Torino, il pagellone di fine 2019: Bremer 6, gravi ingenuità ma crescita generale

Torino, il pagellone di fine 2019: Bremer 6, gravi ingenuità ma crescita generale

I voti / Il difensore nel 2019 ha dimostrato di avere potenziale, ma deve ancora crescere

di Marco De Rito, @marcoderito
Bremer

Manca poco alla fine del 2019, ed è tempo di giudizi, anche per i giocatori del Torino. Tocca adesso a Gleison Bremer, autore di una stagione tra alti e bassi. Se da una parte il brasiliano ha dimostrato di esser cresciuto riuscendo a prendersi il posto da titolare per 11 volte in Serie A, d’altro canto è caduto in qualche ingenuità che deve cercare di evitare per diventare una vera certezza. Decidiamo in ogni caso di premiare con il 6 il fatto che possa dirsi uno dei giocatori globalmente più cresciuti negli ultimi mesi.

PARTITA TOP – Tra le partite migliori del classe 1997 di questa stagione sicuramente si annovera la vittoria contro il Genoa nel campo di Marassi. Una gara dove la difesa granata si è comportante egregiamente, non subendo neanche un gol, questo a scapito anche dello spettacolo. Una partita non entusiasmante ma che si è conclusa con una vittoria siglata da Bremer. E’ suo il gol che ha deciso la partita, su colpo di testa da corner. Un gol importantissimo a livello personale e per la squadra. Anche la prestazione difensiva era stata positiva. Altra grande partita disputata da Bremer è stata quella successiva contro la Fiorentina.

Torino, il pagellone di fine 2019: Nkoulou 5, dopo l’ammutinamento si è rotto qualcosa

PARTITA FLOP – Tra le gare da dimenticare in questa stagione, sicuramente l’ultima sconfitta con la Spal. Tanta fatica a gestire Petagna e Paloschi, poi due cartellini gialli hanno portato a un’espulsione che per i padroni di casa è stato il preludio della sconfitta contro gli Estensi. Una situazione simile a quella accaduta nell’ultima gara del 2019 si è verificata contro il Parma il 30 settembre. Al “Tardini” il 22enne si fece espellere per doppia ammonizione dopo mezz’ora e anche in quel caso il Toro perse. Bremer, insomma, deve imparare a usare più la testa in alcune situazioni: lecito aspettarsi che col passare del tempo – parliamo pur sempre di un giocatore con appena una cinquantina di presenze da professionista – il brasiliano possa migliorare da questo punto di vista.

Leggi anche: Torino, il pagellone di fine 2019: Aina 5, le disattenzioni si pagano

3 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Madama_granata - 4 settimane fa

    A mio avviso, in generale, “voti in pagella” non equi e non rispondenti alla realtà: taluni “gonfiati”, altri troppo severi.
    Purtroppo orientati in base ai giocatori che la Società ha deciso di tenere (premiati), oppure di mandare via (puniti).
    In quanto a Bremer, oltre alle 2 espulsioni, i 2 rigori contro, rimediati a Parma e Verona, se li sono “dimenticati”!
    Il suo “vizietto” di rinviare con la mano ci è costato caro!!
    Il Toro, a causa degli errori di Bremer, ha perso un sacco di punti!
    Altro che “qualche ingenuità”, come recita l’articolo!
    Ma perché, mi domando, a certi giocatori si perdona tutto?
    I loro errori, anche quelli madornali, passano sempre per “veniali”.
    Ad altri loro compagni non si perdona nemmeno la più piccola svista, però!
    Bremer sarà anche un giocatore “di prospettiva”, potrà senz’altro migliorare, ma dovrebbe essere spedito in B a farsi le ossa e a maturare x almeno una stagione.
    Al momento non è un giocatore maturo x la serie A, e non merita la sufficienza.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Simone - 4 settimane fa

    Bremer con due espulsioni da idiota c’è costato altrettante sconfitte prende 6.
    NKoulou 5.
    Qualcosa non torna

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Flower17 - 4 settimane fa

      Per non dire Izzo 5,5 .
      Dare a Bremer 6 fa capire il livello di chi scrive l articolo

      Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy