Torino, la mano di Longo si vede: produzione offensiva cresciuta del +33%

Torino, la mano di Longo si vede: produzione offensiva cresciuta del +33%

Il dato / Incremento di 0,34 punti nell’indice non-penalty xG per il Torino: i granata sono 9° per produzione offensiva in Serie A nel post lockdown

di Nicolò Muggianu

È un Torino più offensivo quello che sta costruendo Moreno Longo. Secondo dati raccolti da Wyscout e rilanciati dall’account Twitter “Calcio Datato”, infatti, la formazione granata nel periodo post lockdown ha fatto registrare un incremento del +33% nel coefficiente non-penalty xG: in parole povere, l’indice che misura la produzione offensiva media di una squadra in un determinato periodo di tempo. Il coefficiente in questione è calcolato con l’ausilio di un algoritmo, che tiene in considerazione una serie di dati statistici quali la qualità e la quantità delle occasioni da gol create da una determinata squadra, il numero di tiri in porta a partita o ancora l’angolo di tiro e la distanza dalla porta avversaria.

IL DATO – Netto il miglioramento fatto registrare dal Torino dalla ripresa della Serie A alla data attuale. I granata hanno infatti migliorato il proprio xG rate di 0,34 punti, passando da 1.03 a 1.37 (+33%). Una crescita che ha permesso alla squadra di Longo di scalare posizioni nella speciale classifica stilata da Wyscout in base alla produzione offensiva del campionato nostrano. Balzo in avanti importante quello compiuto da Belotti e compagni, che sono passati dal 17° posto di fine febbraio (davanti a Spal e Brescia) al 9° attuale (davanti a squadre del calibro di Lazio e Fiorentina).

LONGO – I dati fanno dunque emergere la bontà del lavoro di Moreno Longo che, almeno da questo punto di vista, è riuscito ad incidere in maniera tangibile sulla pericolosità offensiva della squadra. Dal suo ritorno sotto la Mole, l’ex tecnico del Frosinone ha dapprima lavorato sulla solidità difensiva per poi provare – specie nel post lockdown – ad incrementare il potenziale offensivo del suo Torino. Una tendenza, quest’ultima, che è venuta fuori specialmente nell’ultimo periodo con le diverse occasioni da gol create dai granata contro Juventus (4, con 6 tiri in porta) e Brescia (7, con 10 tiri in porta). Nulla di clamoroso, ma pur sempre qualcosa di meglio rispetto al pre-coronavirus.

LEGGI ANCHE: Toro a +7 sulla terzultima: margine rassicurante, ma quel precedente del 2005…

22 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. leggendagranata - 3 settimane fa

    Niente di straordinario: ha adottato finalmente una formula più offensiva, con l’ inserimento di Zaza.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. grenc200_9027882 - 4 settimane fa

    Peccato che anche la media punti in classifica è simile …

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Héctor Belascoarán - 4 settimane fa

      Certo, ha pure meno giocatori oltre aver ereditato una squadra depressa e totalmente da ricostruire… non so, quali altri handicap vorreste dargli per esaltare ancora una volta di più Mazzarri il Grande?

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. grenc200_9027882 - 4 settimane fa

        Non ho esaltato nessuno. Ha 0.5 punti di media a partita.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Héctor Belascoarán - 4 settimane fa

    Ricordiamoci sempre che questo non è il Toro di Longo, questo è ancora il Toro disegnato e voluto da Mazzarri a cui a Longo è stata chiesta una missione (quasi) impossibile: di uscire dalla merda!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Madama_granata - 4 settimane fa

      Pienamente d’accordo!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Bischero - 4 settimane fa

      Ma come? Chiunque con questa squadra farebbe meglio di mazzarri… Cit. E invece….

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Héctor Belascoarán - 4 settimane fa

        Ne sono assai convinto, entrando tra settembre e gennaio , senza regalare nessuno agli avversari chiunque avrebbe potuto fare meglio del Grande Mazzarri… o mi vuoi dire che due sconfitte contro Tacsidis e Rossettini e il record storico di 7 pappine con l’Atalanta sono grandi risultati? A me paiono la Grande depressione in cui ci ha infilati.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. Bischero - 4 settimane fa

          Il fatto che siano tue convinzioni non vuol dire che siano realtà. I numeri dicono il contrario e se una squadra cambia allenatore si presume che ci sia un miglioramento di risultati(cosa che avvenne con il cambio sinisa Mazzarri). L ex allenatore aveva una media di 1.23 punti a partita. Longo 0.77 il resto sono chiacchiere da bar.

          Rispondi Mi piace Non mi piace
          1. Héctor Belascoarán - 3 settimane fa

            Certo, i numeri non dicono che giocavamo malissimo da sempre ma che in più da gennaio eravamo in caduta libera, umiliati con risultati stratosferici a nostro sfavore e, spesso, contro squadre meno attrezzate di noi (lecce,spal)… i numeri non dicono che la “testa” della squadra non c’era più.
            Poi se per te contano i numeri potrai certamente rimanere convinto che l’anno scorso abbiamo giocato un grande calcio e che questa situazione non può essere figlia di quei “risultati”.
            Oggi io a Longo chiedo la salvezza ma se non dovesse ottenerla, visto le premesse sportive, non potrò di certo imputare a lui questa dannatissima stagione.

            Mi piace Non mi piace
          2. Bacigalupo1967 - 3 settimane fa

            Bischero@ non dimenticare che lui i giocatori li guarda negli occhi

            Mi piace Non mi piace
  4. Madama_granata - 4 settimane fa

    Longo, a dispetto di tante critiche, si sta rivelando l’allenatore di cui i nostri giocatori avevano bisogno per ritrovarsi, rialzare la testa,
    tornare ad essere una squadra!
    Buon allenatore, ma anche buon motivatore e buon psicologo!
    Aspettiamo la fine dei giochi, e soprattutto i risultati finali, ma io sono molto scettica nel trovare tra gli allenatori disoccupati e quelli che stanno per perdere il posto altrove qualcuno superiore a Longo, da inserire ed ambientare in particolare a Torino, sponda granata!
    Sulla carta è facile (anche Mazzarri era un nome famoso ed aveva molta esperienza alle spalle!!), ma da lì a sapersi far amare, rispettare, e seguire, e ad ottenere buoni risultati facendoli durare nel tempo, ce ne passa..
    Perciò, se gli attuali di risultati continueranno pian piano a migliorare, e la squadra a seguire di buon grado questo giovane allenatore torinese e torinista, non so proprio perché Longo dovrebbe essere rimosso e sostituito il prossimo anno!
    La promozione la si guadagna sul campo, e per ora Longo sembra proprio potercela fare!
    Cosa potrà dare ed ottenere in futuro con una squadra più sua, più consona alla sua idea di calcio??
    Basta permettergli di dimostrarlo..

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Tororossogranata - 4 settimane fa

      Bisogna pure spendere e comprare giocatori che possono fare aumentare il livello della squadra, e non i soliti parametri bassi o zero.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Madama_granata - 4 settimane fa

        Vero, ma non mi sembra che per Verdi, o Meité, o Izzo, o Zaza, o Nkoulou, ecc.. non siano stati spesi dei bei soldoni!
        L’importante è un allenatore che sappia valorizzare il patrimonio che la società gli mette a disposizione!

        Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. maxgemelli - 4 settimane fa

      A Frosinone glielo hanno permesso, prima in B e poi in A. E difatti si sono visti i risultati. E i giocatori per dare la A li ha scelti lui, altrimenti aveva solo da non accettare.difatti dopo che è stato esonerato, non c’è stata una straccio di squadra che l’abbia cercato. Ne in A ne in B. Allenatore mediocre che si è v definitivamente bruciato. E che farà la fine dei vari Rossi, Lerda e Camolese.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. user-13967438 - 4 settimane fa

    I numeri non mentono: non eravamo la schifezza a cui ci eravamo ridotti prima del blocco del campionato.
    Nel ridurci a quella porcheria di non gioco assoluto furono corresponsabili allenatore e squadra.
    Ora per non tornare nelle pestilenze della zona calda basterà non perdere la partita col Genoa…
    E abbiamo tutti i numeri per farlo.
    Papillon

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Madama_granata - 4 settimane fa

      Signor “Papillon”,
      leggo e molto spesso condivido i suoi “pensieri granata”.
      Dissentirei solo in un punto in merito a questo suo commento.
      “Corresponsabili allenatore e squadra”: io non credo!
      Responsabile fu l’allenatore, e la squadra non lo seguì più, non volle e non seppe più seguirlo, demotivata, delusa, scoraggiata, e in taluni elementi, credo io, anche profondamente offesa!.
      Saluti

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. bertu62 - 4 settimane fa

    Va bene tutto, dato che oggi se vogliono possono analizzare anche quante parolacce vengono dette in campo oppure quanti fili d’erba schiacci completamente oppure a metà, però che vengano considerate anche “l’angolo di tiro e la distanza dalla porta..” beh….
    Diciamo che anche ci fra noi non è dotato di “strumenti” integrati come i Cyborg si è reso comunque conto da solo che dalla ripresa post-lockdown il Toro s’è messo a giocare PIU’ verso la porta avversaria che non la propria! Il fatto che Belotti, ad esempio, stia andando a segno da 5 partite consecutive non è certamente un caso, così come non lo sono le “azioni da gol” che abbiamo potuto vedere in quasi tutte le partite, da poche e timide ad altre molto più numerose e convinte….
    Certo, da questo a dire “SIAMO TORNATI” ancora la strada è lunga, tuttavia è di sicuro quella giusta, ed ancora non sono poi del tutto convinto che cambiare Longo a fine stagione sia una mossa azzeccata: al di la del “Cuore-Toro” sono convinto che Longo non abbia niente in meno rispetto ad un Simone Inzaghi, per dire, e se davvero dovesse lasciare la panchina del Toro allora mi piacerebbe che ne trovasse un’altra subito dopo in A e che dimostrasse il Suo valore, facendo un ottimo campionato…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. pupi - 4 settimane fa

    Tutte cazzate, come si possono fare analisi di questo tipo ora? Questo non è calcio, è un’altra roba. No perché allora dovremmo analizzare la produzione offensiva della Lazio e confrontarla con quella pre lockdown. E l’allenatore è pure lo stesso.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. grammelot - 4 settimane fa

    Per quel che può valere un dato del genere, l’unica positività è che, rispetto al catenaccio vergognoso dell’avvinazzato di Livorno, qualcosa di più si comincia ad intravvedere, a partire dal (speriamo) recupero di un giocatore come Verdi.

    Se penso che quell’incapace, inetto, vergognoso rubaingaggi e rovinagiocatori dell’avvinazzato di Livorno non è stato preso a pedate nel sedere molto, ma molto prima, mi infurio ancora adesso.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  9. maxgemelli - 4 settimane fa

    Zelig…..

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Héctor Belascoarán - 4 settimane fa

      Quello coi baffi?

      Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy