Toro, per Verdi un ritorno al piccolo trotto. Verso il derby Berenguer lo insidia

Toro, per Verdi un ritorno al piccolo trotto. Verso il derby Berenguer lo insidia

Focus on / Contro la Lazio il rientro dal primo minuto è stato deludente, ma Longo deve cercare di recuperare anche lui

di Redazione Toro News

Passerà anche dalle prestazioni di Simone Verdi la salvezza del Toro. Proprio l’attaccante ex Napoli, arrivato in estate come ciliegina sulla torta di una squadra con ambizioni europee, dovrà ora riscattare una stagione deludente contribuendo al mantenimento della massima serie. Ma la partita con la Lazio ha detto che Verdi non ha ancora il ritmo partita nelle gambe e dunque, in vista del derby contro la Juventus, è tutto da verificare che possa mantenere un posto negli undici titolari, considerando che Berenguer contro i biancocelesti ha giocato solo la mezzora finale.

LEGGI: Torino sette volte rimontato: da inizio anno sono 19 punti persi

FLOP LAZIO – Contro la Lazio il numero 24 ha giocato la prima da titolare dopo la ripresa, al rientro dalla lesione muscolare che lo ha tenuto lontano dai campi per qualche settimana. Il recupero è stato più veloce del previsto, ma la condizione fisica non è ancora all’altezza. E la prova con i biancocelesti è stata sicuramente scialba. Solo 14 passaggi positivi in 59 minuti di gioco (Berenguer ne ha messi a segno altrettanti in 31 minuti), nessun dribbling tentato e un’ammonizione piuttosto inutile. Verdi in campo si è visto pochissimo. Contro i biancocelesti il fantasista aveva comunque un’attenuante: rientrava da un infortunio ed è stato schierato tra gli undici di partenza anche perché Berenguer non era al meglio della condizione. Ma da lui ci si aspetta più personalità e più voglia di calamitare palloni.

LEGGI: Rampanti: “E’ un Torino troppo timoroso. E se fanno paura anche i colpi di testa...”

LA QUALITÀ – Anche perchè il Toro ha dimostrato di avere poca qualità da un punto di vista tecnico e non potrà non fare affidamento su uno dei giocatori di maggior classe. E Verdi in estate è stato acquistato proprio per questo motivo: portare qualità sulla trequarti, legando centrocampo ed attacco. Così non è stato, fino a questo momento. Ma ora servirà un’inversione: il numero ventiquattro dovrà farsi vedere di più, prendendosi la responsabilità di provare le giocate. Il Toro non può più aspettare: adesso c’è bisogno del miglior Verdi, quello dell’ottima stagione di Bologna.

18 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Daniele abbiamo perso l'anima - 1 mese fa

    Verdi e Zaza : Chi ha fatto più danni ?
    Questo sì che sarebbe un sondaggio dall’esito incerto.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Daniele abbiamo perso l'anima - 1 mese fa

    Verdi e Zaza : Chi ha fatto più danni ?
    Questo sì che sarebbe un sondaggio dall’esito incerto.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Emilianozapata - 1 mese fa

    Dicono che il “ragazzo” sia condiziobato dall’enormita’ spesa per averlo al Toro. Si vede che è conscio di vslere meno di un decimo di quella cifra. Purtroppo pare non gli pesino i poco meno di due milioni che percepisce all’anno. Peccato, perché se fosse il contrario basterebbe tagliargli lo stipendio per vederlo fare il suo lavoro.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. grammelot - 1 mese fa

    Caspita!

    Sarebbe come dire che c’è un asino che insidia un mulo per avere l’onore e l’onere di portare il basto.

    Redazione, per favore, per stasera basta, ne abbiamo le palle piene.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. GlennGould - 1 mese fa

    Anche?
    E chi sarebbero gli altri che ha recuperato?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. ALESSANDRO 69 - 1 mese fa

    Quello dell’ottima stagione di Bologna lo stanno ancora aspettando anche a Napoli…..Altrimenti sarebbe rimasto là……

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. Il_Principe_della_Zolla - 1 mese fa

    Lotta tra titani!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. user-13658761 - 1 mese fa

    Tra verdi e Zaza nn ti accorgi di averli in campo

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  9. user-13967438 - 1 mese fa

    Verdi è un giocatore calcisticamente inutile anche in una fase di stagione dove giocando a ritmi blandi pure Meïtè sembra tornato un giocatore.
    Era meglio se stava infortunato più a lungo, guarendo verso ferragosto o giù per lì.
    25 birilli per questo paracarro: non ci ha resi migliori, nè lui ha indovinato qualcosa di buono.
    Papillon

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  10. Mik - 1 mese fa

    Verdi insidiato da berenguer…mhhhh
    Metteteci magari dentro che uno di sti 2 insidia pure zaza. Ah ah ah…che insidie! Di 3 non ne fanno uno. Anche solo uno come Ezio rossi avesse avuto sti 3 dietro ad insidiarlo si sarebbe fatto 2 grasse risate e avrebbe giocato sempre titolare. Pure le amichevoli!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. ALESSANDRO 69 - 1 mese fa

      Averlo oggi uno come Ezio Rossi…..

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Mik - 1 mese fa

        Rossi….Rossi….Rossi, ad avercelo oggi un presidente come Sergio Rossi. Ad avercelo oggi un giocatore come Ezio Rossi. Eppure ai tempi con una piazza abituata bene con i Pianelli e i Junior, ci si poteva permettere di contestare o fischiare certe figure. Oggi ad averceli, ci leccheremmo pure le dita dei piedi. Questo la dice molto lunga sull’operato del giornalaio in sti 15 anni, ooooh se la dice lunga!

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  11. Madama_granata - 1 mese fa

    BERENGUER 5.5: gioca prima come trequartista, poi come esterno, poi di nuovo trequartista. Nelle fasi finali, quando il Torino prova a riversarsi nella metà campo biancoceleste, orchestra diversi palloni ma non supera il muro di Acerbi e compagni. Meglio di Verdi, ma nemmeno lui è incisivo: qui le su

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Madama_granata - 1 mese fa

      Scusate, ho dovuto sospendere.
      Ho fatto “copia e incolla” della pagella redatta da ToroNews due giorni fa.
      Stesso voto (5½) e più o meno stesso giudizio per Edera.
      Verdi: “recupero veloce, ma condizione fisica non ancora all’altezza. E adesso c’è bisogno del miglior Verdi”, recita infine questo articolo.
      Su chi potrà mai fare affidamento Moreno Longo, soprattutto per una partita come il derby??
      ” A l’é bin ciapà chiel, ma e soma bin ciapà co’ noi”!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Madama_granata - 1 mese fa

      Scusate: io accetto tutti i (-) che volete, ma qui non li avete dati a me, ma alla Redazione “ToroNews”
      Il (-3) era un “copia & incolla”!
      Solo qui di seguito il mio commento!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  12. dennislaw - 1 mese fa

    L ho scritto e lo ripeto: se c è uno che ha avuto molte occasioni ma ha dimostrato di essere,al di là dellabuona volonta un modesto giocatore è Berenguer. Con lui ,ma meno utilizzato, Edera. Dentro , motivandoli, Verdi e Zaza con Belotti. E poi pressing ,accidenti, almeno a centrocampo. Se difendiamo in area con la Juve che ha buoni tiratori da fuori ne ptendiamo mezza dozzina.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. loik55 - 1 mese fa

      tutto vero, ma quanto puoi durare a pressare alto e soffocare il gioco? il genoa infatti il primo tempo li ha tenuti, poi come le maglie si allargano leggermente arrivano le giocate… Speranze di punti al minimo statistico, servirebbe una prova muscolare eccelsa e tanta buona sorte!!!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. iugen - 1 mese fa

      A me Berenguer l’anno scorso non dispiaceva affatto, lo preferivo pure a Falque, ma soprattutto perché più adatto al gioco di Mazzarri. Quest’anno è ritornato nella mediocrità come tanti altri, e sta dimostrando che in una squadra che fatica non può essere lui quello che fa la giocata vincente. Buon giocatore in un sistema che funziona ma niente di più. In una situazione così uno come Iago sarebbe stato più utile. Verdi ha dimostrato in carriera più colpi, ma al Toro non si sono mai visti. Zaza anche ha un pedigree migliore,, e io ho l’ho sempre difeso, ma in queste partite non ha fatto niente

      Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy