Toro, a Roma un Belotti a tutto campo: il 2020 comincia nel segno del Gallo

Toro, a Roma un Belotti a tutto campo: il 2020 comincia nel segno del Gallo

Focus on / Due gol, due pali e il solito spirito di sacrificio: a Roma un Belotti efficiente ed efficace come non mai. Mazzarri si gode il suo bomber

di Nicolò Muggianu

Il 2020 comincia nel segno del Gallo. Fuochi d’artificio granata all’Olimpico, nel match che sancisce l’inizio del nuovo anno e del nuovo decennio per Torino e Roma. Ma niente vecchie abitudini per la squadra di Mazzarri, che torna dalla Capitale – sponda giallorossa – con i tre punti: un’impresa che non riusciva al Toro dal 13 maggio 2007. Una vittoria nel segno di Belotti: leader, trascinatore e autore di una doppietta decisiva in una serata magica per lui e per i suoi compagni.

Belotti, heat map di Roma-Torino. Foto da: Lega Serie A
Belotti, heat map di Roma-Torino. Foto da: Lega Serie A

 

 

 

 

 

 

 

I NUMERI – 101 minuti giocati, 4 tiri – tutti nello specchio della porta difesa da Pau Lopez -, due gol (uno di destro e uno di sinistro) e due legni colpiti. Potrebbe riassumersi così, statistiche alla mano, la serata romana di Belotti. Una doppietta che proietta il Gallo a quota 85 gol segnati con la maglia del Torino, al nono posto della classifica all-time della storia granata al pari di Franco Ossola. E che dire poi dei rigori, che da punto debole sono diventati un’arma in più per il capitano granata. Con quello segnato alla Roma sono 8/8 i gol segnati dagli undici metri, in una sola parola: “perfetto”. Ma i soli numeri non sono sufficienti per raccontare la prestazione di Belotti, autore (come evidenziato dalle heat map) di una prova a tutto campo. Sempre nel cuore della manovra, di sostegno ai compagni nel momento del bisogno e implacabile negli ultimi venti metri. Insomma, Mazzarri non potrebbe chiedere di meglio.

LEGGI ANCHE – Le pagelle di Roma-Torino 0-2: Belotti-Sirigu, gli eroi granata son sempre loro

DECISIVO – Mai si era visto quest’anno un Belotti così completo e decisivo, capace di collimare perfettamente grinta ed efficienza realizzativa. La pausa gli è servita per ricaricare le batterie e tornare al top della condizione, dopo che l’infortunio subito contro l’Inter il 23 novembre scorso aveva fortemente condizionato il suo finale di 2019. La parola “sazietà” però non fa parte del vocabolario del Gallo, che nel post partita ha ribadito (LEGGI QUI): “Non voglio fermarmi, ho ancora tanta strada da fare e voglio segnare molti altri gol per la mia squadra“. I tifosi del Torino adesso possono tornare a sorridere: cominciare il 2020 con un Belotti così aiuterà a rendere meno amara una prima parte di stagione ben al di sotto delle aspettative.

5 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Filadelfia - 3 settimane fa

    Partita superlativa ieri sera del Gallo. A mio avviso la migliore da quando è al Toro x qualità. FVCG.. Sempre e solo Fooorzaaaa Toroooo. ♥️

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. MAZZOLAFOREVER - 3 settimane fa

    Ve l’avevo detto! Belotti in questo momento è l’attaccante più forte che abbiamo nel nostro campionato e nella nazionale Italiana.
    Chi dice che Ronaldo è più forte non capèisce un cazzo. Il gallo è molto più giovane e quando il toro è in difficolta ci risolve sempre i problemi(insieme a Sirigu ovviamente,troppo sottovalutati)a contrario di quel vecchio che aspetta sempre i palloni da Dybala,Higuain e Douglas Costa per metterli in rete.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. torracofabi_13706409 - 3 settimane fa

    Belotti è forte, a mio parere il miglior centravanti della serie A e poi ha tutte le caratteristiche del ‘giocatore Toro’ ma, continuo ad essere convinto che viene usato in un modo scriteriato a tutto campo è perennemente a rischio infortunio e non può fare tutte le partite una prestazione come quella di ieri sera…. E quando il voto in pagella sarà 7 e non 9, il Toro vincerà?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. pennina - 3 settimane fa

      belotti è questo, se non corre come un matto a destra e a manca si deprime… è vero che con uno a fianco è limitato ma con due come berenguer e verdi alle spalle va dove lo porta il cuore… ieri comunque davvero mostruoso, non tanto per i due gol ma perché ha sempre difeso alla grande la palla e non ha sbagliato un appoggio…

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. fabio.tesei6_13657766 - 3 settimane fa

    Sta diventando un grande capitano, insieme a sirigu sono il 50% della squadra.

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy