Torino-Genoa 3-0: i granata fanno centro e vedono la salvezza

Al 90′ / Apre Bremer, nella ripresa la chiudono due grandissimi gol di Lukic e Belotti: il Toro vola a +8 sul Lecce terzultimo

di Alberto Giulini, @albigiulini

Salvezza più vicina per i granata, che superano 3-0 il Genoa e si portano a +8 sulla zona retrocessione. Apre Bremer di testa su calcio d’angolo, nella ripresa due grandissimi gol di Lukic e Belotti pongono la parola fine sull’incontro. E’ una vittoria meritata per il Torino, che può tirare un deciso sospiro di sollievo.

LEGGI ANCHE: Torino, fuori dallo stadio un gruppo di tifosi contesta la società

PRIMO TEMPO – Nei primi minuti di gioco sono i granata a gestire il possesso, con il Genoa a pressare molto alto. Al 5′ calcio di punizione di Verdi dai quaranta metri: Bremer anticipa tutti ma non trova la sponda vincente e il pallone arriva senza problemi tra le braccia di Perin. Due minuti più tardi ci pensa invece Sirigu a salvare il Toro: palla in mezzo di Iago Falque per Pinamonti, che incrocia ma trova i guantoni del portiere granata. Al 10′ buona azione granata, che porta Verdi a liberarsi sulla trequarti, ma il numero ventiquattro spreca l’occasione aprendo male per Ansaldi. Al 12′ perde una brutta palla Zaza: ci prova Iago Falque dai trenta metri, ma il tiro va alle stelle. Al 13′ altra chance per gli ospiti: angolo di Schone che trova Zapata, palla alta. Al 21′ altro corner e ancora Zapata: blocca senza problemi Sirigu. Al 22′ alza la testa il Toro: Belotti parte in progressione da metà campo e viene steso al limite da Masiello, ammonito. Si incarica di battere Verdi, che trova una deviazione della barriera in calcio d’angolo. Sugli sviluppi grandissima palla gol: il numero ventiquattro trova Bremer, che si libera a centroarea ma non riesce a inquadrare lo specchio da buona posizione. Ma il Toro entra finalmente in partita e anche Goldaniga deve ricorrere all’ammonizione per fermare Belotti. Al 30′ arriva il vantaggio del Toro: esattamente come all’andata corner di Verdi per la testa di Bremer che insacca. Da notare che per l’occasione i granata avevano eseguito uno schema, con un “trenino” formato dai giocatori al momento della battuta. Al 36′ altra occasione per i granata, con Meité che si libera con una grande giocata e serve Zaza, ma il centravanti manca clamorosamente l’aggancio in area. Due minuti più tardi ancora pericoloso il Toro: grande anticipo di Belotti su Biraschi, ma Perin si salva in uscita bassa. Al 44′ proteste Toro: su corner Belotti va giù in area, Rocchi fischia fallo in attacco; qualche dubbio resta.

LEGGI ANCHE: Le pagelle di Torino-Genoa 3-0: Belotti degno di accostare Ossola e Gabetto

LA RIPRESA – In avvio di ripresa subito un doppio miracolo clamoroso di Salvatore Sirigu, su botta da fuori di Schone e sul tentativo di tap-in di Pinamonti. Tutt’altro che positivo il rientro in campo dei granata, che hanno rischiato di subire subito il pareggio come a San Siro. Al 7′ giallo per Lyanco, che si tiene il pallone impedendo al Genoa di battere velocemente un calcio di punizione a metà campo. Al 13′ Nicola si gioca i primi cambi: dentro l’esperienza di Pandev e Criscito, che rilevano rispettivamente Sanabria e Barreca. Nel frattempo altre proteste granata per un fallo di mano dubbio in area di rigore. Al 15′ primo cambio anche per Longo, che decide di non rischiare e sostituisce l’ammonito Lyanco con Izzo, grande escluso dall’undici iniziale. Al 21′ altra girandola di cambi: nel Toro Aina e Lukic per Ansaldi e Verdi; per i rossoblù Destro al posto del grande ex Iago Falque. E proprio il nuovo entrato prova a farsi vedere dalle parti di Sirigu, ma da posizione defilata non trova lo specchio al 24′. Cinque minuti più tardi Nicola si gioca le ultime carte: Ghiglione e Lerager per Biraschi e Schone. Ma è il Toro a trovare il raddoppio, chiudendo la partita con un grandissimo destro a giro di Lukic dal limite dopo un’azione di sfondamento di Belotti. Il Genoa non molla e prova a farsi vedere al 37′, ma il destro al volo di Behrami non inquadra lo specchio. Attimi di nervosismo al 40′, a farne le spese è Zaza che viene ammonito. A mettere la parola fine è il Gallo, che trova il settimo gol consecutivo a coronamento di una partita straordinaria. Il centravanti granata è bravo ad avventarsi su un retropassaggio sbagliato e fa partire un sinistro dal limite che va ad infilarsi sotto l’incrocio dei pali. Ed è proprio il capitano granata che, al terzo dei cinque minuti di recupero, lascia il posto ad un Singo chiamato ad irrobustire ulteriormente la retroguardia. Al fischio finale tutti attorno a Longo in mezzo al campo: la salvezza è ormai vicina.

SEGUICI SUFacebook /// Twitter /// Instagram /// Telegram

SCARICA LA NOSTRA APPiOS /// Android

29 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. CUORE GRANATA 44 - 3 mesi fa

    Con un pò di “patè” come avrebbe detto il mitico Massimino,grande Pres.di un Catania che fù, sono arrivati,grazie al ns.immenso Capitano ed al solito san Salvatore i 3 punti che forse ..ma non cancellano i tanti errori a tutti i livelli commessi dalla Società.Cairo da “hombre vertical” dovrebbe in questa fase aprire un serio confronto con i tifosi per comprendere se d’ora innanzi,con fatti e non parole,dimostrerà di essere finalmente Soggetto affidabile oppure nò.Un confronto schietto senza essere accecato dalla Sua debordante autostima.Godiamoci questa vittoria in un contesto che peraltro,a mio avviso,presenta tanti punti interrogativi rendendo la situazione come dire…piuttosto fluida.Sempre FVCG!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Bacigalupo1967 - 3 mesi fa

    Bravo Longo.
    Meglio di così non poteva andare.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. iugen - 3 mesi fa

    Spezziamo una lancia a favore di Longo: non sarà un grandissimo allenatore, però ha vinto le partite che doveva vincere, e questa non è una cosa da poco, visto quanti punti abbiamo perso gli anni scorsi contro neopromosse e ultime in classifica. Diamo a Moreno quel che è di Moreno.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. policano1967 - 3 mesi fa

    Era una partita da dentro o fuori.se uinto ed era fondamentale.ero convinto ke avremmo toppato dl brutto.ma son contento di essermi sbagliato

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Madama_granata - 3 mesi fa

      Bravo, complimenti, così parla un vero tifoso del Toro!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. policano1967 - 3 mesi fa

        Almeno questo dopo 40 anni di fede concedetemelo

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. ziketto - 3 mesi fa

    spero con tutto il cuore che il genoamerda retroceda”!!!!!!BELOTTI IMMENSO!!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Marchese del Grillo - 3 mesi fa

      Già, il Gallo ed davvero immenso!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. maisenzatoro - 3 mesi fa

      Jenoa in B

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. scifo66 - 3 mesi fa

    Niente da dire: era una partita da vincere e così è stato. È chiaro che questa stagione partivamo con ben altri obiettivi e resta una stagione come minimo da dimenticare, però prima del lockdown, nonostante la fede incrollabile per il Toro, non ci avrei scommesso di riuscire a salvare la baracca ( con tutti gli scongiuri del caso). Per stasera niente polemiche e FVCG!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. sigfabry - 3 mesi fa

    Un favore a tutti i fratelli granata , una tregua alle critiche .
    Oggi solo felicità .
    Capitano sei immenso !!!
    FORZA TORO

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Madama_granata - 3 mesi fa

      Bravo, bravo, bravo! Mi associo e condivido!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. Madama_granata - 3 mesi fa

    Commento Sky:
    “bravo soprattutto l’allenatore!
    E brava tutta la dirigenza granata!”.
    Parlano di come il Toro abbia saputo risollevarsi dalla crisi.
    Possibile che se ne accorgano sempre gli altri, e mai i tifosi granata??

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. ribaldo - 3 mesi fa

      guarda che i tifosi granata non sono tutti a scrivere quì….

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Stufodellamediocrita' - 3 mesi fa

      Ma brava la dirigenza per cosa? Che manco ce l’avevamo prima dell’arrivo di Vagnati…basta con questa difesa ad oltranza di Cairo, se.non può fare di più di quanto fatto in 15 anni (!!!) lasci la.mano a qualcun altro.
      Quest’ anno abbiamo collezionato figuracce da record e ora per aver vinto una partita col Genoa che è peggio di noi dovremmo addirittura ringraziare la dirigenza??? Per carità, alcuni di voi hanno proprio la sindrome di Stoccolma…

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Toronelcuore - 3 mesi fa

        Ti stimo.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
    3. abatta68 - 3 mesi fa

      brava la dirigenza?!? magari…ad avercela una dirigenza! questo schifo di 15 anni ha raso al suolo tutto quello che di granata era rimasto! ne ho avuto la conferma stasera al raduno davanti alla curva Maratona… del milione di tifosi granata ne mancavano circa 999.970! Però i 30 che eravamo hanno avuto modo di incitare la squadra e di contestare Cairo, oltre che a dividersi pezzi di pizza e qualche birra. Le cavallette avrebbero fatto meno danni del nano alessandrino… siamo rasi al suolo, come società, come squadra e, peggio del peggio, come tifoseria che, ad oggi, è una delle peggiori d’Italia, per numero, per organizzazione, per coordinamento tra i club, per interazione tra club e società. Lo stadio è vuoto dentro e fuori, le case piene di abbonamenti sky e se il Toro fà schifo posso sempre girare su un film o un documentario no? il Toro ve lo siete venduto cosi! complimenti!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  9. gm - 3 mesi fa

    Clonate Belotti

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  10. Pera96 - 3 mesi fa

    Capitano, mio capitano!! Mi hai fatto orgasmare, 11 Belotti in campo e saremmo ciò che la storia del Toro si merita!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  11. fabio.tesei6_13657766 - 3 mesi fa

    Esonero subito di Longo, non vale un neurone di Mazzarri. Cairo che schifo di presidente sei! Come si fa a non aver mai venduto Belotti.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Madama_granata - 3 mesi fa

      È scontato che si sarebbe preso tanti (-), ma ha fatto bene a sottolinearlo!
      Solo che ai detrattori di Cairo, della Società, di Longo, di tutto e di tutti, persino in certi casi di Belotti, la vittoria (e che vittoria!) “sta nel gozzo”, e non va proprio giù!
      In quanti, prima della partita, anche oggi hanno scritto:
      “Meglio andare in serie B che continuate con Cairo e Longo”..
      E poi “A Longo si chiedevano solo 13 punti x restare in A, solo 13 punti, ma non ci riuscirà mai..”
      “Sarebbe da esonerare subito, allenatore da Lega-Pro” hanno detto oggi..
      E ancora: “meglio Mazzarri, con lui, sì, saremmo rimasti sicuramente in A!
      In alternativa un allenatore navigato, esperto, non Longo!
      Non sarà mai in grado di salvare il Toro”
      E qui mi fermo..
      E mi aspetto almeno il doppio dei suoi dissensi!!
      E poi dicono di voler bene al Toro..

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Stufodellamediocrita' - 3 mesi fa

      Sei proprio un poveraccio…

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    3. maxx72 - 3 mesi fa

      Invece io penso, caro Fabio, che queste polemiche potresti risparmiartele. Almeno stasera.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  12. Madama_granata - 3 mesi fa

    Tutto parte però dalla miracolosa parata iniziale di Sirigu.
    Se prendevamo subito gol a freddo non so cosa sarebbe successo!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Fvcg76 - 3 mesi fa

      Come anche dalle tre paratissime di inizio secondo tempo Salvatore sei un grande

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  13. Roland78 - 3 mesi fa

    Posso dire che sono felice?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  14. Mestregranata - 3 mesi fa

    Abbiamo fatto vedere al grifo che il Toro c’è l’ha Longo

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. sigfabry - 3 mesi fa
      Rispondi Mi piace Non mi piace
  15. CuoreGranata - 3 mesi fa

    BELOTTI STRATOSFERICO!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy