Fiorentina, centrocampo deludente: tante aspettative ma poca sostanza

Focus on / Il centrocampo viola è ricco di nomi importanti e frutto di investimenti della società, ma finora ha riservato poche gioie e diverse delusioni

di Federico De Milano

Venerdì sera ore 20:45 è in programma la sfida Torino-Fiorentina che darà inizio al girone di ritorno di questo campionato 2020/21, una gara nella quale Belotti e compagni cercheranno di vendicare la sconfitta del turno d’andata quando i granata vennero sconfitti al Franchi di Firenze per 1-0. I viola non sono in un buon momento di forma; è vero che nell’ultimo turno sono stati in grado di vincere 2-1 contro il Crotone ma questo risultato non può cancellare le precedenti partite nelle quali sono arrivate due delusioni in casa Fiorentina. Prima c’è stata l’uscita negli ottavi di Coppa Italia per mano dell’Inter, sconfitta casalinga arrivata ai supplementari, poi c’è stata la peggior prestazione stagionale degli uomini di Prandelli ovvero il 6-0 subito a Napoli che è stato un risultato terrificante per i viola. Un reparto che finora ha deluso è stato il centrocampo che, nonostante sia composto da giocatori sulla carta validi, ha riservato poche soddisfazioni fino ad ora in casa viola.

GENOA, ITALY – FEBRUARY 16: Rocco Commisso President of ACF Fiorentina during the Serie A match between UC Sampdoria and ACF Fiorentina at Stadio Luigi Ferraris on February 16, 2020 in Genoa, Italy. (Photo by Paolo Rattini/Getty Images)

INVESTIMENTI – Il presidente Rocco Commisso nelle ultime sessioni di calciomercato ha investito parecchio per formare un centrocampo all’altezza delle aspettative e degli obiettivi della sua squadra. Nell’estate 2019 ha acquistato dal Bologna Erick Pulgar per 10 milioni di euro e un anno fa, a gennaio 2020, ha speso la stessa cifra per Sofyan Amrabat del Verona (poi rimasto agli scaligeri in prestito fino a giugno). In estate sono stati presi altri due giocatori importanti come Giacomo Bonaventura e Borja Valero, arrivati entrambi a parametro zero ma comunque acquisti dispendiosi dal punto di vista dell’ingaggio. Anche Josè Maria Callejon è arrivato da poco a Firenze ma nonostante il grande investimento per il suo stipendio le prestazioni sono state poche e deludenti. Non va dimenticato quello che è il giocatore con più aspettative di tutta la mediana viola ovvero Gaetano Castrovilli, arrivato molto giovane a Firenze nel 2017, la scorsa stagione ha stupito tutti nel suo primo campionato in Serie A ma quest’anno è sceso di rendimento. È giusto anche citare un altro acquisto recente del presidente Commisso ovvero Alfred Duncan, mediano arrivato dal Sassuolo nell’estate 2020 per 15 milioni di euro ma passato in prestito al Cagliari da pochi giorni. Sono state fatte dunque grandi spese da parte della società ma finora, dal campo, non sono arrivate le risposte preventivate.

FLORENCE, ITALY – JANUARY 23: Giacomo Bonaventura of ACF Fiorentina celebrates after scoring a goal during the Serie A match between ACF Fiorentina and FC Crotone at Stadio Artemio Franchi on January 23, 2021 in Florence, Italy. (Photo by Gabriele Maltinti/Getty Images)

INTERPRETI – Probabilmente la Fiorentina si schiererà con un 3-5-2, per la sfida contro il Toro, quindi dovrebbero giocare 3 centrocampisti più due esterni. I nomi più probabili sono quelli di Bonaventura, Amrabat e Castrovilli accompagnati da Caceres e Biraghi sulle fasce. Questi sembrano essere i calciatori che danno più garanzie di rendimento al tecnico Cesare Prandelli che dovrebbe lasciare in panchina Borja Valero e Pulgar, quest’ultimo recentemente è stato anche al centro di voci di mercato e dunque una sua eventuale esclusione potrebbe essere anche causata da questo motivo. I granata dovranno essere bravi ad approffittare delle recenti difficoltà di questa Fiorentina che finora ha deluso le aspettattive come è testimoniato anche dal cambio allenatore di metà novembre. Sarà quindi una sfida tra due squadre che non hanno fatto bene nel girone d’andata e che puntano a rilanciarsi in questa seconda metà di campionato per recuperare posizioni in classifica e raddrizzare la stagione.

LEGGI ANCHE: “Fiorentina, la difesa scricchiola: la Viola fatica sia a 3 che a 4”

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy