Primavera, il Torino riparte dall’Inter: granata a caccia del primo successo

Giovanili / La prima sfida dopo il lungo stop è difficile, ma Cottafava ora può contare sugli innesti dell’ultimo mercato

di Roberto Ugliono, @UglionoRoberto
Cottafava Torino Primavera

Dopo 3 mesi e venti giorni la Primavera del Torino torna ad affrontare una partita ufficiale. Domani al Suning Center alle 13 i granata di Cottafava sfideranno l’Inter di Armando Madonna. L’ultima volta che Siniega e compagni avevano giocato era per la partita di Ferrara contro la Spal, quando arrivò il pareggio per 2-2 strappato nei minuti di recupero da Lovaglio (giocatore rivelazione delle prime gare). Da quella gara a oggi qualcosa è cambiato.

Cottafava Torino Primavera

INNESTI – Le difficoltà iniziali incontrate dalla squadra di Cottafava sono state figlie anche di un mercato che ha potuto portare rinforzi solamente a stagione iniziata. Bava è riuscito a regalare al tecnico ex Sampdoria alcuni giocatori di grande qualità come Horvath e Karamoko, oltre a due scelte interessanti come Continella e Kryeziu. Tutti giocatori che difficilmente potevano dare sin da subito il loro contributo, visto che avevano bisogno di tempo per integrarsi. Tempo che aveva bisogno anche Cottafava per conoscere al meglio le qualità dei nuovi arrivi per poterli mettere in campo in modo da esaltarne le qualità. Dopo Ferrara poi è arrivato uno stop interminabile.

Celesia Torino Primavera

CAMBIAMENTI – Un periodo in cui l’allenatore della Primavera ha potuto lavorare solo in allenamento, strappando anche i complimenti di Giampaolo per quello che stava facendo con i suoi ragazzi. L’ex tecnico della Prima squadra aveva lodato Cottafava perché tutti i suoi ragazzi chiamati tra i grandi non sfiguravano e aiutavano a mantenere un buon livello negli allenamenti. Un segnale che – e non c’è da sorprendersi visto il carisma dell’allenatore della Primavera – nonostante non ci fosse il campionato i ragazzi continuavano ad allenarsi con serietà e professionalità. Il tempo ha dato la possibilità a Cottafava a disegnare al meglio la squadra. Nelle prime uscite in allenamento congiunto si è visto anche il primo cambiamento visibile. La squadra è stata messa in campo con il 3-5-2 e non con il 3-4-2-1 di prima. Il tutto è reso possibile da Continella. La mezzala arrivata dallo Spezia ha spiccate doti offensive e quindi dà il supporto sul centrosinistra che avrebbe dato il trequartista. A Milano il ragazzo potrebbe però non esserci per un problema dopo l’allenamento con il Novara. Contro l’Inter, comunque, sarà il primo test veramente impegnativo dalla ripresa. Il Torino deve iniziare un cammino diverso rispetto a quello di 3 mesi fa. Servono punti per risalire la china, un passo alla volta e con quella carica agonistica che Cottafava incarna.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy