Presidente, faccia qualcosa di granata

Presidente, faccia qualcosa di granata

Il Granata Della Porta Accanto / Citando Nanni Moretti, ci permettiamo di suggerire a Cairo un proposito per il 2020…

di Alessandro Costantino

Dopo aver letto l’articolo di Marco Cassardo apparso sulle colonne di Toro News la scorsa settimana, articolo che condivido in toto dalla A alla Z, avrei anche potuto smettere di scrivere per questa rubrica: ogni mia parola infatti potrebbe essere superflua alla luce dello scritto del mental coach più granata che ci sia, una summa perfetta dello stato d’animo e del pensiero non solo mio, ma di una ampissima fetta di tifosi del Toro.

Se non ho “posato” la penna è solamente perché amo pensare che da ogni situazione, anche la più critica, ci sia la possibilità di uscirne ribaltando il pronostico avverso. Mai come in questo momento (equiparabile forse solo al picco negativo di popolarità di fine 2009) il presidente Cairo è ai minimi storici nel gradimento da parte dei tifosi granata. È troppo facile adesso sottolinearne le molteplici mancanze, sebbene sia giustissimo farlo perché dopo 15 anni di presidenza egli avrebbe dovuto provvedere a cambiare rotta capendo su quali terreni era franato e su quali avrebbe dovuto procedere con più convinzione. Per onestà intellettuale, però, se scaglio una pietra è giusto che offra anche un rimedio. Ed è per questo che parafrasando una celebre battuta di Moretti (Nanni il regista, non il nostro amato Emiliano) dico al presidente: “Per favore, in questo 2020, faccia qualcosa di granata!”.

Il tempo è giunto, il bivio è di fronte: perseverare in questa “fredda” gestione tutta conti e passettini oppure prendere il coraggio a due mani e variare il tema dello spartito sorprendendo noi tifosi con azioni dal profondo significato per noi gente granata. Da dove cominciare? L’elenco è lungo.

Lettera granata a Babbo Natale

Il Robaldo, ad esempio. È ora che il presidente Cairo venga allo scoperto e sblocchi la situazione se dipende dalla sua volontà oppure denunci con fermezza eventuali mancanze del Comune di Torino. Un autogol mediatico come questo va assolutamente sanato, senza se e senza ma. La casa delle giovanili è importante quanto, se non più, le mosse che riguardano la prima squadra.

E poi c’è il Filadelfia, il vero cuore pulsante dell’animo torinista. Si imponga il presidente sul mister e obblighi i suoi “dipendenti” (perché lo staff tecnico è composto da suoi dipendenti, de facto…) ad aprirlo ai tifosi. Il confronto non deve far paura, ma deve essere nel lungo periodo un’arma in più che nessun altra società italiana può vantare. E anche sul completamento del Fila coi lavori dei lotti due e tre, Cairo abbia la lungimiranza di investire sul Torino inteso non come FC ma come ideale: la riconoscenza del popolo granata vale più di qualunque scudetto del bilancio di cui vantarsi.

Viva V. e. r. d. i.!

Infine, il settore giovanile. È lì che si creano i presupposti per un Toro forte negli anni: ogni euro messo nel vivaio, che sia per un allenatore, uno scout o un ragazzo ne rende dieci nel medio lungo termine. Dopo 15 anni dovrebbe averlo intuito, il nostro presidente.

Infine, non ho detto nulla sul mercato invernale. Il presidente potrebbe stupirci anche lì, ma non è da lì che deve ripartire per essere il presidente non solo più longevo della storia del Toro, ma anche il più capace. La strada è tracciata. Non seguirla sarebbe l’ennesimo atto di indifferenza verso il quale non ci sarebbe più indulgenza. Presidente, ci stupisca, faccia qualcosa di granata nel 2020!


Da tempo opinionista di Toro News, do voce al tifoso della porta accanto che c’è in ognuno di noi. Laureato in Economia, scrivere è sempre stata la mia passione anche se non è mai diventato il mio lavoro. Tifoso del Toro fino al midollo, ottimista ad oltranza, nella vita meglio un tackle di un colpo di tacco. Motto: non è finita finchè non è finita.

Disclaimer: gli opinionisti ospitati da Toro News esprimono il loro pensiero indipendentemente dalla linea editoriale seguita dalla Redazione del giornale online, il quale da sempre fa del pluralismo e della libera condivisione delle opinioni un proprio tratto distintivo.

80 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. user-13797744 - 7 mesi fa

    @ Altoro :1958 Talmone Torino scese in B , ti lascio immaginare le invettive rivolte alla famiglia Ferrero dai nostri “ padri “

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. microbios - 7 mesi fa

    L’unica cosa che dovrebbe fare è una telefonata alla Red Bull

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Madama_granata - 7 mesi fa

    Concordo praticamente su tutto, meno che su una frase:
    “La riconoscenza del popolo granata vale più di qualunque scudetto del bilancio di cui vantarsi”.
    Il Toro ha già pagato troppo cara la “sventatezza” di certi, molti, Presidenti in fatto di “bilancio”.
    Gente che si è arricchita svendendo metà squadra, e poi ha ha cordialmente salutato, lasciando il Toro a terra.
    Gente che che ha coinvolto il Toro, travolgendolo nelle sue scelte sbagliate e megalomani.
    Gente che ha portato il Toro al fallimento.
    Il famoso “passo più lungo della gamba!”.
    Quindi avere il “bilancio a posto” è per me determinante, di primaria importanza.
    E questo dovrebbe essere uno dei principali, “concreti” motivi della “riconoscenza del popolo granata”.
    Inoltre “i soldi” investiti nel Toro sono di Cairo, e non del Sig. Costantino o dei tifosi.
    Troppo facile essere prodighi e generosi e dispendiosi, ma solo a parole e con il patrimonio altrui.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Marchese del Grillo - 7 mesi fa

      Quanto si sbaglia! I soldi che Cairo investe nel Toro, contrariamente a quanto afferma, sono proprio i nostri, dei tifosi, miei, tuoi e di Costantino. Si chiamano diritti tv e sponsorizzazioni. Diamo soldi al Toro anche tutte le volte che ci mangiamo un salamino Beretta. Quest’uomo è indifendibile, non ha più alcuna scusante, è nudo e schiacciato sotto il peso delle sue reiterate menzogne, eppure c’è ancora chi continua incredibilmente a tesserne le lodi.
      Cairo è il male del Toro!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Prawda - 7 mesi fa

      Le parole Cairo ed investimento nella stessa frase rappresentano un magnifico ossimoro.
      Lei potra’ anche essere contenta di questo presidente, le opinioni anche se non condivise vanno rispettate, ma se i conti sono a posto non e’ certo grazie a gestioni fantasmagoriche ma semplicemente grazie ad una entrata che nessun presidente in passato nemmeno poteva sognare e che per questo campionato sara’ di circa 60M.
      Quando oltre il 70% dei ricavi sono rappresentati da una entrata su cui la societa’ non deve fare nulla, i meriti di chi gestisce la societa’ sono vicinissimi allo zero.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Madama_granata - 7 mesi fa

        Non ho mai detto di essere del tutto contenta di questo Presidente, solo mi sento onestamente di riconoscere che quasi tutti gli altri hanno fatto molto peggio di lui.
        Anzi, hanno rovinato il Toro!
        E continuo a pensare che , nonostante i diritti TV e le sponsorizzazioni, che altre società percepiscono in misura molto superiore a quelle del Toro, i costi e le spese del calcio sono altissimi.
        Credo perciò che Cairo debba comunque investire “del suo”, e che abbia quindi tutto il diritto di farlo in modo oculato e parsimonioso.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. ddavide69 - 7 mesi fa

          Non investe niente del suo. I bilanci sono pubblici anzi si è chiesta dove siano finiti i soldi delle stagioni chiuse con i bilanci positivi per diversi milioni? Le domande bisogna farsele , ma ogni tanto bisogna anche ragionare

          Rispondi Mi piace Non mi piace
        2. Prawda - 7 mesi fa

          I gobbi incasseranno di diritti televisivi nel 2019/20, secondo le previsioni, 91M, il Torino 91,6; il rapporto e’ 1 a 1,5 che non e’ sicuramente poco ma nemmeno cosi’ tanto. Non voglio tediarla con altri numeri, soprattutto in un giorno come questo. Cairo ha tutto il diritto di gestire il Torino come ritiene opportuno, questo e’ sicuramente vero, come i tifosi hanno tutto il diritto di criticarne la gestione, a cominciare dall’assenza di investimenti.
          Auguri di Buon Anno a Lei ed a tutti i tifosi, con l’auspicio di migliori risultati sportivi, credo ne abbiamo davvero bisogno.

          Rispondi Mi piace Non mi piace
          1. Prawda - 7 mesi fa

            Mi perdoni ho scritto 91,6M, Cairo direbbe magari!! Volevo scrivere 61,6M.

            Mi piace Non mi piace
    3. ddavide69 - 7 mesi fa

      Scusi eh , ma quali soldi investiti? Sono 5 anni che cairo non investe soldi propri ma fa girare soldi del player trading . quelli che ha messo all inizio servivano per fare una squadra visto che ha preso il toro a zero euro e se li è già abbondantemente ripresi. Mentre gli stipendi li paga con le tv. Ma quante volte bisogna dirvelo ? Cercate almeno di essere oggettivi. Meglio un anno di borsano che dieci di cairo.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. abatta68 - 7 mesi fa

        Cairo non ha mai investito un euro nel toro e per capirlo basta sapere cosa si intende per investimento in una società privata. Ad oggi di cairo si può dire che per tanti anni è stato un buon amministratore, perlomeno uno che non si è mangiato tutto come i suoi predecessori. Gli investimenti veri, li ha fatti nelle due società che con il calcio hanno poco da spartire, oltre sua persona. Cairo ha fatto il bene della cairese, una società che 15 anni fa non esisteva e che oggi è nelle prime 10 in italia. Non male direi, non fosse altro che, nel frattempo… non esiste più il toro!

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. gantonaz64 - 7 mesi fa

    Cairo e’ la persona peggiore nel posto migliore per visibilita’.
    Accentratore opportunista..non mollera’ mai la societa’.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. fabry - 7 mesi fa

    io voglio dire una cosa ma chi vuole mandare via Cairo perchè non investe nel toro lo sa che il Toro ha il settimo monte ingaggi della serie A con 54 milioni al sesto c’è la Lazio con 72 quindi forse è meglio dire che si deve circondare di persone più competenti….per chi aspetta che arrivi il petroliere di turno a prendere il Toro be sognare è lecito ma non accadrà mai.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. ddavide69 - 7 mesi fa

      E tu lo sai che con i diritti tv il toro ne incassa 50?

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. ElettoreReazionario - 7 mesi fa

      Dire a quel prototipo di amministratore di condominio che sarebbe necessario circondarsi di persone competente è qualcosa che sta a metà strada fra la possibilità di scrivere sull’acqua e l’idiozia.
      Forse anche i bronzi di Riace hanno capito che il suo gioco sta proprio nel tenere in vita questa società con il minimo sforzo ed esborso di risorse….
      Però è stimolante constatare che c’è sempre qualcuno di veramente acuto nelle sue disamine.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. fabry - 7 mesi fa

        ancora non l avete capito che il torino non se lo compra nessuno meglio di cairo è una piazza povera svegliateve intelligentoni tutti scenziati sete ma se qualcuno se presentava damo che aveva venduto …veramente ve meritate borsano

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. dattero - 7 mesi fa

    continuo a ritenere non vero il fatto che non abbia ambizioni,anzi.
    peccato che il Toro gli serva x raggiungerle.
    come mi puo’ essere utile il toro x quest’affare? hmmm..a devo prendee tizio a tot x fare contento sempronio? perfetto,eseguo-.
    per me questo è,nulla piu’ nulla meno.
    ora pero c’è un bell’intoppo,bello grosso

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. Toro71 - 7 mesi fa

    L’unica vera tifosa granata era la mamma di Cairo che purtroppo non c’è più….il resto è solo esclusivamente business.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. RossoSangueGranata - 7 mesi fa

    Come disse il Grande Antonio De Curtis, in arte Totò:

    “Costantino, ma mi faccia il piacere”…..!!!!!

    E’ arrivato a Torino, si è fatto subito servo della famigghia Agnelli e continuerà perennemente a fare il servo.

    E quando se ne andrà, se non gli diamo subito, tutti insieme uniti, una bella spinta per farlo precipitare definitivamente, lascerà soltanto distruzione e macerie.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  9. CUORE GRANATA 44 - 7 mesi fa

    Innanzitutto auguro ai fratelli\sorelle di virus un sereno 2020 per la vita reale di ciascuno di noi.Se ragioniamo da tifosi,a mio parere,le cose si complicano….Gennaio è alle porte e sono curioso di vedere “in che misura”sfoltirà la rosa”dopodichè saranno i prossimi sei mesi a fornirci qualche “indizio”più preciso.Ritengo che l’appello rivoltogli di “togliere il disturbo”resterà lettera morta:il “Personaggio è tenace” e solo un’eventuale tsunami potrebbe fargli cambiare idea.”Alla creatura è affezionato”ovviamente per trarne Lui vantaggi in quanto del Toro e di noi tifosi nulla gl’importa e dispone di varie “carte spendibili”tra Gennaio e Giugno così come ritengo che comunque vada non provvederà ad esonerare WM in quanto utile “foglia di fico”per rendere un pò meno evidente l’inesistenza della Società a tutti i livelli.A giugno farà cassa in modo significativo reinvestendo in minima parte ed avviare una sorta di “rifondazione”direi un “pontificato UrbanoII”fintantochè Lui o chi per Lui lo riterrà opportuno.Va da sè che qualcosa di granata non sarà minimamente contemplato.Penso che la sorte del ns. amato Toro si giocherà nelle “ovattate stanze”della finanza meneghina nel contesto di strategie di più ampia portata.Sempre FVCG!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. miele - 7 mesi fa

      È esattamente il mio pensiero. Auguri vecchio cuore granata, caro coscritto e compagno di sofferenze calcistiche.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. CUORE GRANATA 44 - 7 mesi fa

        Ciao caro miele,leggo solo ora il tuo post ed auguro anche a Te ed alla tua Famiglia un sereno 2020.Quanto alle sofferenze calcistiche siamo allenati!Suol dirsi tuttavia che il buio della notte sia particolarmente profondo prima dell’alba ed allora non demordiamo!FVCG!!!

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  10. leo67 - 7 mesi fa

    Non ha fatto un cazzo in quindici anni per riportarci ai livelli che ci competono…ma che articolo è questo…deve andare via e basta…quindici anni sono tanti anche per uno che vince…non si può vedere nemmeno più la faccia di questo pagliaccio affarista senza scrupoli…sentirlo parlare ancora peggio..

    Buon anno a tutti i tifosi del Toro

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  11. Dario61 - 7 mesi fa

    Il problema e che fare qualcosa di granata per uno che non lo è tirare fuori dei soldi per il Toro a lui gliene può fregar di meno finché non sarà minacciato costantemente di vendere il Toro lui se la ride e continua a lucrare e aumentare visibilità.. ecco chi è il nostro presidente…anzi il vostro.oer me nn lo è più

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  12. user-13953968 - 7 mesi fa

    Se vuole fare qualcosa di veramente utile …SI LEVI DAI COGLIONI
    Grazie
    Auguri di Buon Anno a tutti

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  13. miele - 7 mesi fa

    Si: venda il Toro.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  14. ElettoreReazionario - 7 mesi fa

    Alla luce dei molteplici fattori elencati dall’estensore dell’articolo, NON fatti che sono dipesi esclusivamente dalla volontà del presiniente meno appassionato della storia Granata e che depongono tutti a suo completo sfavore, ribadisco ciò che penso, scrivo e diffondo da anni a questa parte.
    L’unico gesto realmente Granata che tale individuo braccino/bilancino possa compiere è quello di autoesiliarsi vendendo la società e soprattutto il marchio di cui si è appropriato (senza alcun merito) che rappresenta il baluardo di valori che lui non è mai stato in grado di comprendere e condividere.
    Fuori il mercante dal Tempio, dentro i Granata nel Tempio.
    FVCG

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  15. GlennGould - 7 mesi fa

    ..Che è un po’ come chiedere al pilota di un volo di linea di raggiungere la velocità della luce..

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  16. Bischero - 7 mesi fa

    L unica cosa che può fare dopo 15 anni Cairo é mettere in vendita la società. 15 anni di parole tante e fatti pochi. 15 anni di nulla. 15 anni e non aver capito ancora nulla ne di cosa vogliono i tifosi del toro né di cosa serve per creare una società. Vattene altro che consigli.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  17. Toro Forever - 7 mesi fa

    Vado controcorrente. Abbiamo tutti, me compreso, criticato aspramente Cairo. Ma siamo a fine anno e voglio esprimere un augurio al nostro Toro. Spero che il futuro ci porti un po’ di equilibrio in campo e fuori. Molte cose si possono migliorare, ma molte altre saranno sempre “fuori portata” per la nostra dimensione complessiva. Invito Cairo a prendere esempio dai modelli “virtuosi” di gestione tecnica e Societaria. Ambisca, se possibile, anche a qualcosa di più “affettuoso” nel modo di riferirsi alla Leggenda del Toro. Forse per Lei saranno solo “affari”, ma mi creda, lo sono anche per Noi tifosi. Affari di Cuore. Auguri Toro.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  18. Antoniogranata76 - 7 mesi fa

    Metta in vendita il Toro,dica sinceramente che finché ci sarà lei il massimo a cui si può ambire è un campionato tranquillo, faccia questo presidente, la smetta di prenderci in giro, abbia rispetto per il Toro

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  19. ELLELIBON70 - 7 mesi fa

    presidente, venda, e grazie di tutto…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. policano1967 - 7 mesi fa

      Anke lui deue ringrazia il toro.tanta visibilita dove l avrebbe presa se no.dal dopo toro ha incrementato il suo lavoro mi pare.dovrebbe dire lui grazie e poi un bel addio

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  20. policano1967 - 7 mesi fa

    Nn capisco tutti sti appelli rivoli a cairo.ha ampiemente dimostrato ke il suo interesse per il toro e strettamente economico ed e un buon veicolo di visibilita.ambizioni calcistiche nn ne ha e pertanto viaggiamo nella media ke ci compete ovvero meta classifica.l europa nn e la regola ma l eccezzione.bilancio sano ua bene.ma anke l atalanta lo ha pur avendo risultati superiori ai nostri.ecco li ce anbizione e programmi.noi invece ci circondiamo di mediocri tipo comi e anke bava ci metto.io nn credo in cairo da un po e penso ke l unica cosa mi interessi sia la messa in vendita della societa magari a ki ha piu ambizioni.cairo ha potenziale economico ma nn anbizioni.vada via

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  21. fabrizio - 7 mesi fa

    I lavori al filadelfia. Troppo, ha gia’ comprato i seggiolini e poi ha investito in quelli del moccagatta…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  22. fabrizio - 7 mesi fa

    lo ha gia’ fatto da circa 10 anni. Far diventare rosso granata (di rabbia e delusione) la faccia dei tifosi…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  23. Jerry - 7 mesi fa

    L’articolo è fondato su un errore. Come si può chiedere a un non granata di fare qualcosa di granata? È praticamente impossibile…#CAROVATTENE…..

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. eurotoro - 7 mesi fa

      ..infatti! certo che non si puo pretendere qualcosa da chi non ce l’ha però che czz ci vuole a inserire in società gente amata dai tifosi come Pulici Zaccarelli Graziani Cravero..aprire il Fila almeno x la partitella del giovedi…ogni tanto comprare 1 dico uno fuoriclasse assoluto anche vecchio ma che quelle 2/3 giocate ti riconciliano col calcio anche se consapevole che non vincerai mai una beata mazza…piu che di granata direi fai qualcosa di ruffiano!..e che czz!!!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  24. MimmoBG - 7 mesi fa

    Bah, sto perdendo le speranze in un futuro migliore di questo. Continuare a tifare x continuare a subire delusioni…non trovo più la motivazione del passato fatta di speranza. È,da tifoso, un momento buio. Sperare che qualcuno compri il Toro lo ritengo molto lontano nel tempo, così come è lampante che nessun imprenditore granata dentro, e presumo, escluso Ferrero, con certe capacità economiche ce ne possano essere, è interessato al Toro esattamente come 15 anni fa. O Cairo svolta o saremo protagonisti di una lunga agonia sportiva. Squadra difficilmente migliorabile? L’anno scorso, solo in Italia, ce ne erano 7 migliori, quest’anno x ora 9…basterebbe questa piccola considerazione x spingere Cairo a svoltare, ma non lo farà…purtroppo.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. user-13797744 - 7 mesi fa

      Ferrero aspetta scuse sia di Cairo e dei tifosi ( annata 1958 )

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. altoro - 7 mesi fa

        User-13797744 Premesso che ritengo che oltre 14 anni di presidenza dell’editore alessandrino dimostrano, ahimè! e purtroppo per tutti i “Cuori Granata”, come il sottoscritto, che l’appello di Costantino risulta pura utopia, in quanto il patron Cairo ha sempre agito con il bilancino del farmacista prima di assumere una decisione definitiva in merito ad un eventuale investimento finanziario.
        A prova di questo dato oggettivo cito soltanto che l’acquisto di Verdi, al prezzo di 25 milioni nella formula di prestito con obbligo di riscatto la prossima estate, è stato ratificato alle ore 23 dello scorso 2 Settembre, ossia al gong finale di chiusura della sessione estiva di mercato.
        Conoscendo l’oculatezza del personaggio sotto l’aspetto della gestione finanziaria della Società, dubito fortemente che nel 2020 egli intenda effettivamente “fare qualcosa di granata”.
        Chiedo all’interlocutore per quale motivo l’imprenditore Ferrero attende scuse dai tifosi granata. Personalmente nel 1958 non ero neppure nato. Ringrazio per l’informazione nel merito. Alè TORO !

        Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. ElettoreReazionario - 7 mesi fa

      Capisco lo stato d’animo che esprimi, Mimmo.

      Però se sei arrivato fin qua, hai sopportato un deserto calcistico lungo più di una generazione, significa che la fibra è ancora intatta.

      Mai domi.

      FVCG

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  25. Simone - 7 mesi fa

    Sarebbe troppo granata vendere x qualcuno in grado di regalarci un briciolo di emozioni.
    Che almeno si liberi di Superciuk, ci faccia almeno questo regalo x la Befana visto che Babbo Natale non ci ha portato un nuovo allenatore.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. bergen - 7 mesi fa

      Il ricordo di Superciuk mi ha ridato il sorriso anche trattando di argomenti cupi…

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  26. Il_Principe_della_Zolla - 7 mesi fa

    Per Cairo fare qualcosa di granata è nell’ordine dell’impossibile.
    Puo’ comunque fare qualcosa di sensato, per lui e per noi: andarsene.
    Il suo lo ha avuto, in abbondanza. Puo’ realizzare la più grande plusvalenza della sua storia imprenditoriale, e per noi sarà un giorno di festa.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  27. Toro75 - 7 mesi fa

    Se qualcosa di “granata” non l ha mai fatta in 15 anni …
    Figuriamoci se lo fa adesso !!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  28. Marchese del Grillo - 7 mesi fa

    Metta in vendita il Toro. Ci liberi da questo fardello, spalanchi le porte e ci riconsegni alla storia e a chi ci ama per davvero o abbia soldi e interesse a investire in un serio e ambizioso progetto sportivo.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  29. subcomandante - 7 mesi fa

    ..se ne vadi!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  30. Tororossogranata - 7 mesi fa

    Ragazzi purtroppo ci dobbiamo rassegnare e speriamo solo nel futuro di non andare in B…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  31. prawn - 7 mesi fa

    Granata si nasce non si diventa, e Cairo non è mai stato granata in vita sua.

    L’articolo tuttavia mi ha fatto pensare una cosa, se tiri via tutto, anche i risultati ma almeno tieni la scuola di calcio, dai pulcini in su qualcosa di buono rimane.
    Ecco il minimo che potrebbe fare (e sarebbe anche lucrativo) è il Robaldo e il Filadelfia.
    diventare un modello italiano per il calcio e i giovani.
    Non servono centinaia di milioni ma solo tanta passione.
    ma ahimè pure quella latita, vero?

    Miha disse che il fila ci dava 2-3 punti, non successe, ma persino lui aveva capito di più il granatismo rispetto ai vari Cairo e Mazzarri

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  32. Paul67 - 7 mesi fa

    Cairetto? No party.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  33. bergen - 7 mesi fa

    Una strategia in grande – ma mirata modello premier – è la sola strada per un rilancio.

    Cairo sta sperimentando la curva psicobiologica dell’assuefazione.
    A vedere Torino Mantova c’erano circa 60 mila spettatori. Ora se arriviamo intorno ai 20 mila e’ già una buona giornata.

    Sono passati 13 anni ma sembra un secolo.

    Cairo non ha fatto i conti con questo fenomeno e la sua lamentela sui volumi di fatturato è viziata da questo errore di fondo.

    Nel calcio moderno i risultato sportivi sono una conseguenza -probabile – di quelli economici.
    Chi tenta il vice versa fa una brutta fine.

    Il problema è che una strategia del genere richiede coraggio.

    E come per don Abbondio uno se non ce l”ha non se lo può dare.

    Ma non voglio essere eccessivamente impietoso con Cairo.
    Dirò solo che probabilmente non è lui l’imprenditore adatto per quel tipo di avventura.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  34. Junior - 7 mesi fa

    Le bandiere sono finite. Rimanere ancorati al passato una perdita di tempo. Non uccido la passione ma guardò in faccia la realtà.
    Pallotta ha preso la Roma piena di debiti e la sta rivendendo guadagnando 150M.
    Pensate Cairo non punti a qualcosa del genere in caso voglia vendere?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Granata - 7 mesi fa

      Veramente Pallotta lascia un buco da oltre 220 milioni !!! Questo dimostra il fallimento sportivo ed economico di un personaggio invidiato ed osannato da molti, anche qui su queste colonne. La Roma da Pallotta in avanti cosa ha vinto in base a quanto speso ? Rischia seriamente il crack ma non essendo il Toro, non la faranno fallire. Sicuro.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Junior - 7 mesi fa

        Non parlo di quanto lascia Pallotta ma di quanto si è messo in tasca e quindi lo relaziono a quanto il nostro presidente potrebbe guadagnare dalla possibile vendita del Toro.
        Per il resto dovremmo avere la doppia stella per gli scudetti del bilancio vinto e questo onestamente fa onore a Cairo visto che fine stavamo facendo ancorche non ci basta.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. Granata - 7 mesi fa

          Fammi capire, se quindi Cairo vendesse la società con 270mln€ di debiti intascando oltre 100mln€ a te andrebbe bene ? Per me sarebbe un fallimento su tutti i fronti e da acquirente non ci starei. Poi è tutto da dimostrare il guadagno di Pallotta. Io non ci credo.

          Rispondi Mi piace Non mi piace
          1. Junior - 7 mesi fa

            Per me sarebbe certo un fallimento ma per lui no. Difatti a messo a posto tutti i conti ed ora viaggia a regime plusvalenze da anni, il che gli fa onore come manager. Per noi certamente meno. Pallotta vende la Roma a 750M.e se ne va coi soldi in tasca pur con un viso da 220. Ecco il calcio moderno.

            Mi piace Non mi piace
          2. IlGrandePolicano - 7 mesi fa

            Scusa se mi permetto ma forse non ti è chiaro un passaggio: il compratore c’è e si chiama Friedkin (magnate texano) e pagherebbe 790 milioni in tutto, cioè nei 790 milioni sono inclusi 270 milioni che coprono i debiti attuali della Roma e 150 milioni di aumento di capitale, cioè soldi destinati a investimenti nel club (leggi stadio di proprietà o campagna acquisti). In tutto ciò Pallotta esce guadagnando un bel pacchetto di milioni. SE finirà così saranno evidentemente tutti contenti: Pallotta guadagna, la società avrà debiti ripianati e cash per crescere, il nuovo proprietario evidentemente avrà in mano il progetto per far fruttare il proprio investimento.
            ….e tu non ci staresti?
            Io sì e di corsa.
            Se arrivasse qualcuno che compra il Toro da Cairo, lo liquida facendogli guadagnare quello che vuole, ripiana eventuali debiti della società e ci mette 150 milioni extra da investire per la squadra o per uno stadio….sono pronto a portarlo in braccio a piedi nudi da Caselle a Superga.

            Mi piace Non mi piace
        2. Granata - 7 mesi fa

          Ilgrandepolicano, io non ci starei a ripianare 270 mln€ fi debiti fatti da altri.

          Rispondi Mi piace Non mi piace
          1. IlGrandePolicano - 7 mesi fa

            Tu.
            Friedkin invece è disposto a farlo.
            Ma non perché sia un coglione o uno sprovveduto.
            Evidentemente ha un progetto per cui di milioni ne guadagnerà. Nonostante anche i 270 milioni di debito che si accolla.
            Ecco, vedi….questo evidentemente è un imprenditore.
            Quello che servirebbe anche a noi.
            ….noi invece abbiamo Cairo…che, per esempio, nel buffet della tribuna V.I.P. ti fa trovare grissini e salumi Beretta (regalati dallo sponsor) E BASTA.
            Direi un grande PRENDITORE più che un grande imprenditore.
            Ricchi premi e cotillon.
            Saluti.

            Mi piace Non mi piace
  35. Opi - 7 mesi fa

    Va bene,
    Sono 15 anni che continuiamo a sperare in qualsivoglia tipo di svolta che ci faccia almeno intravedere una sorta di cambiamento positivo o almeno la volontà di provarci, e sono 15 anni che ci accapigliamo in discorsi di tecnico formazioni mercato giocatori preparatori atletici ecc ecc
    Il reggente attuale( chiamarlo presidente non è davvero possibile ) rilascia dichiarazioni deliranti paragonandosi a Novo, dicendo che la squadra difficilmente è migliorabile ed altre amenità del genere
    Tralascio la lunga sequela di cazzate che abbiamo dovuto sentire se no facciamo l’alba
    Abbiamo contestato pianelli radice sergio rossi (dio abbia pietà di chi lo ha fatto.. me compreso) e non siamo capaci di far capire al mandrogno che ci ha rotto veramente i coglioni?….. allora ce lo meritiamo

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. ElettoreReazionario - 7 mesi fa

      Non amo la società del “like”, ma potessi…al tuo commento ne metterei qualche vagonata.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Marchese del Grillo - 7 mesi fa

      Mezz’ora di applausi da parte mia. Mi devono bruciare le mani!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  36. Karmagranata - 7 mesi fa

    Faccia qualcosa di Granata: Si levi dai piedi il più presto possibile. SSFT!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  37. Andyyytoro - 7 mesi fa

    Non ne possiamo più!
    Metta il TORO UFFICIALMENTE IN VENDITA .
    Se volesse troverebbe nel giro di poco tempo qualche compratore importante non lucrare . FATTI DA PARTE BASTA DAVVERO

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  38. afo70t_14519221 - 7 mesi fa

    Se dopo QUINDICI ANNI siamo ancora alla lista dei desideri del Fila del settore giovanile e una società ben struttura allora non abbiamo più futuro.
    Una lenta agonia di risultati mediocri e squadra/società da bassa classifica.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  39. Mimmo75 - 7 mesi fa

    Ora, a parte le battute, mi riallaccio al post di bergen che trovo assolutamente condivisibile ma irrealizzabile con Cairo. Siccome sono un inguaribile ottimista voglio pensare che lo scaltro Cairo abbia in serbo non dico qualcosa di granata (non ce la può fare) ma almeno un progetto di portata minore di quello indicato da bergen ma comunque in grado di dare una netta sterzata al Toro inteso come società di calcio. Mi è tornato infatti in mente che (mi pare) un anno fa o poco più, Bava e Petrachi (e forse Comi) andavano spesso in spagna a studiare il modello Barca partendo dalla cantera. Ecco, ora Bava è DS (un caso o programmazione? – nel senso che sarebbe comunque succeduto a Petrachi) e il Toro sta sfuggendo di mano a Cairo. Questo è il momento delle scelte coraggiose e se quei viaggi non erano finalizzati solo ed esclusivamente alla gestione del vivaio ma a una intera ristrutturazione societaria e gestionale, forse, nei prossimi mesi, assisteremo a un netto cambiamento. Questa è la mia speranza, perchè da quando è andato via Ventura si è chiuso un circolo virtuoso e l’addio di Petrachi ha ulteriormente aggravato la situazione.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. prawn - 7 mesi fa

      Il Barca?
      Articolo di oggi sul corriere: hanno investito 720,5 Milioni di Euro negli ultimi 10 anni…

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. prawn - 7 mesi fa

      Dovevano copiare il Bilbao altro che il Barca!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    3. fra_grant_3447307 - 7 mesi fa

      Andavano a Barcellona per comprare coca, che studiare il Barcellona.. Ma credi a tutto ciò che scrivono i giornali?? Cosa vuoi studiare a Barcellona che non abbiamo nemmeno uno stadio dai ma per cortesia ma svegliamoci

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  40. Ardi - 7 mesi fa

    L’unica cosa di granata che può fare è vendere la società

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  41. Mimmo75 - 7 mesi fa

    Costantino, una domanda: all’età di 15 anni lei scriveva ancora la letterina a babbo natale, convinto che la leggesse? Il dubbio mi viene, leggendo questo articolo, se dopo 15 anni di gestione algida ha ancora la fantasia di chiedere a Cairo qualcosa di granata.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. prawn - 7 mesi fa

      Costantino avrà al massimo vent’anni

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  42. PaulKersey - 7 mesi fa

    Cairo, basta cosi’, grazie. Io non ne posso piu’, a questo punto se scompari ci fai una figura migliore…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  43. bergen - 7 mesi fa

    Riscrivo la strategia che ho indicato a Vecchiamaniera.
    Ipo entro l’anno con aumento di capitale da 250 milioni
    Progetto stadio Grande Torino stile Olympiastadium di Berlino e realizzazione della città storica granata.
    Accordo con Cina, India ed Emirati Arabi per inserimento del percorso storico negli itinerari turistici del Nord Italia.
    Rifondazione delle squadra affidata a Una Emery, senza vincoli di mandato.
    Obiettivo diversificazione dei ricavi con almeno 50 per cento proveniente da fonti diverse dai diritti televisivi; con un target minimo a 300 mini entro il 2024.
    Come obiettivi sportivi stabilirei una competizione nazionale entro 5 anni ed una internazionale entro 10 anni.

    Do’ per scontata la (ri)fondazione della struttura societaria su.basi solide con un AD esperto di provenienza sportiva ma non calcistica.

    Do’ anche per.scontato che l’Oro contenga elementi di innovazione non soltanto sugli obiettivi di diversificazione ma in termini di allargamento della base sponsorizzazioni anche tramite l’allargamento a campionati emergenti.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Mimmo75 - 7 mesi fa

      Stai chiedendo a Cairo di andare prepotentemente contro se stesso. Te ne rendi conto, si? Questo ha aspettato l’ultimo secondo di mercato per prendere Verdi (non Messi) e tu gli chiedi di versare 250 milioni, costruire uno stadio, realizzare una città storica, stringere accordi con mezzo mondo e dare carta bianca a un suo collaboratore? Piuttosto si fa prete.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. bergen - 7 mesi fa

        Hai ragione.
        Questa non è una strategia per Cairo ma per il Toro.

        Ma d’altronde il titolo …

        Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. vecchiamaniera - 7 mesi fa

      Piano imprenditoriale perfetto:ambizioso,oculato,che troverebbe credo il favore della maggior parte dei tifosi.Come già detto più volte,io sono.un inguaribile ottimista,ma a oggi la vedo moooolto dura…

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  44. Mario66 - 7 mesi fa

    Caro Costantino dopo 15 anni non ci credo più. Cairo è questo e basta. Un grande burattinaio.
    L’unica soluzione è che se ne vada dignitosamente dove per dignitosamente intendo senza lucrarci nulla (vedi i Della Valle a Firenze). Saluti e grazie.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  45. Pesce - 7 mesi fa

    Signor Costantino se avesse “posato” la penna perlomeno non avrebbe sprecato il suo (immagino) prezioso tempo. La sua è pura utopia!

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy