Genoa, come cambia l’attacco senza Kouamé: occhio a Pinamonti e Pandev

Genoa, come cambia l’attacco senza Kouamé: occhio a Pinamonti e Pandev

L’attacco / L’ivoriano si è rotto il legamento crociato nella partita con la sua Nazionale U23 in Coppa D’Africa

di Luca Sardo

Si avvicina il prossimo turno di campionato. Dopo la sconfitta con l’Inter, il Torino sabato alle 18 andrà in trasferta a Genova ad affrontare i rossoblù a Marassi. Il Genoa arriva da un pareggio con la Spal per 1-1 nel posticipo della tredicesima giornata di Serie A. Dopo aver passato in rassegna la difesa e il centrocampo, ora andiamo ad analizzare l’attacco dei rossoblù.

Montagne russe granata: il sali e scendi che fa contestare

KOUAMÉ – Per il match contro il Torino, Thiago Motta non avrà a disposizione Christian Kouamé. L’attaccante della Costa D’Avorio si è rotto il legamento crociato anteriore del ginocchio sinistro nel match con la sua Nazionale contro il Sudafrica valido per la Coppa D’Africa Under 23. Il numero 11 rossoblù stava attraversando un buon momento considerati i 5 gol e i 3 assist fatti in 11 presenze in campionato prima di fermarsi ai box. Il giocatore è già stato operato e dovrebbe tornare in campo tra circa sei mesi.

INTERPRETI OFFENSIVI – Nel 4-2-3-1 disegnato da Thiago Motta, molte sono le soluzioni offensive che potrebbe adottare il tecnico rossoblù. Alle spalle di Pinamonti, il classe ’99 in prestito dall’Inter, ci potrebbe essere il tridente formato da Pandev, Agudelo e Gumus. Ma non è detto, infatti Thiago Motta potrebbe optare anche per Riccardo Saponara nel ruolo di trequartista al posto di Agudelo oppure schierare il classe ’97 Andrea Favilli o l’esperienza di Sanabria al posto del giovane Pinamonti. C’è da dire che il Genoa, pur essendo terzultimo in Serie A a quota 10 punti, ha segnato 15 reti fino a qui in tredici giornate (lo stesso numero di gol che ha fatto il Torino): dunque i ragazzi di Mazzarri dovranno prestare molta attenzione all’attacco rossoblù che – pur essendo senza Kouamé – potrebbe impensierire e non poco la difesa granata.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy