Torino, il perché delle cinque amichevoli: così Giampaolo lavora sull’intensità

Torino, il perché delle cinque amichevoli: così Giampaolo lavora sull’intensità

Approfondimento / Quasi nessuna squadra di Serie A si avvicina al numero di gare che i granata giocheranno prima dell’inizio della stagione, la Sampdoria ne disputerà quattro

di Marco De Rito, @marcoderito
torino

Cinque amichevoli per il Torino tra quelle programmate e quelle già giocate. I granata sono tra le squadre di Serie A che disputano più amichevoli. La maggior parte dei club della massima serie gioca due o tre amichevoli, mentre la Sampdoria quattro tra cui una proprio quella contro il Toro. Sono quindi poche le società che giocheranno molte partite prima dell’inizio del campionato e questa sembra essere una richiesta di Marco Giampaolo alla società in modo di avere la squadra già allenata in vista della prossima stagione che inizierà il 19 settembre con il match contro la Fiorentina.

STATO FISICO – L’obiettivo è duplice per Giampaolo: oliare i meccanismi in vista dell’inizio del nuovo campionato e allenare l’intensità della squadra in modo che i giocatori possano partire già pronti atleticamente con i 90′ sulle gambe. Nelle ultime uscite stagionali i giocatori hanno dato segnali di stanchezza, manca brillantezza ed è anche normale che sia così. La scorsa stagione si è conclusa il 2 agosto ed è poco il tempo per impostare quella successiva e quindi riconquistare la forma necessaria per poter rendere al meglio sin da subito.

Leggi anche: Torino, l’addio di Aina apre le porte a Singo: può essere lui il vice-Vojvoda

TATTICA – Inoltre per una settimana il tecnico granata ha dovuto fare a meno di sette granata impiegati con le rispettive nazionali: Saša Lukic, Ricardo Rodriguez, Samir Ujkani, Mërgim Vojvoda, Salvatore Sirigu, Andrea Belotti e Karol Linetty. Calciatori potenzialmente titolari che sono necessari per impostare i meccanismi del Torino del futuro. Per questo l’allenatore ha ritenuto necessario procedere con amichevoli in più, per far giocare almeno tre amichevoli anche a chi non ha preso parte a tutta le preparazione. In modo da testare se la squadra sta apprendendo i dettami tattici e migliorare i punti deboli. Così dopo le gare contro Novara, Pro Patria e Pro Vercelli ci sarà la partitella in famiglia l’11 settembre contro la Primavera ma c’è attesa per il match contro la Sampdoria del 12 settembre che concluderà le cinque amichevoli prima della prima e vera prova contro la Fiorentina.

16 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. TooDrunkTo*uck - 3 settimane fa

    Braccino gli avrà detto che non compra nessuno (il campionato inizia tra 10 giorni…) così fa amichevoli per inventarsi giocatori che non ha…
    Ma quando ci libera da questo strazio??non può vendere e andarsene?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. granataLondinese - 3 settimane fa

    son troppe rimandate anzi annullate

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. granatasky - 3 settimane fa

    Torreira dice si a Giampaolo, Andersen pure, peccato che i loro procuratori sanno benissimo che il mandrogno, di cacciare i quattrini per acquisto e ingaggio, manco ci pensa.

    #siamoapostocosì.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Innav (CAIRO RESTA CON NOI) - 3 settimane fa

      E basta Maestro. Il nano sta spendendo tutte le monetine che si era messo da perte per Torreira, nelle tue telefonate.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Innav (CAIRO RESTA CON NOI) - 3 settimane fa

    Torreira arriva domani e Pereyra dopodomani.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. granatasky - 3 settimane fa

      E Andersen venerdì mattina….!!! 🙂

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Innav (CAIRO RESTA CON NOI) - 3 settimane fa

        Il nano ha rotto anche il maialino di Comi, è già arrivato a 8 kg di euro.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. Garnet Bull - 3 settimane fa

    Chiunque abbia giocato a calcio anche a livello dilettantistico sa che, per quanto si spinga in allenamento, la partita tira fuori tutta un’altra energia, ed è più allenante, quindi non fossilizziamoci sul risultato

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Marchese del Grillo - 3 settimane fa

      Io mi fossilizzo su regista e trequartista di ruolo.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Garnet Bull - 3 settimane fa

        Va bhe, qui non c’entra fossilizzarsi, semplice vanno presi e basta u.u

        Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. NEss - 3 settimane fa

      In altri sport, di fatica, e’ esattamente il contrario.

      In allenamento ci si ammazza; in gara di solito non si arriva ad essere altrettanto esausti. Questo perche’ la gara e’ una, mentre in allenamento quando finisci lo sforzo equivalente ad una gara… aspetti 5 minuti e poi fai altre ripetute.

      Se i calciatori hanno bisogno di un arbitro, o uno stadio, per impegnarsi… beh, ulteriore conferma che sono viziati piu’ che atleti.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Garnet Bull - 3 settimane fa

        In realtà è una cosa naturale, hai tutta un’altra grinta, poi ovviamente anche in allenamento danno tutto (la maggior parte dei giocatori) però la partita, per ogni giocatore, tira fuori quel qualcosa in più

        Rispondi Mi piace Non mi piace
    3. TooDrunkTo*uck - 3 settimane fa

      eh anche perchè dopo l’anno scorso, c’è poco da fossilizzarsi.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. rolandinho9 - 3 settimane fa

    Comunque tutti d accordo sul fatto che il regista sia la priorità assoluta però a me fa paura pensare al nostro attacco con un 4312, e molto, se giochi con Belotti zaza non hai mezzo cambio che ti possa far chiudere/ riprendere / dare la scossa in almeno 5/6 partite L anno. Non c’è neanche la possibile mina vagante, il Cornelius che parte riserva e poi sfrutta L occasione e prende il posto o lo schick della Samp che diventa una certezza dalla panca. Con questo attacco si dura poco, io chiuderei Borini e un giovane mina vagante a poco magari in prestito con diritto e sfoltirei gli esterni. Tra L altro zaza tra squalifiche e infortuni salta sempre una marea di partite

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. gm - 3 settimane fa

      Verissimo o pensi di far giocare Belotti per 35 gare da boa con gli inserimenti delle mezze ali o metti del peperoncino alle terga di Zaza con un attaccante degno della categoria, pienamente d’accordo con te

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. TooDrunkTo*uck - 3 settimane fa

      Esatto, infatti il fatto che si stia portando tutta l’attenzione sul “regista” è la classica strategia di ogni anno.
      Concentrarsi su un giocatore nemmeno così fenomeno, per far dimenticare tutto ciò che ci serve, attaccanti, esterni, centrocampisti, esterni bassi…abbiamo visto come le seconde e terze scelte siano inadeguate per la serie A, con l’arrivo di Giampaolo sarebbe dovuto succedere uno stravolgimento, invece ha preso 2 giocatori che voleva l’allenatore e una scommessa, troppo lontani dall’essere competitivi.

      Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy