Torino, Singo in Primavera convince sempre più: e può fare anche il terzino

Torino, Singo in Primavera convince sempre più: e può fare anche il terzino

Focus On / Il difensore ivoriano sta entrando in confidenza con il calcio italiano passando dal gruppo di Coppitelli, che può contare su un rinforzo importante per il finale di stagione

di Gianluca Sartori, @gianluca_sarto

Allenamenti con la prima squadra, partite con la Primavera: procedono così i primi mesi dell’avventura al Torino per Stephane Singo, il 19enne difensore ivoriano pescato a gennaio dal Denguele D’Odienne. E notando i progressi del ragazzo si può dire che il club granata non ha pescato a caso. Perchè la materia prima a livello tecnico e organico sembra di buona qualità.

QUI L’approfondimento: chi è e come è arrivato a Torino Wilfried Stephane Singo

L’ULTIMO COLPO DI PETRACHI – Singo rappresenta l’unica operazione chiusa dal ds Gianluca Petrachi nello scorso mercato di gennaio, con cui è stata riempita la casella da extracomunitario che rimaneva vuota dalla scorsa estate. La sua ultima sotto la Mole, se il direttore salentino saluterà Torino al termine di questa stagione. Arrivato in Italia a febbraio inoltrato per questioni burocratiche, Mazzarri ha detto di lui cose positive fin da subito, decidendo poi di mandarlo con la Primavera per permettergli di calarsi al meglio nella parte.

FC Internazionale U19 v Torino FC U19 - Serie A Primavera

IN PRIMAVERA – Il primo impatto è stato durante il torneo di Viareggio: quattro partite, di cui due contro avversari di livello inadeguato, che comunque hanno destato buone impressioni fin da subito in Coppitelli. Il difensore, pur venendo convocato quasi regolarmente da Mazzarri per le partite di Serie A, è stato poi aggregato quasi stabilmente alla Primavera, con cui conta al momento dieci presenze. Di lui si ricorda in prima battuta l’ingenuo errore che ha portato al rigore per la Fiorentina nella finale di Coppa Italia di ritorno al Filadelfia. Da lì però Singo si è rialzato in fretta e nelle ultime partite è parso in ascesa: un gol nella sconfitta casalinga contro il Chievo, un’ottima prova contro la capolista Atalanta, e sabato scorsa una bella prestazione in casa dell’Inter, per la prima volta schierato da Coppitelli nel ruolo di terzino destro.

IL FUTURO – Singo, oltre a una prestanza fisica già da calciatore formato che gli permette di fare la differenza con facilità sulle palle alte tra i Primavera, ha velocità e piede destro raffinato per i disimpegni come per i lanci lunghi. Questo gli permette di poter giocare sostanzialmente in tutti i ruoli della difesa. Dal punto di vista tattico pare intelligente perchè i miglioramenti nelle letture si notano a vista d’occhio. Al momento verrà sicuramente aggregato alla Primavera anche nelle prossime partite, specie nel playoff: un difensore così può essere un innesto veramente importante quando la squadra di Coppitelli si giocherà il sogno Scudetto. In estate si deciderà poi il suo destino: probabilmente Mazzarri lo porterà con sè in ritiro per inculcargli altre nozioni, poi si vedrà. Per ora si può dire che Singo pare un giocatore di prospettiva che, se sgrezzato nel modo giusto, può diventare presto all’altezza della Serie A.

 

8 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. ale_gran79 - 1 mese fa

    L’ho visto da vicino solo in occasione della finale di Tim Cup, che a detta di molti è stata la sua peggior partita, ciononostante mi è rimasta una buona impressione perché ha un fisico imponente ma si muove con una discreta agilità.
    Di sicuro prima di giocare in Serie A deve acquisire un po’ di malizia e imparare bene la lingua.
    Se son rose….tra qualche tempo sapremo.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Bischero - 1 mese fa

    Magari mi sbaglio. Ma ha un ottimo futuro davanti a sé. Mi sembra più forte di ferigra. Ha un fisico impressionante e una buona tecnica di base. Vediamo.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. user-14003131 - 1 mese fa

    Forza ragazzo.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Garnet Bull - 1 mese fa

    Godo, alla faccia di chi lo denigrava sin da subito

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. Granata - 1 mese fa

    Bravo ragazzo e buon giocatore. Come base di partenza direi più che buono. Ha solo 19 anni ma è già abbastanza maturo. Lo manderei via SOLO se venisse impiegato con costanza altrimenti meglio tenerlo. Lui Lyanco NKoulou, Izzo Djidji e Bremer direi che il futuro è assicurato visto che arriverà ,fra un campionato, Buongiorno e a seguire Ferigra e Marcos…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. RinoVecchiato - 1 mese fa

      Bonifazi credi verrà usato come contropartita per uno scambio?

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Granata - 1 mese fa

        Credo di si anche se il mercato è fatto da domanda ed offerta. Non rientra nei prodotti del vivaio avendo disputato 1 solo anno in primavera e tecnicamente, pur essendo discreto, spesso ha il vizio di specchiarsi. Lui poi, visti i complimenti di qualcuno, vola con i pensieri….

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. KanYasuda - 1 mese fa

          Vedo che oltre il Presidente conosci benissimo anche Bonifazi.
          Com’era la pizza che ieri siete andati a mangiare insieme ?

          Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy