Toro News
I migliori video scelti dal nostro canale

Una voce fuori dal Toro

Passi in avanti

TURIN, ITALY - JANUARY 29: Andrea Belotti of Torino celebrates scoring during the Serie A match between Torino FC and ACF Fiorentina at Stadio Olimpico di Torino on January 29, 2021 in Turin, Italy. (Photo by Valerio Pennicino/Getty Images)

Torna l'appuntamento con Enzo Borgna e la sua rubrica "Una voce fuori dal Toro": l'arrivo di Juric sta influenzando bene la squadra

Enzo Borgna

La cosa che non mi ha sorpreso di questo inizio stagione è che alcuni tra i giocatori più criticati della scorsa stagione sotto la guida di Juric stiano migliorando: penso a Rodriguez, Linetty e Djidji, al momento con la sola eccezione di Zaza. So bene che anche Verdi non convince ancora, ma credo che il sistema di gioco del mister gli consentirà di confermare le qualità che aveva messo in mostra con Sarri e soprattutto con Donadoni.

Mi viene in mente il Toro di Giacomini, una vera e propria squadra da combattimento, bistrattata ad inizio stagione ma che seppe farsi apprezzare anche dai più diffidenti. Chi critica per partito preso il bicchiere lo vede sempre mezzo vuoto, ma resta il fatto che dopo 18 mesi di agonia, per ricostruire, per prima cosa, si debba comprendere il reale valore della rosa. E solamente inserimenti mirati, come mi pare sia stato Pjaca. Del resto, con la sola eccezione di Amauri, dalla Juve sono arrivati sempre giocatori consistenti o addirittura eletti dai tifosi come punti di riferimento irrinunciabili.

Foto Lapresse/Ufficio stampa Torino FC

Ovviamente per i tanti a cui piace il Fantacalcio la squadra andrebbe rivoluzionata, ma leggendo le notizie di calciomercato mi pare che anche le società più importanti si stiano addirittura ridimensionando. Non oso pensare cosa sarebbe successo se la proprietà del Toro si fosse comportata come quelle milanesi (vedi i casi Donnarumma e Lukaku). L’unica proprietà estera che non mi sento di criticare è quella della Fiorentina, che ha mostrato di non essere succube degli ex giocatori “simbolo” e dei procuratori.

A tale proposito, in attesa di esprimere un giudizio sulla scelta che farà Belotti, apprezzo comunque il silenzio non solo suo ma anche del manager (di cui neppure conosco il nome). Non le solite dichiarazioni di facciata di amore eterno ma riflessioni sul futuro. Mi corre anche l’obbligo di commentare il caso Messi, le cui lacrime ho trovato di cattivo gusto. Se è vero che il Barcellona ha fatto tutto quello che economicamente poteva fare per trattenerlo, e lui è così dispiaciuto dall’andarsene, perché non ha accettato il compenso che la società poteva permettersi? Non credo che il tenore di vita suo e degli eventuali pronipoti sarebbe cambiato.

Finalmente si avvicina il momento di tornare allo stadio, con la speranza, sono certo anche dei tanti che mi criticano, di rivedere il capitano alzare la cresta. Sempre e comunque forza Toro.

Avvocato generalista da oltre 40 anni, autore di un saggio sulla storia della professione forense pluripremiato (con un lontano passato di direttore sportivo di due squadre militanti in Eccellenza) e tifoso del Toro da quando Meroni ha vestito la maglia granata.

Attraverso le sue rubriche, grazie al lavoro di qualificati opinionisti, Toro News offre ai propri lettori spunti di riflessione ed approfondimenti di carattere indipendente sul Torino e non solo.