che le para tutte, uno in mezzo al campo che randella come un fabbro eun mona che la butta dentro.! Sarà ma mi fido di più del paron!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Daniele abbiamo perso l'anima - 2 mesi fa

      Con tutto il rispetto per Nereo Rocco, fosse così basterebbe rimettere Rincon a randellate anziché a impostare …

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  15. Andreas - 2 mesi fa

    ma da quanti anni è che si scrive che siamo fisicamente inferiori!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  16. granataLondinese - 2 mesi fa

    Abbiate fede nel Maestro, continuo a dire che ci sono sprazzi e buoni spunti, tra 2-3 partite faremo anche punti!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  17. FORZA TORO - 2 mesi fa

    ecco i dati sulla condizione atletica hanno un valore,quando tutto sommato per il resto le squadre si equivalgono,i sardi arrivavano sempre prima sulle palle sporche e non è un problema di oggi,vedere questa cosa mi manda in bestia più che un errore tecnico,vuol dire perdere potenziali azioni pericolose e viceversa subirle

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  18. suoladicane - 2 mesi fa

    direi bene! consoliamoci di 6 tiri verso la porta di cui un rigore e 4 fuori dello specchio……… meno male che non siete giornalisti veri….sai Gianni Brera a leggere certi strafalcioni….
    CAIRO VATTENE

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  19. NEss - 2 mesi fa

    Non si capisce niente. Non voglio essere cattivo ma questo sito non ce la fa proprio a gestire dei numeri.

    Il Cagliari ha corso 107.843m , si legge. Saranno 107mila metri, viene da pensare. Poi pero’ la velocita’ media e’ di 6.5km/h, quindi il . e’ il separatore decimale, non delle migliaia. Ma allora hanno corso 107 metri ?!?

    E piu’ avanti. Camminata, 27.82 contro 27.979. Metri? 28 metri di camminata? No, ma neanche migliaia. Boh.

    Tutto questo senza neanche provare ad affrontare il solito problema: la differenza significativa tra due numeri (sconosciuta su questa testata).

    E ancora: 10 tiri totali per entrambi, ma il Cagliare 7 in porta mentre il Torino 6. Pero’ il Torino ha tirato fuori per ben 4 volte mentre il Cagliari 3. E chi lo avrebbe mai detto che se fai 10 tiri e 7 finiscono in porta gli altri 3 vanno fuori!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  20. granatasky - 2 mesi fa

    Anche noi, a zero punti in classifica, con tre sconfitte all’esordio, cosa che non avveniva dal 2002/2003 (e allora fu la retrocessione in B) siamo veramente rincuorati e felici, nonchè pronti ad assistere a nuovi “record” storici dell’era manndrogna, i quali ci porteranno direttamente nel termovalorizzatore del calcio italiano ed europeo.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  21. lucabenzoni7_8317634 - 2 mesi fa

    Meno male che ogni tanto date dei dati numerici che possono far capire (forse) a qualcuno dove stanno i veri problemi ad oggi ….. stiamo cercando dopo anni di non gioco di farlo, ci vuole pazienza raga ….. CAPITO ? ….. purtroppo, come già sottolineato, le gambe non girano ankora, magari si tratta di preparazione (fatta in fretta e furia) staremo a vedere nelle prossime 5/6 partite, poi si potrà cominciare a giudicare …… FT

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. dingo68 - 2 mesi fa

      hai ragione, anche io non vedo tutto nero, però….c’è un però: come mai squadre come l’atalanta correvano a febbraio, al luglio e corrono anche oggi? Idem per altre, vedi l’inter o il milan

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. lucabenzoni7_8317634 - 2 mesi fa

        Dingo premesso che, ovviamente, abbiamo giocatori diversi e con caratteristiche diverse, secondo me è questione anche di organizzazione di giuoco : noi siamo confusi da Dicembre ed abbiamo cambiato all’inizio di questa stagione e quindi gli altri corrono anche meglio ….. io cerco di essere sempre ottimista e spero che tra qualche partita si cominci a girare sufficientemente da squadra e vedrai che anche i ns. giocatori ci sembreranno più “di gamba” perchè siamo migliorati quest’anno nella rosa in fisicità e qualità …. FT

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. FORZA TORO - 2 mesi fa

          bravo Luca,vorrei essere ottimista anch’io,ma proprio non ce la faccio,spero tu abbia ragione SF

          Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy