Serie A, Gravina: “Ci preoccupa la quarantena per tutta la squadra in caso di positività”

Serie A, Gravina: “Ci preoccupa la quarantena per tutta la squadra in caso di positività”

Campionato / Le parole a Radio 2 del presidente federale

di Redazione Toro News

Ha parlato ai microfoni di Radio 2 il presidente della Federazione italiana gioco calcio (Figc) Gabriele Gravina al termine di un’altra giornata importante in chiave ripresa del campionato di Serie A. “Quello che ci preoccupa, e lo abbiamo rappresentato al ministro Spadafora trovando accoglienza e considerazione, è il tema della quarantena obbligatoria per tutta la squadra in caso di un nuovo positivo. È un problema e lo stiamo affrontando con determinazione, prudenza ma attenzione per evitare che un rapporto stressato possa generare tensione e bloccare la partenza del campionato. Un altro tema sul tavolo è la responsabilità dei medici, ma credo che l’Inail abbia già chiarito con una circolare che c’è responsabilità solo in caso di dolo o colpa grave” le parole del presidente federale.

Serie A, incontro Lega e Figc: il protocollo va migliorato, la palla ora al Governo

PLAY-OFF – Il presidente federale ha poi rispolverato la soluzione dei play-off. “L’ipotesi play-off non è accantonata, dobbiamo essere pronti a qualunque evento – ha aggiunto -. A oggi esiste la possibilità, attraverso la programmazione deliberata dalla Lega Serie A, fissando la data di partenza nel 13 giugno, di un calendario molto denso di appuntamenti e impegni. Dobbiamo però essere pronti e metteremo sul piatto della bilancia anche il ricorso ad una modalità diversa per la chiusura del campionato” ha detto Gravina.

LEGGI ANCHE: 

UEFA, Ceferin; “L’80% delle Leghe finirà la stagione”

Torino, continua il lavoro al Fila: arrivano anche Baselli e Verdi

Torino, il positivo rimane in isolamento domiciliare: le condizioni sono buone

Calcio, si riparte? Gli aggiornamenti del 15 maggio / Terminato il vertice tra Lega, FIGC e medici

4 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. angelo - 4 mesi fa

    Mi devono spiegare una cosa: o l’isolamento dei contatti non è necessario e, quindi, visto che finora è stato imposto, si potrebbe configurare il reato di sequestro di persona, o è necessario e quindi, se non viene imposto, si può configurare il reato di tentata epidemia colposa. Questi devono capire che NON sono diversi dai poveri cristi che stanno morendo di fame

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. nonnogranata - 4 mesi fa

    Redazione, per favore ,,,è proprio necessario pubblicare ogni volta la foto di Gravina ???

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Paul67 - 4 mesi fa

    E certo che ti preoccupa, così come è basta 1 positivo per fermare 1 squadra e di conseguenza il campionato.
    Ma faranno in modo che si superi anche questo ostacolo, troveranno un accordo per finire sto campionato farsa.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Madama_granata - 4 mesi fa

    A lui, a “loro”, preoccupa la quarantena per tutta la squadra.
    Chissà se quel “ci” è un plurale maiestatis, o riguarda tutti i “pezzi grossi” del calcio?
    Comunque: se fossero persone normali, degne di
    essere definite tali, preoccuperebbe di più la salute di atleti ed addetti ai lavori.
    E la salute delle loro famiglie!

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy