Calciomercato, Toro-Bonaventura c’è feeling: se ne parlerà a emergenza finita

In entrata / Il centrocampista del Milan dopo sei stagioni in rossonero è prossimo ai saluti, essendo in scadenza

di Andrea Calderoni

In questi giorni così travagliati si fa fatica a parlare di calcio, figuriamoci di calciomercato. Non per questo si deve nascondere che società ed agenti stiano iniziando a impostare le prime idee di mercato, pur con tutte le incertezze dovute al contesto. E a tal proposito si può dire che sul taccuino granata c’è un nome illustre, si tratta di quello di Giacomo “Jack” Bonaventura. Il rinnovo con il Milan è lontano, come abbiamo già detto negli scorsi giorni su Toro News. Bonaventura e il suo entourage, guidato dal procuratore Mino Raiola, stanno sondando il campo, sfruttando anche questi giorni di stop forzato delle attività agonistiche. Una delle piste più calde, al momento, è proprio quella granata, tanto che le parti, reciprocamente interessate, si sono date appuntamento più avanti.

CENTROCAMPISTA GOLEADOR – Il giocatore classe 1989 è legato da sei stagioni a questa parte al Milan, squadra con la quale ha collezionato 171 partite segnando ben 34 reti nelle varie competizioni. Il profilo piace eccome al club di Urbano Cairo per svariati motivi, ma soprattutto per tre: Bonaventura è un centrocampista offensivo con il fiuto del gol, come abbiamo appena ricordato, è un centrocampista moderno in grado di ricoprire più ruoli ed è un centrocampista dotato di quella sana fantasia che molto spesso è mancata nel recente passato granata. Il nodo principale che bisognerà sciogliere nelle prossime settimane sarà quello legato al contratto, considerato che Bonaventura guadagna circa 2 milioni di euro a stagione sotto la Madonnina e che anche ad altri club può interessare il giocatore

Coronavirus, FIGC: “Verso l’estensione dell’attuale stagione sportiva al 2 agosto”

PUNTI INTERROGATIVI – In realtà, ancor più importante è un altro aspetto, ovvero l’esito di questa stagione. In primo luogo bisognerà capire se e quando si tornerà in campo per portare a termine il campionato. Poi, nel caso si dovesse tornare a giocare bisognerà vedere se il Torino di Moreno Longo riuscirà ad agguantare la salvezza. Soltanto a quel punto il Torino potrà realmente affacciarsi sul mercato, dando certezze a procuratori e giocatori. Ma è chiaro che iniziare a tessere la tela in anticipo può risultare utile, soprattutto con un giocatore in scadenza di contratto il prossimo 30 giugno come Bonaventura. Il centrocampista rossonero sembra aver apprezzato il corteggiamento granata e appare pronto a dare il proprio consenso per la prossima stagione, ma gli incontri ufficiali si potranno tenere soltanto quando ci saranno delle garanzie sul futuro del Torino e più in generale del calcio.

2 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Garnet Bull - 6 mesi fa

    Il profilo non è sconosciuto, si sa, è forte. Se vuole strappare un contratto più lungo abbasserà lo stipendio, e non ho dubbi sul fatto che andrà così. Se a posto fisicamente il salto di qualità a centrocampo sarà assicurato, e penso che anche baselli con uno come lui di fianco renderebbe meglio… Per il toro sarebbe anche un colpo ad effetto mediatico non indifferente, considerando il passato anche in nazionale, e i 100k follower su insta (per fare un confronto meite ne ha 20 k)

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. ddavide69 - 6 mesi fa

      Troppi se, e poi se fosse davvero forte ad oltre 30 anni avrebbe fatto altra carriera . A noi servono un paio di innesti di livello ma con 24 anni . Tirare fuori 50 milioni, dare via un po’ dizavorre ed aumentare il tetto ingaggi. Senza questo solita storia dell attesa e dei se….

      Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy