Torino, Vagnati coordinerà anche il settore femminile: ci investì già alla Spal

Torino, Vagnati coordinerà anche il settore femminile: ci investì già alla Spal

News / Il responsabile dell’area tecnica pronto a inglobare la supervisione anche del vivaio femminile, con l’autonomia operativa di Massimo Bava che è sempre più ridotta

di Roberto Ugliono, @UglionoRoberto

Anche il settore femminile del Torino è ormai passato dalle competenze di Massimo Bava a quelle di Davide Vagnati. L’ex ds è sempre più defilato nelle gerarchie granata, mentre l’attuale responsabile dell’area tecnica ha attratto su di sè la supervisione anche di questa parte operativa della società, sempre più in crescita negli ultimi anni. Un passaggio di consegne che, appunto, ha de-responsabilizzato ulteriormente Bava, il quale ora ha oneri solamente nel Settore giovanile: non a caso, ha iniziato a guardarsi intorno. Gli effetti del nuovo corso Vagnati sul femminile, comunque, devono ancora iniziare a vedersi, visto che il direttore tecnico ha dovuto al momento concentrarsi su altri versanti, primo tra tutti – ovviamente – quello della prima squadra. Il responsabile dell’area tecnica, comunque, collaborerà con Marco Pianotti, che da sempre coordina l’attività delle giovani ragazze granata. Con le decisioni principali – come quella sull’opportunità di costruire o meno una prima squadra – che saranno ovviamente condivise con il presidente Cairo.

Toro, un mese di Vagnati: tanti cambiamenti, ma il calciomercato sarà il vero banco di prova

VAGNATI E IL FEMMINILE – Per ora si può dire che Vagnati abbia dimostrato di avere sensibilità per il lato “rosa” del calcio. L’ex SPAL già a Ferrara ha investito nel panorama femminile, avendo creato una Prima squadra che al momento milita nel campionato di Serie C e avendo potenziato il settore giovanile attraverso l’Accademia SPAL. Due discorsi molto importanti anche in casa Toro, che quest’anno ha aumentato considerevolmente il numero di iscritte arrivando ad avere una squadra per ogni categoria, ma ancora non ha una Prima squadra. In passato ci stavano lavorando Pianotti e Bava, ma con il passaggio delle consegne non ci sono stati ulteriori sviluppi. Vagnati deve risolvere altre priorità e poi si focalizzerà anche sul femminile, settore che comunque non ha mai trascurato e questo può far ben sperare in casa Toro.

Morace sulla squadra femminile: “Cairo punti ad arrivare presto in A, il Torino ha una grande storia”

NECESSITA’ PRIMA SQUADRA – Come già spiegato nelle scorse settimane con dovizia di particolari, quello di avere una Prima squadra per la stagione 2020/2021 è una necessità, perché altrimenti il Toro rischierebbe di perdere gran parte delle ragazze della Juniores. Un gruppo che, sotto la guida di Tatiana Zorri, ha dominato i campionati regionali e sfiorato un anno fa il titolo nazionale. Per poterlo fare acquisendo un’altra società ci sono due strade percorribili: farlo entro il 20 luglio (scadenza che è stata posticipata di un mese da FIGC e LND causa lockdown) o attraverso una deroga e quindi prendendo una decisione oltre i termini prestabiliti. La seconda opzione è percorribile, visto che la tendenza nel mondo femminile è di concedere deroghe alle società che hanno intenzione di investire seriamente nel panorama del calcio rosa.

2 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. crew_389 - 3 mesi fa

    Chi troppo vuole nulla stringe

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Paul67 - 3 mesi fa

    SV, SUPER VAGNATI.
    Fa tutto lui……

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy