2016 Review, marzo: la doppietta di Cerci e il derby perso 1-4

Il resoconto annuale / Un solo punto in tre giornate per la squadra di Ventura che viene rimontata dal Genoa e perde il derby in casa. L’unico punto conquistato dai granata un 1-1 casalingo contro la Lazio

Marzo 2016 non è stato un mese molto roseo per il Toro: due sconfitte e un pareggio in tre partite e la bruciante sconfitta al derby a chiudere il filotto negativo dei granata.

Il 6 Marzo il Torino affronta in casa la Lazio con tanta voglia di riscatto dopo l’ultima sconfitta rimediata a San Siro contro il Milan di Mihajlovic. La partita nei primi 45′ è dominata dai ragazzi di Ventura che passano in vantaggio al 12′ con un gol di “rapina” di Belotti. Appena 9′ dopo lo stesso attaccante viene steso in area da Parolo ma Immobile fallisce dal dischetto il possibile 2-0 granata che avrebbe indirizzato il match a favore del Toro. Nella seconda frazione di gioco il Torino subisce il ritorno della Lazio che pareggia con Biglia al 78′ su un rigore causato da un fallo di Molinaro. L’1-1 sarà anche il risultato finale di una partita in cui il Toro avrebbe obbiettivamente meritato di più.

Il match successivo la squadra di mister Ventura va a Marassi per giocare contro il Genoa. Il Toro parte alla grande: doppietta di Immobile al 3′ e al 14′ e partita che sembra chiudersi anticipatamente. I granata però, troppo appagati dal doppio vantaggio in avvio, riescono a farsi rimontare clamorosamente dai rossoblù. Complici due gravi distrazioni difensive, il Genoa trova il 2-2 prima dell’intervallo con una doppietta dell’ex Torino Cerci su rigore.  Al 66′ la rimonta genoana è servita grazie a un gol di testa di Rigoni che non lascia scampo a Padelli.

La partita che però è meglio impressa nella mente dei tifosi è senza dubbio il derby giocato il 20 Marzo e perso 1-4 dal Toro. Nel match in questione, la Juve passa in vantaggio al 33′ con una magia di Pogba su punizione e raddoppia con Khedira 9′ dopo con la difesa granata che assiste immobile all’incursione del tedesco. Dopo la pausa il Torino però rientra in campo con un piglio completamente diverso. Al 48′ Bruno Peres viene steso in area da Alex Sandro, già ammonito, che non viene inspiegabilmente espulso da Rizzoli scatenando le proteste del tifo granata. Dal dischetto si presenta Belotti che non sbaglia. Pochi minuti dopo il Toro trova il pareggio con un gol di  Maxi Lopez annullato dall’arbitro per un fuorigioco che si rivelerà inesistente. Da quel momento la Juve riprende in mano il match e lo chiude con Morata che con una doppietta definisce il 4-1 finale.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy