Toro, il Verona per confermarsi: granata a caccia della prima vittoria in casa

Verso il match / La rimonta da 0-3 a 3-3 subita dal Torino lo scorso campionato aprì la crisi della gestione Mazzarri. Oggi, per Giampaolo, quello contro Juric è uno snodo cruciale

di Redazione Toro News

Il Torino va a caccia di conferme. Dopo la vittoria di due giorni fa contro il Parma (la seconda in campionato ndr), la squadra di Marco Giampaolo tornerà durante l’Epifania all’Olimpico “Grande Torino” dove ospiterà l’Hellas Verona di Ivan Juric (ore 15). Quello di domani sarà un altro snodo cruciale per la stagione di Belotti e compagni, chiamati a confermare i progressi mostrati al Tardini con un duplice obiettivo sullo sfondo: dar seguito alla striscia di tre risultati utili consecutivi e provare ad ottenere la prima vittoria casalinga in Serie A di tutta la stagione.

PARMA, ITALY – JANUARY 03: Armando Izzo of Torino (R) celebrates after scoring their sides second goal with Jacopo Segre of Torino (L) during the Serie A match between Parma Calcio and Torino FC at Stadio Ennio Tardini on January 03, 2021 in Parma, Italy. Sporting stadiums around Italy remain under strict restrictions due to the Coronavirus Pandemic as Government social distancing laws prohibit fans inside venues resulting in games being played behind closed doors. (Photo by Alessandro Sabattini/Getty Images)

IN CASA – Dopo aver battuto il Parma e con all’orizzonte il duplice faccia a faccia con il Milan capolista (LEGGI QUI), per il Torino sarà fondamentale portare a casa punti contro l’Hellas Verona. Un compito non facile per i granata, visto che la formazione di Juric è tra le sorprese della Serie A con ben 23 punti raccolti in 15 partite ed un super Zaccagni reduce dal gol vittoria in rovesciata contro lo Spezia. Un avversario che, tra le altre cose, fa riemergere anche qualche vecchia ferita della squadra di Giampaolo che il 15 dicembre 2019 proprio dal Verona subì la clamorosa rimonta da 0-3 a 3-3 al Bentegodi.

RIVOLUZIONE – Certo, da quel giorno la squadra di Juric è cambiata completamente: alcune delle colonne di quella formazione (quali Kumbulla, Pessina o Rrahmani) sono partite nel corso dell’ultimo mercato estivo, anche se – risultati alla mano – la società scaligera è stata altrettanto brava a rimpiazzarli. La missione del Torino in ogni caso non sarà facile: provare a portare a casa punti contro un avversario ostico, che certamente non si limiterà a fare la parte di vittima sacrificale davanti alla necessità della squadra di Giampaolo di continuare a crescere e provare ad ottenere la prima vittoria casalinga in Serie A della stagione.

6 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Ardi - 2 settimane fa

    OT. Guardo altri siti e come da tradizione si leggono di interessamenti del Toro verso sei sette giocatori, tra l’altro la maggior parte dei quali pressoché inutili, eppure , nonostante questo, come sempre arrivano smentite dalle società che hanno il cartellino di questi. Stessa cosa per possibile scambi, tipo zaza, e contropartite varie ed eventuali. Leggo poi che commisso, ad esempio, vuole investire su certi giocatori di qualità a prescindere dalle vendite. Intanto genoa e cagliari si sono già rinforzate il primo giorno di mercato senza tante parole. Per noi La solita storia infinita

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Ezio 76 - 2 settimane fa

    Chi non ricorda Verona Torino dello scorso anno, primo tempo una sola squadra in campo, il secondo tempo, Toro non pervenuto. Un po’ come molte partite del Toro attuale.
    Per questo, sapendo che una rondine non fa primavera, non mi faccio abbagliare dalla vittoria sul Parma. Squadra con molti problemi, che comunque ha evidenziato grossi problemi nella nostra difesa in fase di impostazione. Con il Verona che corre a 1000 e ognuno sa cosa deve fare, rischiamo tantissimo, perché noi riusciamo a creare qualcosa quando i ritmi sono bassi. Questo domani non accadrà, il Verona imporra’ ritmo e pressing e ci metterà in grossa difficoltà.
    Penso che la soluzione domani sia di giocare molto coperti e cercare il contropiede, sperando che non vi siano errori o amnesie in difesa, altrimenti la vedo dura. Cercare il risultato attraverso il bel gioco, come vorrebbe GP, lo rimanderei a tempi migliori, sperando che arrivino.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. iard68 - 2 settimane fa

    Leggo molto ottimismo. Da una parte sono contento… ma di carattere sono realista e, per deformazione professionale, mi fido dei numeri.
    Serie A 2018, 36 punti per la salvezza. 39 nel 2019, di nuovo 36 l’anno scorso. Spesso, negli ultimi 15 anni, ne sono serviti 38, ma (voglio essere ottimista anch’io!) non credo serviranno quest’anno: difficile che solo due fra Spezia, Crotone, Genoa, Parma e ci metto anche il Benevento ne facciano di meno.
    Dunque credo serviranno 36 punti, a noi ne mancano 25! Se arriveranno i tre punti col Verona, a 14, staremo un po’ meglio perché mancheranno 6 vittorie e 4 pareggi da raccogliere in 23 partite (almeno 8 delle quali praticamente proibitive). Potrebbero andar bene anche 5 vittorie e 8 pareggi, potendo però permetterci non più di 8 sconfitte.
    Se andassero molto male tutti gli altri e la quota salvezza scendesse a 36 punti, potremmo perdere una volta in più (e pareggiare una di meno) per entrambe le combinazioni!
    La strada è moooolto lunga.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. olivia - 2 settimane fa

    L’importante e’ che Giampaolo non faccia cazzate e non metta dentro Zaza e Meite.Quando dovesse passare in vantaggio cerchi di coprirsi e non sperperare altri punti dopo i 23 persi in posizione di vantaggio.Al momento deve ancora risolvere il problema del centrale di difesa.Inoltre se e’ un Maestro deve a tutti i costi recuperare Verdi.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. altoro - 2 settimane fa

    Il Verona del tecnico Juric è una formazione assolutamente ostica, tuttavia la compattezza e l’orgoglio dimostrati dalla prestazione collettiva dall’intera squadra nella vittoriosa trasferta di Parma, necessitano di continuità per la conquista di un successo interno che offra nuova linfa all’anemica, naturalmente è un eufemismo, classifica e possa alimentare la fiducia e l’autostima psicologica in ogni elemento della rosa a disposizione del “Professore” Giampaolo. Carica !!! Alè TORO !

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. Tifoso da Malta - 2 settimane fa

    Verso la continuita con umilta’.
    L energia c’e’ e la motivazioni c’e’.
    Aspetto un Toro veloce e incisivo.
    Spirito di gruppo con maturita’.
    Con altri tre punti adesso la situazione migliora tantissimo.

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy