Video – Il Torino e il differente utilizzo del VAR: il precedente contro la Fiorentina

L’AIA faccia chiarezza: quando gli episodi dubbi vanno verificati e quando no?

Il giorno dopo Torino-Roma, a mente fredda, si può discutere o meno sulla sussistenza del fallo da rigore per quanto riguarda il contatto Fazio-Falque, seppure lo spagnolo del Torino faccia notare che non c’era motivo per decidere di simulare un fallo a tre metri dalla porta spalancata. Il punto è un altro: oltre al merito, si deve riflettere anche sul metodo della decisione e qui non si può che tirare in ballo l’utilizzo della VAR.

La presa di posizione del Torino è stata netta: il club granata ritiene di aver subito una differenza di trattamento per quanto riguarda l’operatività della tecnologia. Solerte nel segnalare all’arbitro il fuorigioco di Aina (che in effetti c’era, seppur di poco) sul gol di Iago Falque, silente in occasione del rigore reclamato dallo spagnolo. A tal proposito, per allargare il campo della riflessione, c’è da segnalare un altro episodio recente che ha visto protagonista il Torino: accade nel match casalingo contro la Fiorentina del 18 marzo scorso. Si tratta del rigore fischiato dall’arbitro Gavillucci (var era Chiffi) per mani del granata Ansaldi al minuto 47 della ripresa. Come noto, il penalty fu poi trasformato da Thereau, che regalò i tre punti ai viola.

Anche qui, il focus non vada sulla sussistenza del rigore (giusto assegnarlo) ma sulla dinamica che ha portato alla decisione. Gavillucci in presa diretta non vede il mani; proteste vibranti della Fiorentina in primis con l’allenatore Pioli, che chiede di verificare al video (come si evince dalla telecronaca Sky); il var Chiffi rivede l’azione, segnala via audio l’episodio dubbio, e dopo circa un minuto il primo arbitro va al video e si ravvede fischiando la massima punizione. Perchè in quel caso l’episodio dubbio fu segnalato e rivisto, e quello di ieri (perchè il contatto Fazio-Falque, dubbio lo è sicuramente) no? Se l’arbitro Di Bello ieri avesse confermato la sua decisione dopo averla verificata al video, avrebbe potuto sostenere in serenità di non aver commesso un chiaro errore tale da sovvertire la sua decisione, come richiede il protocollo VAR.

Dunque sorgono diversi interrogativi: perchè Mazzarri è stato cacciato mentre Pioli fu ascoltato? Come spiegare alla gente che non tutti gli episodi dubbi vengono verificati al video? Aggiungiamo: non si era detto che le immagini a disposizione dell’arbitro sarebbero state proiettate anche ai maxischermi dello stadio? C’è ancora spazio, insomma, per fare chiarezza sull’applicazione di una tecnologia utilissima come la VAR.

29 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. user-13966399 - 1 anno fa

    la VAR va utilizzata quando può essere utile ad una delle cosiddette grandi, in caso contrario zitti e mosca.È, e rimane, a discrezione dell’arbitro favorire chi gli pare, e noi non saremo mai tra quelli!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. christhrash 68 - 1 anno fa

    VAR o non VAR , a noi ci inculano sempre lo stesso !!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. bepmerlo4_759 - 1 anno fa

    Di Bello poco prima non ha visto un chiaro fallo di Manolas sul Gallo e nella stessa azione ha fischiato un fallo inesistente di Falque. C può stare anche gli arbitri possono essere stanchi o errare. Quello che non ci può stare e’ la mancata verifica col VAR, cheinnanzitutto deve assegnare la regolarità delle decisioni e non decisioni per gli spettatori. Il non farlo e’ segno di arroganza, così il come determinare il recupero e segretarlo alla visione degli spettatori. VAR , criteri oggettivi per determinare il recupero, visione del VAR al pubblico sono il segnale della trasparenza dopo decenni di giustificati dubb.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. redman - 1 anno fa

    E’ evidente che il VAR usato così, a totale discrezione dell’arbitro, non introduce alcun valore aggiunto per arrivare ad una regolarità delle gare. I nostri dirigenti, ma anche quelli delle squadre “normali” come la nostra, dovrebbero spingere verso l’obbligo di concedere agli allenatori la facoltà di richiedere il VAR un certo numero di volte nei 90 minuti (ad es.: due). Inoltre il tempo si dovrebbe fermare in queste occasioni, troncando così i dubbi di speculazione su di esse.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. ddavide69 - 1 anno fa

    La realtà è una sola : che nel 90% dei casi quando un episodio dubbio è a nostro favore si controlla e nel caso opposto invece no.

    Bisognerebbe riflettere su questo . Le statistiche servono a questo. Quando si va in lega o in tv a raccontare queste cose si puo’ andare con dati oggettivi .

    Se è vero che episodi a favore o a sfavore capitano a tutte prima o poi , non si puo’ confutare la realtà dove per anni ,sistematicamente a fine stagione ci si trova ad aver subito piu’ torti che favori.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. bric - 1 anno fa

    sono d’accordissimo con la disamina fatta da madamagranata, bertu etc..però anche yago mi è parso un po troppo sufficente, leggero con poca cattiveria agonistica, in quell’occasione.. peccato. il grande mondonico
    diceva che i punti che si hanno a fine campionato son quelli che si sono meritati….

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. Esempretoro - 1 anno fa

    Tutto giusto,l’episodio andava rivisto,ma a mio parere il momento dell’eventuale sbilanciamento era comunque difficile da cogliere con chiarezza. Ciò basterebbe a rientrare nella casistica degli “errori non evidenti”.
    Come ho già detto in un post precedente non la penso come chi afferma che il protocollo è fatto male…è fatto benissimo (per loro) perché garantisce una discrezionalità ai fenomeni. Se non fosse così l’idea di “mutuare” col tennis la richiesta esterna della verifica avrebbe trovato accoglimento. Ma così non sarà,essere pescati con le mani sul malloppo è un prezzo che la lobby dei potentati non intende pagare…fanno bene a far presente che le differenze si capiscono,almeno non si passa da imbecilli.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. rogerfederer - 1 anno fa

    In una testata giornalistica ci stanno gli”Editoriali” che sono OPINIONI di chi scrive e poi ci sono i FATTI che consistono nell’andare a scovare notizie o situazioni che possono essere interessanti per i propri lettori.

    A mio parere l’Editoriale di stamattina era sacrosanto ed esortava, secondo il parere ( opinabile ci mancherebbe ) del giornalista, soprattutto l’allenatore a non fare subito ALLA PRIMA GIORNATA E ALLA PRIMA SITUAZIONE CONTROVERSA, una piazzata alla Mihajlovic facendosi buttare fuori ( rimediando sicura squalifica per San Siro ) DOPO AVER LUI SI ( non il giornalista ) PREDICATO PROFILO BASSO E PENSARE SOLO a LAVORARE PER TUTTA L’ESTATE.Se tanto mi da tanto allora al prossimo Derby che farà ? Tanto lo sappiamo già cosa succede…per cui sarà meglio che impari a controllarsi.

    La società invece ha fatto bene a lamentarsi nei modi garbati ma fermi di Petrachi.

    L articolo qui sopra è invece una perfetta descrizione di situazione tecnica in parallelo che serve come esortazione alla Direzione Arbitri per Direttive più stringenti.

    Poi i tifosi( compreso me ) hanno il sacrosanto diritto di incazzarsi,
    ma per fortuna gli addetti ai lavori un minimo di distacco obiettivo
    è corretto che lo mantengano altrimenti….

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  9. renato - 1 anno fa

    Nel sottotitolo ci si chiede quando gli episodi dubbi vadano verificati. La risposta è semplicissima: SEMPRE, altrimenti aggiungiamo alla tipica discrezionalità degli arbitri un’ulteriore discrezionalità della tecnologia. Il VAR ha come fine ultimo quello di diminuire la discrezionalità, non quello di aumentarla!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  10. Glik hard core - 1 anno fa

    tranqui asesso si va san siro così la redazione si sveglia dopo , tranqui vedrete che schifo , poi si sveglierà la redazione è inziata la s erie a delle ricche e potenti

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  11. Glik hard core - 1 anno fa

    eravate umili ieri aredazione umili verso il “servo” di quelli che devo per forza fare i signori , quando tutti hanno capito solo voi arrivate adesso come mai bisogna protestare sempre bisogna a tutti i costi portarsi avanti e smettete di fare i fighi per forza e fate un po di + i tifosi

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  12. JoeBaker - 1 anno fa

    Se dopo tutto quello che ci fanno passare non possiamo almeno alzare la sedia ogni tanto…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  13. Mario66 - 1 anno fa

    Sono contento che la redazione si sia accorta (con ritardo) della disparità di trattamento (vedi partita contro fiorentina) ma prima di affermare certe cose (Sartori) occorre documentarsi. Il TORO subisce già tante ingiustizie giornalistiche che basta così.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  14. Toro71 - 1 anno fa

    A prescindere dal rigore non dato al Toro bisogna complimentarsi con la squadra che per 89 minuti ha giocato alla pari con la Roma che l’anno scorso ha sfiorato la finale di Champions League. F.V.C.G.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  15. user-13719128 - 1 anno fa

    Ieri in tv dicevano che il var interviene solo in caso di errore evidente. Nel caso di Iago (secondo loro )non era necessario. MA ALLORA SIAMO ANCORA AI TEMPI DI MOGGI! !!!!!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  16. robert - 1 anno fa

    Volete scommettere se al posto del Toro ci fosse stata la Juventus non avrebbero guardato il Var sul gol di Jago e avrebbero invece guardato il Var sulla spinta a Jago in area di rigore ?Non avete ancora capito che gli arbitri italiani indirizzano le partite come vogliono loro seguendo le direttive che vengono dall’alto ?Domenica contro l’Inter succederanno le stesse cose accadute contro la Roma e saremo ancora qui a lamentarci.E’ già stabilito a tavolino chi dovrà vincere anche quest’anno il campionato.Indovinate chi ?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  17. bertu62 - 1 anno fa

    IO SONO ANCORA INC**TO!!! E lo sono per 2 motivi:
    1) L’articolo di Sartori, apparso poche ore fa proprio qui, in cui in buona sostanza di dice che è sbagliato lamentarci e che oltretutto si sono usati toni troppo “alti”
    2) Come giustamente evidenziato in questo articolo, non è tanto il fatto che la VAR abbia annullato il nostro Gol (fuorigioco millimetricissimo, ma sempre fuorigioco è…) quanto per il fatto che sia stata utilizzata AD MINCHIAM piuttosto che AD PERSONAM!!!
    Sul primo punto, DISSENTO completamente: non solo ribadisco che lamentarsi è stato giustissimo (tanto se non lo facciamo, come in passato, cosa cambia? Nulla, come in passato ed al presente, chiaramente!!!) ma sottolineo che ci si è lamentati TROPPO POCO! Cairo dovrebbe andare in FIGC e sbattere i pugni sulla scrivania del “commissario” (pensate come siamo messi, oltretutto: FIGC commissariata, calendari che non si capiscono neppure quando partono e di quante squadre sono composti…) GRIDANDO COME UN PAZZO! Dice di aver investito un sacco di soldi (e sarà anche così, non è contestare o meno questa affermazione il punto in questione) e allora DIFENDI IL TUO INVESTIMENTO! CI DEVONO TRATTARE COME GLI ALTRI! BASTA DISPARITA’!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. André - 1 anno fa

      Giusto!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  18. sysma_558 - 1 anno fa

    Articolo perfetto….. concordo al

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  19. marcocalzolari - 1 anno fa

    Io sto con Mazzarri.
    Devono smetterla di considerarci un club di serie B.
    Nella protesta del Mister ci vedo questo, ci vedo il pugno di Giagnoni a Causio e la voglia di ribellarsi ai torti, perché non importa che ieri ci fosse davanti la Roma, ieri il Toro ha fatto una gran partita e meritava di vincerla.
    Sempre Forza Toro!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  20. Madama_granata - 1 anno fa

    Perfetto l’articolo. Tutto esatto.
    Ma come farebbero, se la Var risolvesse equanimamente tutti i casi dubbi, i signori arbitri a distribuire “aiutini” agli squadroni in difficoltà? O a chi è loro più simpatico?
    Senza essere malpensanti, ovviamente! Senza neppure immaginare che qualcuno di loro potrebbe fare favoritismi x interessi personali! Infatti, nel recente passato, non si sono MAI SCOPERTI intrallazzi del genere!
    Tutti candidi ed integerrimi, i signori arbitri. Al massimo trattavasi solo di errori “umani”, fatti in buona fede!
    Già, ma se ora usiamo proficuamente ed equanimemente la Var, che fine faranno codesti “errori umani, insieme alla buona fede”, quali scappatoie a cui potersi appellare?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. bertu62 - 1 anno fa

      APPLAUSI!!!!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  21. parodifran_268 - 1 anno fa

    Io condivido l’articolo di stamattina nella parte che evidenzia le cose buone fatte dai ragazzi e da Mazzarri, che, lasciatemelo dire, ha stravinto tatticamente la gara.
    E che se non avesse dovuto fare due cambi per infortunio, forse l’avrebbe anche portata a casa nel finale.
    Non condivido quando parla di polemiche inutili.
    Il Torino è una società che se vuole crescere deve far sentire la sua voce, perché questi non sono certo i primi episodi a sfavore, come ha detto anche Petrachi, e perché quelli di ieri sono punti buttati che alla fine avranno un peso.
    Adesso basta

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  22. GlennGould - 1 anno fa

    Ma infatti, se ciò che voi scrivete, fratelli di virus, evidenzia fatti ingiusti, ancora più ingiusto è che un giornalista,stamane,scriva qui quanto sia sbagliato polemizzare per decisioni che ci hanno danneggiato e che, come ben paragonAte a fatti simili precedenti,siano per noi ancora peggio.
    Se è già pesante lottare con ingiustizie sportive, leggere su una testata amica che è sbagliAto difendersi esternandole, è più pesante ancora. Questo è il mio parere.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. JoeBaker - 1 anno fa

      Concordo!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  23. parodifran_757 - 1 anno fa

    E comunque, il rigore assegnato al Sassuolo non mi sembra più netto di quello su Iago, che poi, non aveva alcun vantaggio nel simulare a 3 metri dalla porta spalancata.
    Resta una grande prestazione, contro una semifinalista della scorsa Champions League, con i giovani Aina, Bremer e Meite in campo.
    Grande fiducia per il futuro

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  24. user-13943727 - 1 anno fa

    Vorrei aggiungere anche, sempre contro la Fiorentina(l’anno scorso} la spintarella (simile a quella di ieri) di Barreca a Chiesa subito sanzionata con rigore ed espulsione del difensore.
    MA IL TORO STA IN QUEL POSTO A TUTTI GLI ARBITRI???

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  25. parodifran_794 - 1 anno fa

    Il punto è proprio questo: perché l’arbitro non ha controllato al Var se quella su Iago è una spinta da rigore? Di chi è la colpa?
    Mazzarri protesta e chiede giustamente che l’arbitro lo vada a vedere, perché come ha detto Petrachi in certi contesti basta una spintarella o un leggero contatto per perdere l’equilibrio e la possibilità di segnare.
    Mi ricordo le proteste di Pioli, le stesse di quelle di Mazzarri, perché due pesi e due misure?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  26. GlennGould - 1 anno fa

    Articolo che condivido, antitesi di quello del vostro Sartori pubblicato stamattina. Quale dei due descrive la linea editoriale? Sono certo che in molti fra i vostri lettori, me compreso,vorrebbe saperlo.

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy