Juwara e Barrow stregano San Siro: per il Torino sono due occasioni di mercato perse

Il fatto / I due giovani gambiani che hanno sbancato San Siro con la maglia del Bologna avrebbero potuto vestire il granata con un po’ di coraggio in più

di Redazione Toro News

Nella partita di cartello della domenica di calcio, ha fatto scalpore la vittoria del Bologna in casa dell’Inter ottenuta grazie a due giovani attaccanti gambiani, Juwara e Barrow. I due Musa hanno trascinato la squadra di Mihajlovic segnando le due reti che hanno permesso ai felsinei di ribaltare la partita. Chissà cosa avranno pensato in casa Toro, visto che entrambi i due giovani attaccanti avrebbero potuto vestire oggi la maglia granata con un po’ di coraggio e visione in più.

JUWARA ERA IN PUGNO – Questo è evidente soprattutto nel caso di Musa Juwara, il 18enne gambiano la cui storia personale (approdò in Italia nel 2016 da migrante) sta facendo il giro d’Italia. I più attenti tra i tifosi granata però lo conoscevano già, perchè il giovane attaccante esterno offensivo giocò con il Torino la Viareggio Cup 2019. Juwara approdò alla corte del tecnico Coppitelli in prestito solo per quel torneo (come la formula consente) ma il Torino contestualmente aveva strappato anche una prelazione per acquisire il cartellino del giocatore l’estate successiva. Prelazione che non fu esercitata se è vero che il Bologna annunciò l’8 luglio l’acquisto a titolo definitivo del ragazzo (secondo Transfermarkt, pagando 500mila euro al Chievo).

BARROW SEGUITO – L’altro Musa, Barrow, ha 21 anni e proviene dal vivaio dell’Atalanta. Il club orobico lo ha messo sul mercato; in nerazzurro aveva segnato 4 reti in 40 presenze in A, troppo poco per farsi largo di fronte a una concorrenza con i vari Ilicic, Muriel, Zapata e soci. Il Torino lo seguì da vicino sia nell’agosto 2019 che nel gennaio 2020 (quando il club granata propose uno scambio, trovando anche un certo interesse sulla sponda orobica, con Kevin Bonifazi). Alla fine le cose sono andate diversamente anche perchè le direttive del club, sopratutto a gennaio, erano quelle di prendere un altro attaccante solo se Simone Zaza avesse lasciato Torino. Barrow, quindi, è passato al Bologna che su di lui ha avuto il coraggio di investire 13 milioni più 6 di bonus. Si direbbe che la mossa stia pagando i suoi dividendi: in 11 presenze con la maglia rossoblù, Barrow ha già raccolto 6 reti e 1 assist.

23 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. spiritolibero - 4 mesi fa

    Calma Non basta una partita per giudicare se Juwara sia un buon giocatore Pure Barrow deve ancora dimostrarlo

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Granata - 4 mesi fa

      Vero, però a Millico , che ha fatto un goal nei preliminari, viene detto che merita di giocare titolare in serie A vicino a Belotti. O no ?

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. rb27 - 4 mesi fa

    Occasioni di mercato perse… certo! Aggiungiamoci pure quella di Immobile e siamo a posto.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Nero77 - 4 mesi fa

    Occasione persa?Per il nostro presidente ,Soldi risparmiati!!Come ogni cosa ovviamente..

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Bischero - 4 mesi fa

    Diciamo anche che 19 milioni per barrow non é proprio il prezzo delle patate… Giocatore che a me personalmente piace. Ma é anche vero che Gasperini lo aveva messo un po’ da parte. Non sono scelte da fare a cuor leggero investimenti simili. Sull altro ragazzo é anche vero che é un destro come millico. E se hai già millico…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. Garnet Bull - 4 mesi fa

    Musa Barrow… Vicino al toro a gennaio… Sta facendo bene… Non è tutto oro ciò che luccica, esempio: Zaza ovunque abbia giocato ha sempre segnato un discreto numero di gol(tolti 5 mesi sfortunati a londra) mentre qui da noi no, per questo io continuerò fino alla morte a sostenere che zaza non sia scarso ma non riesca a dare ciò che invece potrebbe

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. LeoJunior - 4 mesi fa

      credo che valga per molti dei giocatori in rosa. Meitè, Aina, Verdi, lo stesso Gallo. Secondo voi sotto le cure di Gasperini? ….

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Bischero - 4 mesi fa

        Meité e aina con Gasperini non giocherebbero mai. Il primo é troppo lento. Il secondo non ha i piedi per fare l esterno di centrocampo. Verdi giocherebbe(se non ci fosse ilicic) e il gallo anche(non ci fosse Zapata)

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. Bischero - 4 mesi fa

          capisco che non piacciano certi ragionamenti. Ma ditemi. Avete visto l Atalanta? Il movimento e il dinamismo dei loro mediani. Quanti assist e gol hanno fatto gosens e hatebor? Aina non fa un cross giusto neanche sotto tortura.

          Rispondi Mi piace Non mi piace
          1. Garnet Bull - 4 mesi fa

            Il centrocampo bergamasco dai mediani, alle mezzali agli esterni ai trequartisti fa paura per numero di gol e assist

            Mi piace Non mi piace
        2. Granata - 4 mesi fa

          @Bischero, Aina , con i gobbi 5 cross fatti, 1 riuscito. De Silvestri 5 , 2 riusciti. Con la Lazio, Aina 3 tentati 1 riuscito ma il tanto decantato Lazzari 11 tentati 1 riuscito !!! Fidati, non è peggio di altri. È che colpiscono le sue amnesie.

          Rispondi Mi piace Non mi piace
          1. ddavide69 - 4 mesi fa

            Il problema è sono tutti scarsi quelli che hai nominato . Per certi ruoli ci va gente di livello europeo. Alla lazio sulle fasce non è che siano messi benissimo, ma in mezzo al campo e in attacco…

            Mi piace Non mi piace
          2. Granata - 4 mesi fa

            @ddavide, si disquisiva di Aina. Ho risposto indicando uno che è osannato ma a me non piace.

            Mi piace Non mi piace
  6. daunavitagranata51 - 4 mesi fa

    CONCORDO CON ddavide69

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. daunavitagranata51 - 4 mesi fa

    anche se sarebbero arrivati al TORO, NON SAREBBERO ESPLOSI, POI ADESSO SICCOME HANNO SEGNATO AL INTER SONO GIÀ DEI CAMPIONCINI? LO SPERO PER LORO

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. LeoJunior - 4 mesi fa

    Qualcuno l’ha capito che vincere i campionati giovanili non conta nulla? I giocatori possono spuntare da ovunque e devi avere l’occhio che vigila. Il vivaio globale è enorme e se pensiamo di guardare solo ai nostri siamo miopi. Di Edera e Parigini se vai a farti un giro in Africa, SudAmerica ne trovi a migliaia. Ma noi ci crogioliamo da anni su un campionato vinto, abbiamo messo come DS quello che ha costruito quella squadra e preso per salvarci il suo allenatore. Esiste modo migliore per essere provinciali e piccoli?!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  9. LeoJunior - 4 mesi fa

    E meno male che abbiamo Bava che è uno dei migliori scopritori di talenti del Mondo!! Svegliamoci!!! Se ci guardiamo l’ombelico non andiamo da nessuna parte.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  10. D66 - 4 mesi fa

    Ma noi abbiamo preferito puntare su Edera e Parigini il risultato è da vedere.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Marchese del Grillo - 4 mesi fa

      Anche Millico, Segre e Rauti, se è per questo!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  11. ddavide69 - 4 mesi fa

    Bah , adesso uno fà un gol all’inter e diventa una occasione di mercato persa.

    Forse Barrow , ma siamo sempre nel campo delle scommesse.

    A noi servono certezze non scommesse , soprattutto a centrocampo.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Aca Toro - 4 mesi fa

      Barrow non è una scommessa segna spesso e volentieri. costa la metà di verdi ma vale il doppio. Forza Sinisa

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. ddavide69 - 4 mesi fa

        A noi servono i centrocampisti. E di livello.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  12. Granata - 4 mesi fa

    Non è vero. Non è mancato il coraggio. Sono state fatte valutazioni sbagliatissime. Si è creduto in altri giocatori e si è pensato di risparmiare. Il nostro vivaio , checché ne dicano i tifosi o giornalisti vari, produce molto poco e scarseggia la qualità.

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy