Torino, attacco e tanta corsa: ecco cosa chiede Giampaolo ai terzini

Torino, attacco e tanta corsa: ecco cosa chiede Giampaolo ai terzini

Toro News / Vojvoda, Rodríguez, Singo e Ansaldi: la manovra in attacco dipenderà molto anche dalle loro capacità di propulsione

di Marco De Rito, @marcoderito
torino

Lavoro specifico per i terzini di Marco Giampaolo, a cui il tecnico chiede un lavoro particolare nel proprio scacchiere. Negli ultimi allenamenti si è notato che Mërgim Vojvoda, Ricardo Rodríguez, Wilfried Singo e Cristian Ansaldi hanno svolto degli esercizi dedicati soprattutto a migliorare la condizione atletica. Giampaolo da loro richiede molta intensità durante le gare. La fase difensiva non è tutto nei terzini della difesa a quattro granata e a loro è richiesto molto sprint in fase offensiva, in quanto la manovra in attacco dipenderà molto anche dalle loro capacità di propulsione.

Leggi anche: Calciomercato Torino: Aina, visite mediche col Fulham. La Viola si allontana da Torreira

REPARTO DEFINITO – Si tratta di uno dei pochi reparti già definiti nella rosa granata, anche se le gerarchie le deve ancora stabilire Giampaolo. Probabile che si alternino in base all’avversario che ci sarà di fronte e alla condizione fisica. All’occorrenza anche Armando Izzo è stato impiegato in quel ruolo, nonostante le prime difficoltà di adattamento dell’ex Genoa specie in fase offensiva. Nel gioco dell’ex tecnico del Milan i terzini hanno un ruolo fondamentale in ottica offensiva mentre l’ex Genoa è più portato a curare la fase d’interdizione.

Leggi anche: Toro, il comunicato della Maratona: “Vogliono spettatori-burattini, disertiamo la curva”

LE FASI – Dalle prime uscite in amichevole e negli allenamenti è stato evidente che i terzini di base si occupano della fase offensiva ma poi devono farsi trovare pronti anche in difesa. Il Toro però non dovrebbe correre rischio di essere scoperto nei contropiedi. Nel gioco che sta impostando Giampaolo le mezzali copriranno i terzini mentre stanno effettuando il ripiegamento, che comunque dovrà essere il più rapido possibile. Un lavoro tattico minuzioso quello che sta svolgendo l’allenatore del Torino, volto a preparare la squadra verso l’inizio del campionato e permettere a tutti di arrivare al match contro la Fiorentina nella migliore condizione possibile.

11 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Messere Granata - 2 settimane fa

    Fa piacere leggere anche delle note positive sui nostri giocatori.I giovani hanno bisogno di sostegno e fiducia, e Segre e Singo sono tra i più meritevoli. L’ambiente Granata ha anche bisogno che non venga sempre tutto trasformato in un cassonetto dell’immondizia. Risollevarci diventerebbe impossibile. Va bene stimolare, spronare e anche criticare. Ma senza esagerare. Il Toro non merita di morire per eutanasia. Poveri sì, sfortunati anche troppo, ma ricordiamoci sempre con Orgoglio della nostra Storia e della nostra Identità. Tutti quanti. FVCG.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Toro75 - 2 settimane fa

    Ma Singo in questo momento si sta allenando regolarmente ? O è sempre alle prese con l infortunio alla spalla? Non ho piu letto niente
    Ciao a tutti

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Granata - 2 settimane fa

      L’articolazione della spalla o cuffia dei rotatori è meno complessa solo rispetto a quella della caviglia. Al di là dei tempi tecnici di guarigione ( Marquez fu operato , Singo no, ma ci mise circa 3/4 mesi per guidare bene la moto. Il calcio non sollecita la spalla così ma la coinvolge ) , che non sono brevissimi, capisci da te che , questo infortunio, impedisce un qualsiasi tentativo di corsa. Bisognerà recuperare tono generale, tono sulle fasce muscolari della spalla, quindi trapezio, deltoide, pettorali alti etc etc nonché ritmo di gioco. Siamo a buon punto ma ci vorrà un pochino per ritrovarlo in formissima.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Toro75 - 2 settimane fa

        Grazie per la tua risposta piu che esaustiva

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. Granata - 2 settimane fa

          Figurati, grazie a te. Saluti

          Rispondi Mi piace Non mi piace
      2. marione - 2 settimane fa

        C’è sempre da imparare, anche nelle occasioni più impensate. Grazie della spiegazione

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. Granata - 2 settimane fa

          Figurati @marione. Se uno fa 2 calcoli della serva e considera 4 mesi per un operazione, Singo ci mette circa la metà per tornare al 100.

          Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Marchese del Grillo - 2 settimane fa

    Le foto di Rodriguez e Vojvoda con la maglia del Toro ovviamente vi mancavano, o è perché fa piacere al capoccia vedere quella rossonera di tanto in qua anche qua sopra?
    Vallo a sapere!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. LeoJunior - 2 settimane fa

    Io ho ancora negli occhi la partita di Singo di fine stagione … con Segre è uno di quelli che avranno la fiducia di GP. Potrebbero esplodere. Ha gamba e piedi buoni. Passaggi coraggiosi e veloci. Se, come dice chi lo conosce, ha anche testa e applicazione questo impara cosa fare e ci stupisce

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. FORZA TORO - 2 settimane fa

      speriamo,l’ho seguito con interesse in primavera e raramente ha tradito le attese,ovviamente la serie A è una cosa diversa,speriamo SFT

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Granata - 2 settimane fa

      Ciao @LeoJunior, Segre e Singo sono in una fase in cui vengono inculcate tantissime nozioni e ci vorrà un po’ di tempo perchè siano assimilate. Singo deve imparare 2 cose. Una è dosare l’enorme potenza che ha nel tiro. Due, imparare a calciare il pallone a pelo d’erba potentemente. Se lo farà, e lo farà, credo che il portiere sulla linea, se colpito, raccoglierà la palla in rete. Piega le mani a chiunque !!!

      Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy