Toro, l’attacco funziona: l’efficienza realizzativa è tra le più alte in Serie A

Approfondimento / Due gol di differenza tra xG e reti realizzate in campionato: l’attacco granata funziona

di Silvio Luciani, @silvioluciani_

Fino a quando Giampaolo avrà Andrea Belotti a disposizione, non dovrà preoccuparsi più di tanto della fase offensiva del Toro. Per quanto prodotto nei pressi dell’area avversaria, infatti, il Torino meriterebbe qualche punto in più in graduatoria. I numeri dell’attacco, quindi, sono sostanzialmente in linea con le aspettative: basta valutare la differenza tra xG e gol realizzati per capire quanto il reparto offensivo granata sia stato efficiente nelle prime sette giornate di questo campionato. Belotti e compagni sono andati addirittura oltre le attese statistiche e il bilancio complessivo parla di due gol in più rispetto a quanto calcolato dal modello di xG fornito da Wyscout. Come già spiegato in un precedente approfondimento sulla difesa, infatti, Il valore degli expected goals (xG) viene calcolato su una serie di statistiche che misurano la pericolosità delle occasioni da gol (in questo create): dal tipo di assist, alla distanza del tiro, passando per la modalità della conclusione.

PRECISIONE – Le squadre più efficienti del Torino sono 7 (Sassuolo, Atalanta, Spezia, Napoli, Cagliari, Sampdoria e Genoa) ma sul dato complessivo sulla pericolosità dei granata va fatta un’ulteriore considerazione. Errori clamorosi sotto porta, come quello di Verdi contro la Lazio, generano un valore di xG molto alto. Viste le tante occasioni sciupate dal Toro tra Sassuolo, Lazio e Genoa, vuol dire che i goal realizzati (rigori esclusi) erano ancora più statisticamente difficili. I granata, come testimoniato dal rapporto tra conclusioni e tiri in porta (62/34), stanno trovando la porta con una certa frequenza: solamente contro la Fiorentina (come mostra il grafico proposto da Calcio Datato) il numero di goal segnati è stato inferiore rispetto alla pericolosità delle occasioni create.

LEGGI ANCHEBaselli “vede” il rientro: nel rombo di Giampaolo può fare tutti i ruoli

3 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Thor - 1 settimana fa

    Mi sembrano le statistiche del pollo di Trilussa. La verità è che stiamo precipitando in un baratro e se non si cambia rotta di queste belle statistiche non ce ne facciamo una beata m¥nkia.
    Io le impressioni le raccolgo guardando come giocano i nostri. E invece di sputare numeri preferisco urlare “forza Toro!!!!!!!!!” da decenni. Non toglietemi le vecchie abitudini.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. BiriLLo - 1 settimana fa

    Mai vista un involuzione difensiva come la nostra.
    Il riferimento sono gli interpreti.
    Quel Izzo a cui credevo molto, N’koulou..
    Temo siano uno tra i difetti societari.
    Persino Sirigu, uno dei più grandi portieri italiani, è in crisi.
    Non avendo creato strutture, fisiche e umane (a parte Moretti e Bava che resiste in primavera), cosa abbiamo da dare se non la mediocrità a chi ambirebbe oltre?
    Lo stimolo.
    Izzo può andarsene, ieri.
    Ma se ieri avesse avuto certezze di vittoria?
    Zaza.. Capitolo a parte.
    Incomprensibile. Buona fisicità e tecnica, troppa aggressività, pessima precisione.
    Blindato, fino al 2024?..
    ..
    Siamo al San Belotti, solito, eterno, e ai Bremer Singo, al riscoperto Lukic.. Ottimi..
    Me il centrocampo che che ci avrebbe trasformato, dov’è?
    Ma vendete sti tre alieni il prima possibile e completate un centrocampo decente.
    Ma per favore.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. BiriLLo - 1 settimana fa

      Gli alieni… Zaza, Izzo, N’koulou..
      Mica gli altri eh!

      Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy