Toro News
I migliori video scelti dal nostro canale

IL TEMA

Toro ottavo secondo gli “expected points”: serve più precisione sottoporta

Toro ottavo secondo gli “expected points”: serve più precisione sottoporta

Il Torino di Ivan Juric, secondo le statistiche, dovrebbe essere in ottava posizione della classifica di Serie A

Cecilia Mercatore

Così come riportato a inizio ottobre, anche dopo la dodicesima giornata di Serie A il Torino dovrebbe avere più punti di quelli che ha ottenuto finora in campionato. Secondo la classifica basata sul modello degli expected points (xPTS) riportata sul sito di statistiche understat.com, che mette in evidenza il numero di punti che una squadra avrebbe dovuto conquistare in base alle prestazioni offerte, la formazione granata di Ivan Juric dovrebbe avere in media +3.79 punti rispetto a quelli raccolti finora (14), occupando di conseguenza l'ottava posizione della classifica anziché la dodicesima.

NUMERI - I numeri riguardanti gli expected goals against (ossia i gol che si sarebbero dovuti subire secondo la pericolosità delle situazioni create dagli avversari) e gli expected goals (i gol che si sarebbero dovuti realizzare) offrono una chiave di lettura più approfondita. Difatti il Torino finora ha subito 12 gol e ne ha realizzati 15, ma secondo le statistiche sarebbero dovuti essere in media 12.26 quelli incassati e 16.51 quelli messi a segno. Per quanto riguarda il primo dato non c'è una scollatura tra la teoria e la realtà, e ciò significa che il Torino ha subito sostanzialmente i gol che "doveva" subire, senza responsabilità particolari di difesa e portiere. C'è invece uno scarto per quanto riguarda gli expected goals, e dunque - per la pericolosità delle azioni create - gli attaccanti del Torino hanno avuto meno precisione sottoporta di quella che sarebbe stata necessaria. Le statistiche viste nell'articolo ci lasciano immaginare un Toro con diverse lacune sotto porta, il che ha portato a punti persi in partite nelle quali per quanto fatto in campo la vittoria - ad esempio contro Lazio e Venezia - o il pareggio - contro Napoli o Milan - sarebbero stati risultati più coerenti con quanto prodotto dalle forze in campo.