Torino, quella col Bologna è una sfida da dentro o fuori: ora non ci sono più alibi

Verso il match / Giampaolo e il Torino si giocano tutto contro il Bologna degli ex Sinisa Mihajlovic e Lorenzo De Silvestri

di Silvio Luciani, @silvioluciani_

Gli alibi sono finiti: il Torino non può più permettersi di frenare. È con questo imperativo che i ragazzi di Marco Giampaolo si presenteranno alla sfida contro il Bologna dell’ex Sinisa Mihajlovic che si disputerà domani alle 12.30. Sarà un incontro ad alta tensione quello dell’Olimpico Grande Torino, con i granata alla disperata ricerca dei tre punti e il Bologna che dopo aver risalito la china ha seriamente rischiato di accumulare la terza sconfitta consecutiva in casa dello Spezia. Due squadre che si sono trovate entrambe in ritiro, che hanno problemi di solidità e una difesa in evidente difficoltà: la posta in palio è molto alta.

LEGGI ANCHE: Le tre sentenze di Roma-Torino 3-1: match condizionato dagli errori di Abisso

NESSUN ALIBI – Nonostante le assenze tra infortuni e squalifiche (a cui si sono aggiunti Ansaldi e Singo) e le scorie che ha lasciato la partita di Roma, in cui il Toro non ha potuto giocare ad armi pari a causa di alcune decisioni arbitrali errate, il Torino può soltanto vincere. La classifica è terribile e vede i granata all’ultimo posto con sei punti in dodici partite, a quattro lunghezze dalla Fiorentina quartultima: non conquistare i tre punti significherebbe ampliare un distacco in graduatoria che si sta facendo sempre più preoccupante.

LE DIFESE – Neanche il Bologna dell’ex Mihajlovic è in forma smagliante però. Il Bologna ha recuperato in extremis la partita al Picco di La Spezia, pareggiando allo scadere dopo essere andato in svantaggio di due reti ed evitando l’inizio di una crisi che verrebbe rimandata solo con una vittoria a Torino. I punti in classifica sono tredici, sei in più del Genoa terzultimo, sette in più del Toro che vincendo trascinerebbe a fondo la squadra di Mihajlovic. I problemi principali sono in difesa: ventiquattro gol subiti, quarta peggior difesa e una striscia di gol subiti durata per 41 partite ed interrotto solo a metà novembre con l’1-0 sul Crotone. Ma non è tempo di fare calcoli: Toro e Bologna hanno l’urgente bisogno di conquistare tre punti.

11 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. cinquantott_13953589 - 4 settimane fa

    Soluzione vincente
    Sì: Milinkovic-Savic Bremer Lyanko Buongiorno Edera Bonazzoli Gojak Segre Lukic
    No: Rodriguez Meitè Linetty Nkoulou Sirigu Izzo Zaza

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Ciccio Graziani - 4 settimane fa

    Ce la possiamo fare con un Gallo cosi, il Bologna e’ in difficolta’, la squadra inizia a stufarsi del tecnico serbo, e’ una grossa occasione

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. NEss - 4 settimane fa

      lo scrivi dappertutto. speriamo tu abbia ragione 🙂

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. rolandinho9 - 4 settimane fa

    Onestamente non posso immaginare partite più facili nel nostro prosieguo di stagione che questa col Bologna attuale che sta senza 8 titolari e ne ha presi 7 questa settimana tra Roma e Spezia. L Entella già L abbiamo affrontato, peggio di questo Bologna in casa non si trova neanche a cercarlo. Questa va vinta senza alibi con qualunque modulo e attore. Pure con Vianni e Belotti la devi vincere senza se e senza ma

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. policano67 - 4 settimane fa

      Partita facile col bologna che ha il doppio dei nostri punti?penso che il rammarico sara del bologna se nn riesce a batterci.siamo la squadra materasso della a noi

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. bordeauxgranata - 4 settimane fa

        @policano67 d accordo con te,vengo tutti a Torino con l idea di vincere e giocano con una scioltezza ed efficacia disarmante, vedi Atalanta,Cagliari e Udinese

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Alfredo - 4 settimane fa

    Titolo, come di consueto, ottuso ed inutilmente enfatico

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. FORZA TORO - 4 settimane fa

    ovviamente l’unico risultato ultile sarebbe la vittoria,anche questa volta come la scorsa,ma come si possa non considerare “alibi” le assenze di due esterni e la fatica di aver giocato pochissimo tempo prima per quasi tutta una partita in dieci,non lo trovo corretto,tutto può influire,tanto più se tra noi e il bologna quelli almeno al momento messi peggio in tutti i sensi siamo noi,non giochiamo mica con una squadra di lega pro…che ora avremmo già dei fastidi

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. loik55 - 4 settimane fa

    No , non può e non deve essere così, con ancora 26 gare da giocare. Si gioca per vincere ovviamente, ma metterla da dentro o fuori, non è vero e non aiuta la risalita, che potrebbe passare anche da un bel pareggio al netto di tutto e poi continuare…
    Altrimenti così si carica un gruppo, già fragile, di paura e tensione per non sbagliare, inoltre se non si dovesse vincere, si da fiato alle peggiori invettive e invito ad alzare bandiera bianca, NO!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. FORZA TORO - 4 settimane fa

      infatti certi titoli sono fuori luogo,sono d’accordo con ciò che dici

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. bordeauxgranata - 4 settimane fa

      Quindi se rimaniamo a 6 punti dopo 13 partite va ancora tutto bene?io direi che sono moralmente obbligati a vincere, perdere vorrebbe dire rendere ancora più drammatica la vicenda

      Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy