FIGC, Gravina: “Apertura stadi? Cts tenga conto della nostra capacità”

FIGC, Gravina: “Apertura stadi? Cts tenga conto della nostra capacità”

Le voci / Il presidente federale Gabriele Gravina ha rilasciato alcune dichiarazioni a seguito del Consiglio che ha deciso le date di inizio e fine campionato

di Redazione Toro News
Gravina

Al termine del Consiglio Federale – che ha definito le date per la stagione 2020/2021 – tenutosi nel primo pomeriggio di oggi, il presidente Gabriele Gravina è tornato a parlare riguardo la riapertura degli stadi. “

Siamo fiduciosi che il Cts possa tener conto anche della nostra capacità, visto anche il grande esito positivo che hanno dato non solo i protocolli ma anche i controlli – ha detto Gravina – Da quando? Dal momento in cui si riterrà opportuno riaprire saremo tutti più sereni e più tranquilli”. Il Presidente Federale ha poi fatto riferimento ad alcuni episodi in cui gli impianti sono stati aperti a capienza ridotta. “C’è già stato qualche esperimento in questi giorni che ha dato risultati straordinari dal punto di vista della disciplina e dell’organizzazione. Aspettiamo anche la Supercoppa europea e anche quello sarà un messaggio a tutto il mondo del calcio non solo all’Italia”, ha proseguito il numero uno federale chiarendo che “il calcio vuole lo stesso trattamento riservato agli altri sport, non vogliamo assolutamente corsie preferenziali ma sappiamo anche i numeri che muove il nostro mondo e le dinamiche territoriali meritano attenzione”.

LEGGI ANCHE: Giampaolo studia la trequarti: Falque, Berenguer e Verdi possono adattarsi ma…

LEGGI ANCHE: Torino, Vagnati accelera per Nkoulou: prove di rinnovo entro la fine del mercato

Il numero uno della FIGC ha poi rilasciato alcune dichiarazioni riguardante i protocolli relativi ai test del tampone. “Abbiamo presentato al Cts le nostre proposte che dovrebbero passare in esame tra oggi e domani – ha detto Gravina che poi ha concluso – Quello che ci è particolarmente a cuore è la limitazione dei tamponi sempre con il principio del massimo rispetto della salute degli atleti ma garantendo al contempo una maggiore flessibilità”

7 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. BiriLLo - 3 settimane fa

    Gravina, gravosa, prova affannosa…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. BiriLLo - 3 settimane fa

    Prova

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. granatadellabassa - 3 settimane fa

    Probabilmente Gravina vuol farsi bello agli occhi delle miriadi di tifosi che non vedono l’ora di tornare allo stadio. O pensa davvero che gli ultrà stiano distanziati e con le mascherine?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. maxx72 - 3 settimane fa

    Farabutto.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. FORZA TORO - 3 settimane fa

    questi sono pazzi

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. Cuore granata 69 - 3 settimane fa

    Tanti me compreso vorrebbero tornare allo stadio…ma lo stadio non è un teatro un cinena dove puoi contingentare le entrate far sederela gente a distanza..lo stadio come intendo io è stare vicini imprecare,gioire, abbracciarsi per un gol.o una vittoria..arrabbiarsi per una sconfitta..adesso non ci sono le condizioni per riaprire abbiamo visto con alcune didcoteche subito focolai e contagi..forse e dico forse qualche tribuna o distinto ma numeri ridotti..e distanze sicure..già agli ingressi..ma ripeto per me lo stadio deve essere sfogo tifo..se devo andare e stare fermo seduto, con tutto rispetto me la guardo a casa..ad oggi non vedo le condizioni per riaprire..speriamo trovino la soluzione ma dubito che quest’anno vedremo gli stadi aperti

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. Pacman - 3 settimane fa

    Questo è davvero tutto scemo

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy